07 Dicembre 2019, 10.06
Prevalle Provincia
Teatro

«Medolér», storia umana e sociale di una comunità

di Marisa Viviani

Lo spettacolo di teatro e musica andato in scena nei giorni scorsi al Teatro Paolo VI di Prevalle ha rappresentato un aspetto rilevante della storia umana, sociale ed economica della comunità di Botticino Mattina: le sue cave di marmo, i suoi cavatori, le loro famiglie nel contesto degli anni '50/'60


Facendo seguito ad una precedente commedia, "Sóta èl pórtech", che narrava l'ambiente contadino del paese degli anni tra il '40 e il '50, il gruppo "Teatro Oratorio di Botticino Mattina", con la Banda Musicale "Giuseppe Forti" di Botticino e la collaborazione della Banda "Giuseppe Sgotti" di Nuvolera, ha inteso completare il racconto di una comunità fortemente identificata nei simboli della propria economia, rappresentati dai vigneti e dal vino (in "Sóta èl pórtech") e dalle cave e dal marmo (in "Medolér").

In dialetto "medól" significa cava e "medóler" cavatore/i, termini che a Botticino, e nei paesi dove sono presenti le cave di marmo, sono gravidi di storia e storie, ricordi, affetti, emozioni, dolori. Giacomo Luzzardi, autore dei testi e regista, con questo spettacolo ha voluto rendere omaggio ai medóler e riconoscere la dignità del loro lavoro.

"Oggi con il Teatro e con la Banda vogliamo mettere il tassello mancante al racconto di Botticino: le cave, anzi i medóler, soffermandoci sulle persone e sulle vicende che, vivendo a Botticino Mattina, abbiamo conosciuto qualche tempo fa, e delle quali vogliamo fare riconoscente e affettuosa memoria." Così il gruppo teatrale, insieme alla banda musicale, ha dedicato alle passate generazioni di cavatori un'attenzione dovuta, come già vari storici locali avevano riservato in pubblicazioni specifiche.

A questo proposito vanno infatti ricordati gli scritti di don Sandro Gorni sui ricordi e la storia della comunità, di Gio Pietro Biemmi che riportò le memorie di Celòto medóler, Angelo Forti (La vita e la pietra), di Massimo Tedeschi in opere varie sulla storia di Botticino, di Fabio Secondi e Carlo Simoni (I ricordi sono pietre), di Enzo Marchetti (Essere cavatori a Botticino).

L'opera "Medóler" continua così il lavoro di ricerca nel mondo delle cave e dei cavatori intrapreso dai testimoni e dagli storici, con un diverso linguaggio, quello del teatro e della musica, lanciando uno sguardo umano e famigliare su questa realtà, che passata attraverso i secoli (era esistente già in epoca romana) e innumerevoli trasformazioni socio-politiche e tecnologiche, è giunta fino ai tempi nostri circondata da un'aura di sacralità, che eleva i protagonisti ad eroi di una quotidianità che si ammanta dei caratteri del mito.

Il racconto verte sulla vita del cavatore e della sua famiglia, giocata nei diversi ambienti della cava e dell'abitazione, che in un efficace gioco scenico vedono la baracca degli operai trasformarsi nella cucina di casa. Sulla scena si muovono i protagonisti della saga, i medóler, intenti al lavoro, ai pensieri, alle discussioni, esposti alla fatica, agli incidenti, alla morte; mentre la famiglia diviene parte della vicenda che si consuma al medól, assumendone il carico economico, emotivo, culturale in un continuum esistenziale che lega uomini, donne, bambini, e tutta la comunità.

Il merito dell'autore dei testi è di aver trattato una materia drammatica, per certi aspetti tragica, con una levità che rende lo spettacolo piacevolissimo. Filtrato attraverso il linguaggio dialettale bresciano, comune ai personaggi e al periodo storico rappresentati (anni '50/'60), il racconto si sviluppa con semplicità espressiva, toccando anche momenti di puro divertimento, mentre i temi di maggior intensità narrativa sono riservati alla presentazione iniziale introdotta in lingua italiana dalla voce narrante.

Molto realistiche le scenografie, realizzate con un lunghissimo lavoro manuale da profondi conoscitori del materiale e degli ambienti di cava, così come sono appropriati i costumi recuperati tra il vestiario realmente utilizzato, che porta i segni del tempo e dell'usura. "Conosciamo questa realtà in modo diretto, poiché qui siamo nati e qui siamo cresciuti, e perché il nostro paese è questo: con le cave e i vigneti." Non la costruzione intellettualistica di una storia, dunque, ma la narrazione di una comunità che rappresenta sé stessa attraverso la memoria dei testimoni e dei loro discendenti nelle parole, negli avvenimenti, nella concretezza dei luoghi e delle cose.

La vicenda che si svolge in scena è sottolineata da un commento musicale; l'introduzione della musica in forma organica in uno spettacolo teatrale, ne eleva certamente il livello qualitativo, soprattutto se scelta e interpretata da musicisti di valore.

Per la specificità di questo spettacolo, i brani presentati sono in parte originali, composti dal M° Claudio Mandonico, in parte brani noti e arrangiati sempre dal noto compositore bresciano, docente di musica al Conservatorio di Bergamo e direttore di orchestra.

Ad interpretare tali brani, colti e popolari individuati per la loro qualità musicale, è la Banda Musicale "Giuseppe Forti" di Botticino, in collaborazione con la Banda Musicale "Giuseppe Sgotti" di Nuvolera, dirette dal M° Stefano Gamba, diplomato in clarinetto al Conservatorio di Brescia.

Il connubio tra la compagnia "Teatro Oratorio di Botticino Mattina" e la Banda Musicale "Giuseppe Forti" di Botticino non è nuovo a questo genere di spettacolo di teatro e musica, già sperimentato con la pièce "Nel quindes des dòt ghèra la guèra", molto apprezzata dal pubblico. E anche per "Medóler", arrivato alla quinta replica, si conferma il successo precedente.

Lo spettacolo "Medóler" sarà replicato sabato 22 febbraio alle ore 20.30 e domenica 23 febbraio ore 16.00 presso il Teatro Centro Lucia di Botticino. Da non perdere!

Nelle foto di Luciano Saia: Scene dallo spettacolo "Medolér" (Prevalle, 30/11/2019)


All'allestimento dello spettacolo hanno partecipato:

Voce narrante: Nicola Rossi

Attori: Jacopo Prati, Antonio Coccoli, Domenico Lonati, Lorenzo Mino, Simone Cremonesi, Oscar Mussio, Federico Luzzardi, Stefano Fassoli, Oscar Coccoli, Filippo Oprandi, Matteo Marcarini, Roberta Temponi, Giovanni Cremonesi, e i giovanissimi Paolo Arici, Stefano Ricci, Cristiano Cremonesi

Testo e sceneggiatura: Giacomo Luzzardi

Scenografia: Giacomo Luzzardi, Giuseppe Tregambe, Francesco Sanca, Claudio Ponzanelli

Direzione: Stefano Gamba

Regia: Giacomo Luzzardi - Assistenti alla regia: Elisa Benetti, Letizia Abampi

Logistica: Gruppo Alpini di Botticino Mattina e di Botticino Sera e altri volontari

Musica: M° Claudio Mandonico

Banda Musicale "G. Forti" di Botticino (presidente Cristina Franzoni), con la collaborazione della Banda Musicale "G. Sgotti" di Nuvolera (presidente Enrico Caravaggi)

Direzione musicale: M° Stefano Gamba



Vedi anche
19/02/2020 10:57

«Medóler», sesta e settima replica Sarà replicato in questo fine settimana al Teatro Centro Lucia di Botticino lo spettacolo di teatro e musica allestito dalla Compagnia Teatro Oratorio di Botticino Mattina

30/11/2019 09:29

Il duro lavoro nelle cave di marmo Sarà proposto questo sabato 30 novembre al teatro Paolo VI a Prevalle lo spettacolo teatrale “Medolér”, portato in scena dalla Compagnia teatrale oratorio Botticino Mattina e dalla banda musicale “Giuseppe Forti” di Botticino.

