Skin ADV
Venerdì 24 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


23.11.2017 Barghe Valsabbia

22.11.2017 Bione

22.11.2017 Idro Villanuova s/C Valsabbia

23.11.2017 Vobarno Valsabbia

23.11.2017 Giudicarie

22.11.2017 Bione

22.11.2017 Sabbio Chiese

22.11.2017 Valsabbia

22.11.2017

23.11.2017 Giudicarie






10 Febbraio 2017, 08.04

Genitori & Figli

Se a un giovane manca l'idea di futuro

di Giuseppe Maiolo
Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

Quando leggi una lettera tragica come quella di Michele che a trent’anni dopo averla scritta, si toglie la vita per non essere riuscito a trovare un lavoro, ti domandi cosa sta accadendo ai nostri giovani. 
 
Non puoi ignorare che la crisi economica e la mancanza del lavoro sia un’esperienza angosciante per un ragazzo che sta cercando di affrontare la vita, ma forse non è sufficiente il precariato di un giovane adulto a spiegare il gesto estremo del suicidio.
Di certo è espressione di un disagio profondo, strettamente collegato alla mancanza di realizzazione professionale. Un malessere intimo e acuto che scava gallerie spaventose e che, a volte, può condurre a  scelte definitive.
Uno dei problemi più acuti che i giovani devono affrontare è quello di inseritisi nel mondo del lavoro, ma anche quello di individuarne un’attività adeguata alle aspettative. Forse una volta in frangenti simili sosteneva la fiducia di farcela prima o poi. Oggi è questa è venuta meno. 
 
La lettera scritta da Michele se la leggiamo con attenzione può servirci per provare a capire.
Le sue parole sono un J’acuse spietato che mette un’intera società sul banco degli imputati. Sono macigni scagliati contro chi avrebbe dovuto aiutare e non lo ha fatto ed esprimono la stanchezza di un lungo tempo passato a fare mille tentativi senza esiti positivi.

C’è dunque la protesta violenta e la rabbia, l’esasperazione e la ribellione ma in fondo a questo grido dolente c’è la delusione e lo sconforto. Più ancora, la disperazione totale che però rimane dentro.
La denuncia di un mondo che gli avrebbe dovuto dare ben altro e di una vita che ruba la felicità ai giovani, è tardiva ma esplicita in maniera chiara una cupa infelicità e soprattutto il vuoto di futuro che doveva albergare da tempo nei suoi pensieri.
 
Ed è appunto la disperazione che domina nel suo scritto, ovvero l’assenza di speranza e il vuoto di futuro. Che, a mio avviso, non vuol dire solamente la mancanza di una prospettiva di realizzazione professionale, sociale ed economica, quanto piuttosto l’assenza l’idea di futuro. 
Sembra essere questo ciò che manca oggi a molti giovani.
Intendo la mancanza di un progetto di crescita e di cambiamento e l’idea di poter realizzare le parti più autentiche della propria individualità. Manca quella fantasia creativa che dovrebbe spingere a credere nella possibilità di realizzare un soddisfacente piano affettivo e relazionale e l’intima fiducia di riuscire ad amare e farsi amare.

Manca la visione di un processo di conoscenza di se stessi come obiettivo principale e grazie al quale possono poi scaturire soddisfacenti scelte relazionali, professionali e di affermazione sociale.
Manca un’intima convinzione che  sia possibile prima o poi il raggiungimento dell’autonomia e, pur con fatica e lentezza, anche uscire dal lungo inverno della dipendenza familiare.
 
In mancanza di questa idea di futuro che è visione più interiore e psichica che sociale, tutto si confronta solamente con il piano materiale ed economico e con il bisogno di affermazione sociale.
Per questo motivo il dolore derivante dalla mancanza di prospettiva interna è acuto, devastante. Così l’attesa diviene insopportabile e muore il desiderio di crescere e diventare ciò che si è. In definitiva allora muore la fiducia e la speranza. Rimane aperto un terribile interrogativo: chi non ha dato gli strumenti utili a sviluppare un’idea di futuro adeguato all’esistenza di oggi? 

Giuseppe Maiolo
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/10/2015 16:17:00
Comunicare in famiglia, come si fa? Venerdi 16 ottobre 2015 alle ore 20,45 presso l’Auditorium comunale di Roè Volciano, per il ciclo Genitori in FormAzione. interverrà Paola Scalari, psicosocioanalista di Venezia grande esperta di famiglia e di adolescenti. Pino Maiolo l'ha intervistata per noi


06/10/2015 09:11:00
Il ritorno del padre L'appuntamento di questo giovedì con Genitori in FormAzione è per le 20,45 nella biblioteca comunale di Vobarno, con lo psicoanalista milanese Claudio Risè, scrittore e noto giornalista


08/02/2016 06:26:00
Genitori omosessuali: figli disturbati? L’animata discussione sulle unioni civili sta alimentando un dibattito utile sull’omogenitorialità, ma a volte confusivo perché viziato da molti pregiudizi e da deformanti posizioni ideologiche

26/10/2017 08:00:00
«Genitori 2.0», educare figli responsabili L'ultimo libro di Giuseppe Maiolo è pensato come una “guida” per i genitori di oggi spesso smarriti di fronte alle emergenze e ai fatti di cronaca

29/04/2015 08:22:00
Le parole nella separazione Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"



Altre da Genitori e Figli
08/11/2017

Inganna il maiale: un nuovo bullismo in rete

Si tratta di un "gioco" che non adrebbe per nulla chiamato tale e che arriva a provocare devastazione psicologica nelle vittime
(1)

23/10/2017

Imparare Internet per educare i figli

Internet è una realtà preziosa, ormai insostituibile. Da quando, agli inizi degli anni novanta del secolo scorso, Internet è diventata una “rete” di connessioni diffusa e utilizzata a livello globale la nostra realtà è cambiata radicalmente

08/10/2017

Adolescenza e depressione

Flavia Bustreo: «La depressione è una minaccia sottovalutata nel mondo moderno, soprattutto verso le fasce più deboli della popolazione, fra cui donne dopo la gravidanza e gli adolescenti» (1)

25/09/2017

La paura di diventar grandi

Crescere o non crescere, questo è il dilemma. Parafrasando Amleto, potrebbe essere l’interrogativo che si pongono i Millenials, cioè tutta quella generazione che è nata con l’esplosione di Internet ed è cresciuta con la tecnologia digitale

19/09/2017

Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa

Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

04/09/2017

Meno stress per il rientro dalle vacanze!

Settembre è per tutti il mese della ripresa. Ognuno riprende la vita di prima dopo le vacanze estive, il tempo lungo del giorno, l’ozio e la distensione. C’è chi ritorna al lavoro e che inizia la scuola

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

25/07/2017

Bulli e bulle per me pari sono

Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente

08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia