Skin ADV
Giovedì 27 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Temporale sul portone

Temporale sul portone

di Gianfranco Fenoli

[Estate]


26.07.2017 Vestone

25.07.2017 Paitone

25.07.2017 Sabbio Chiese Valsabbia

25.07.2017 Bagolino

25.07.2017 Valsabbia Provincia

25.07.2017 Prevalle Provincia

25.07.2017 Gavardo Vallio Terme Villanuova s/C

26.07.2017 Preseglie

26.07.2017 Odolo

26.07.2017 Provincia






24 Ottobre 2016, 11.44

Genitori & Figli

Smartphone sotto controllo

di Giuseppe Maiolo
I giovani, ma anche i bambini usano ormai costantemente le nuove tecnologie, con estrema facilità e molta più velocità degli adulti. Non è un male di per sè, ma attenti alle dipendenze

Non è una novità. Lo smartphone, per esempio, non è più status-symbol, ma un oggetto di uso comune che i piccoli fin dalla  scuola primaria maneggiano con naturalezza.
E questo perché i nativi digitali nascono, crescono e si muovono nel mondo tecnologico. Rapidamente, pur non sapendo nulla di come funziona un cellulare o un tablet, lo sanno usare “d’istinto”.

Allora non è strano vedere un un telefonino in mano ad un bambino anche piccolo.
Anzi, contrariamente a quanto si può pensare, molti sono i genitori che lo danno precocemente perché ritenuto utile. Dicono “non si sa mai può servirti per chiamarci se hai bisogno!”

In realtà il cellulare dovrebbe essere fatto usare presto ai bambini non per emergenza, ma perché appartiene alla nostra comunicazione ed è di “vitale” utilità per tutti.
Bisogna però saperlo usare e ci vogliono adulti che insegnino precocemente ai bambini il suo uso coretto. 

Lo smatphone, strumento potentissimo e multimediale, è diventato un’appendice un po’ per tutti e ormai fa parte integrante della nostra esistenza.
In mano ai giovani serve non solo per telefonare, anzi questa è l’ultima cosa che essi fanno con il telefonino, ma per mandare sms, chattare, ascoltare e scaricare musica, fare foto e video da condividere, giocare, vedere filmati.

Tuttavia il cellulare se usato senza controllo, può diventare uno strumento capace di creare dipendenza.
Una subdola dipendenza forse simile ad altre dipendenze più note come quella dalle sostanze o dall’alcol. 

Per scongiurare questo pericolo sempre più frequente è necessario controllare e regolamentare.
Non si tratta di negar l’uso del telefonino o, peggio ancora, usare il divieto come punizione. Non serve questo tipo di azione ai fini educativi anzi può essere controproducente.

Bisogna invece promuovere un utilizzo appropriato del dispositivo.
Magari insegnare come si usa negoziando con i figli, soprattutto gli adolescenti, perché se ne eviti l’abuso. Si potrebbe ad esempio, stipulare un patto sull’uso del telefonino. Una sorta di codice di comportamento condiviso tra minore e genitore. 

Tra le cose da far sottoscrivere dopo e averne spiegato i motivi e avviata un’adeguata negoziazione, vi sono i tempi in cui si chiede di tenere spento il cellulare (a pranzo, alla sera dopo una certa ora ecc.).
In particolare si chiederà il rispetto del divieto ad usarlo in certi posti (scuola, ospedali, treno), e si inviterà a prestare attenzione all’uso corretto della cam, ma soprattutto a non postare sul web foto e video senza il consenso delle persone riprese.

E’ fondamentale che si insista sull’importanza di non offendere o infastidire altre persone, perché il bullismo virtuale è facile e sempre in agguato.
Far accettare piccole regole di comportamento che, peraltro anche gli adulti sono chiamati a condividere e rispettare, aiuta i minori a dare la giusta importanza alla tecnologia e a comprendere il valore delle regole utili anche come protezione e tutela.