11/11/2016 13:48

«Nel Quìndes Desdòt ghéra la guèra», si replica Sarà riproposto questa domenica 13 novembre presso il teatro del Centro Lucia di Botticino lo spettacolo dedicato al centenario della Grande Guerra realizzato dalla Banda Musicale "G. Forti" e dalla Compagnia Teatro Oratorio di Botticino Mattina

25/10/2018 08:00

«Amore di madre, amore di patria»

Lo spettacolo itinerante diretto da Ecomuseo del Botticino in occasione del Centenario della Grande Guerra andrà in scena questo sabato, 27 ottobre, a Prevalle e il prossimo 10 novembre a Botticino

22/10/2015 11:08

«Nel quìndes desdòt ghéra la guèra» Sabato e domenica prossima a Botticino uno spettacolo teatrale-musicale dedicato al centenario del primo conflitto mondiale con protagonisti la Banda Musicale "G. Forti" e la Compagnia Teatro Oratorio di Botticino Mattina



Altre da Prevalle
29/09/2020

Locale avvisato...

Giro di vite sui locali pubblici che non rispettano la normativa anticovid. A Prevalle chiusi per 5 giorni una pizzeria ed un bar. E i controlli proseguono

28/09/2020

Soccorso in Rocca

L’infortunio ad un turista che insieme ad altri stava rientrando da una visita alla Rocca d’Anfo. Per fortuna non è grave

28/09/2020

Ecomuseo del Botticino premia i talenti del territorio

La cerimonia conclusiva del Premio “Ecomuseo del Botticino” si è svolta lo scorso sabato alla presenza dell'Assessore regionale alla Cultura Galli. Tre le persone premiate, più una menzione speciale

25/09/2020

Depuratore, i sindaci convocano la Conferenza dei Comuni

L'Ufficio d'Ambito ha ricevuto in data odierna un'ulteriore richiesta, tramite lettera, da parte dei sindaci di ben 50 Comuni bresciani. Obiettivo la convocazione della conferenza in cui presentare una mozione che fissa tre punti fondamentali

21/09/2020

Mascherine made in Prevalle

Prosegue la produzione di mascherine “Face cover Mercury”. Una produzione made in SABA Confezioni, una delle prime aziende, a marzo, a convertire parte della sua produzione per affrontare così l’emergenza nazionale

21/09/2020

Fronte del «no», i sindaci raccolgono adesioni

In vista della riunione della Cabina di regia i sindaci dell'asta del Chiese puntano ad un ulteriore aumento delle adesioni per la convocazione della conferenza dei sindaci nell'Ufficio d'Ambito

18/09/2020

L'assessore Magoni ad Ecomuseo: «La vostra ricchezza è il lavoro di squadra»

Meravigliata dalla ricchezza dell'enogastronomia e della cultura del nostro territorio, l'assessore regionale al Turismo Lara Magoni, in visita a Prevalle, si è complimentata con Ecomuseo del Botticino per la sinergia vincente tra i suoi Comuni

18/09/2020

Omsi, maxi investimento da 30 milioni

Futuro in chiave 4.0 per la Omsi Trasmissioni, da due anni impegnata nel nuovo sito logistico e produttivo di Prevalle

17/09/2020

Fallita la Tematrade, il ramo d'azienda torna alle ex Pasotti

I dipendenti del polo produttivo di Prevalle tornano in carico al fallimento delle ex Industrie Pasotti, condizione necessaria per uscire dallo stallo in cui si trovano da mesi. Seguirà l'insinuazione al passivo per i compensi non ricevuti

14/09/2020

Per una scelta consapevole e responsabile

In vista del referendum costituzionale Acli Valle Sabbia e la lista civica “Uniamo Prevalle” organizzano questo mercoledì, 16 settembre, una serata informativa per aiutare i cittadini a fare chiarezza sul quesito e sulle ragioni del sì e del no