Giuseppe Maiolo
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/09/2016 06:05:00
iPhone 6s - lo smartphone Apple che fa la storia Negli ultimi anni si è sviluppata una vera e propria passione per gli smartphone: tutti ne hanno almeno uno ed alcuni, in ambito lavorativo o familiare, ne possiedono addirittura due

27/10/2016 15:26:00
Lo smartphone del futuro? E' cinese Cornici assenti, schermo con bordi curvi e nessun foro per l’altoparlante: il “concept phone” dell’azienda orientale è già in vendita a partire da 480 euro. Ma solo in Cina

11/05/2014 16:45:00
Una app per il disturbo bipolare Un'applicazione da smartphone riuscirebbe ad "ascoltare" il disturbo bipolare, rilevando gli sbalzi di umore attraverso l'analisi vocale

09/12/2015 12:08:00
Lo smartphone ci cambia la vita... in meglio o in peggio? Deloitte ha condotto una ricerca sull'utilizzo degli smartphone e purtroppo noi italiani ne usciamo a testa bassa


19/07/2015 08:25:00
La tecnologia più utile? Quella dei sistemi di controllo della frenata Secondo un'indagine UnipolSai 2015, per i bresciani la tecnologia in auto dà più sicurezza




Altre da Salute
25/07/2017

Il vaccino dell'ignoranza

Da qualche mese una furente polemica riempie le pagine dei giornali e alimenta altrettanto accese discussioni popolari sul valore dell’obbligo di vaccinazione delle persone tra zero e sedici anni, per poter accedere alle scuole (28)

25/07/2017

«Prendete delle decisioni»

Sull'ospedale Gavardo, ma più in generale sulla medicina territoriale in Valsabbia, interviene il consigliere rogionale valsabbino Gianantonio Girelli: «E' tempo che l'assessorato si assuma le sue responsabilità e prenda delle decisioni»

25/07/2017

«Riforma sanitaria in alto mare»

Nell’incontro promosso venerdì sera a Gavardo dal Pd della Valle Sabbia sono state evidenziate le lacune della riforma sanitaria lombarda e i forti ritardi nell’attuazione della stessa

24/07/2017

L'antibiotico giusto per ogni paziente

È stato attivato presso l’Asst del Garda il servizio aziendale di infettivologia per offrire attività di consulenza ai medici e ai pazienti ricoverati per la scelta del giusto antibiotico (1)

22/07/2017

Cura la cataratta

Torna a vedere i colori della vita! Ai tuoi occhi non sfuggira’ piu’ un dettaglio

19/07/2017

Sanità e ospedale, un confronto col Pd

Il tema della riforma sanitaria regionale e le ricadute sul territorio, Ospedale di Gavardo compreso, al centro di un incontro organizzato questo venerdì sera a Gavardo dal Partito Democratico della Valle Sabbia con amministratori, medici e sindacati

14/07/2017

«Per fugare ogni dubbio»

In merito all'articolo "La Memoria, fra gioie e dolori" da noi pubblicato nei giorni scorsi, ecco le risposte del direttore generale dell'ASSST del Garda Peter Assembergs. Lo ringraziamo per la puntualità, la competenza e la completezza  (1)

13/07/2017

Il colesterolo, nemico subdolo

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nei Paesi industrializzati

11/07/2017

«La Memoria» fra gioie e dolori

L’assemblea tenutasi una decina di giorni fa a Gavardo ha visto in particolare gli amministratori locali in prima linea per farsi interpreti delle preoccupazioni in merito ad alcuni servizi offerti dall’ospedale di Gavardo. A margine, abbiamo raccolto approfondimenti piuttosto interessanti (6)

08/07/2017

Un defibrillatore per la spiaggia di Ponte Caffaro

L'idea è venuta alle associazioni e ai gestori dei punti di ritrovo, che si sono autofinanziati ed hanno piazzato un prezioso apparecchio salvavita, dimostrando che "insieme" si fa sempre meglio



Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia