Skin ADV
Martedì 10 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Dicembre in Gaver

Dicembre in Gaver

di Gianpaolo Capelli



09.12.2019 Bagolino

09.12.2019

09.12.2019 Vestone

09.12.2019

09.12.2019 Valtrompia

09.12.2019 Sabbio Chiese Provaglio VS Valsabbia

09.12.2019 Pertica Bassa Valsabbia

09.12.2019

08.12.2019

09.12.2019 Vestone






15 Aprile 2016, 09.45
Salò
Mostre

Da Giotto a De Chirico, i tesori nascosti

di Redazione
C’era anche la telecamera di Vallesabbianews mercoledì 13 aprile a Salò all’inaugurazione della mostra allestita al MuSa curata da Vittorio Sgarbi, dedicata alle opere delle più importanti raccolte private italiane

 

E’ l’assessore alle Culture della Regione Lombardia Cristina Cappellini a inaugurare al MuSa di Salò con il Sindaco Gianpiero Cipani e il Direttore Generale del MuSa Giordano Bruno Guerri la grande mostra ‘Da Giotto a De Chirico, i tesori nascosti’ curata da Vittorio Sgarbi. 
 “Ancora una volta – commenta l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini – dimostriamo concretamente la nostra volontà di sostenere e valorizzare lo straordinario patrimonio culturale lombardo”. “L’investimento di 200.000 euro per la realizzazione di questa splendida mostra curata dal Professor Vittorio Sgarbi – ha proseguito l’assessore – è in realtà un investimento per tutto il territorio lombardo in quanto siamo certi che iniziative come queste siano in grado di generale un importante incremento di turisti.

“Alla mostra – ha detto ancora l’assessore - si lega un altro progetto che ci sta particolarmente a cuore: l’Abbonamento Musei. Da oggi infatti il MuSa è entrato ufficialmente nel circuito del nostro Abbonamento Musei che in pochissimi mesi ha avuto già un grandissimo risultato. Tutti coloro che sono in possesso dell’abbonamento quindi potranno accedere al Museo gratuitamente”. “Un’altra concreta misura – ha concluso l’esponente lombardo - a favore dei cittadini lombardi”.

“La caccia ai quadri non ha regole, non ha obiettivi, non ha approdi, è imprevedibile. Non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova. Talvolta molto oltre il desiderio e le aspettative”. Così Vittorio Sgarbi descrive il mistero del collezionismo: “L’interesse per ciò che non c’è”. Da qui l’idea della grande mostra che apre al MuSa di Salò: raccontare attraverso preziosi tesori “nascosti”, lo svolgimento della storia dell’arte italiana, da Giotto, l’artista che ha rinnovato la pittura, così come Dante, suo contemporaneo, è ritenuto il “Padre” della lingua italiana, a Giorgio De Chirico che, affascinato dall’arte antica, fu il principale esponente della pittura metafisica, attraverso la quale tentò di svelare gli aspetti più misteriosi della realtà. 

La mostra così intesa viene dunque a porsi come naturale estensione della straordinaria esposizione ‘Il Tesoro d’Italia’ svoltasi all’Esposizione Universale di Milano nel 2015, nella quale si è documentato, dal Piemonte alla Sicilia, la varietà genetica di grandi capolavori concepiti da intelligenze, stati d’animo, emozioni che rimandano ai luoghi, alle terre, alle acque, ai venti che li hanno generati.

Le peculiarità “genetiche” delle diverse aree della “geografia artistica” italiana saranno verificabili anche in occasione di questa nuova grande mostra che nasce dal desiderio di illustrare attraverso una ragionata selezione di quasi duecento opere, tra dipinti e sculture, il Tesoro d’Italia “nascosto e protetto” nelle più importanti raccolte private italiane. In un arco temporale di oltre sette secoli, dalla fine del Duecento all’inizio del Novecento, da Giotto a De Chirico, si darà conto dell’evoluzione degli stili, delle correnti, degli snodi e delle figure principali della storia dell’arte italiana. 

 

In contemporanea vengono inaugurate altre due mostre:


SI PUO’ SCOLPIRE L’ANIMA? a cura di Vittorio Sgarbi
 
A margine della mostra "Da Giotto a de Chirico", dieci scultori, variamente figurativi e tecnicamente agguerriti, mostrano al MuSa di Salò la loro speciale attitudine a rappresentare, attraverso la figura umana, e comunque la figurazione, una intensissima condizione spirituale, una verità interiore che li astrae da ogni realismo, al quale pure essi sembrano orientati. Si tratta di Giuseppe Bergomi, Livio Scarpella, Luigi Serafini, Gaetano Pesce, Girolamo Ciulla, Filippo Dobrilla, Ugo Riva, Santo Alligo, Sara Bolzani e Nicola Zamboni.
 
“L’IMMAGINE DELL’ITALIA ATTRAVERSO LA FOTOGRAFIA”
a cura di Italo Zannier e Vittorio Sgarbi

Non una mostra della fotografia italiana, ma una rassegna anche diacronica sulle Regioni d’Italia, dalle Alpi alla Sicilia, sintetizzata da circa venti fotografi, famosi o meno noti, senza esigenze descrittive o turistiche ma come sintesi emblematica scritta in immagini dai singoli autori:
 
Mariano Andreani, Giuseppe Cavalli, Giovanni Chiaramonte, Cesare Colombo, Ulderica Da Pozzo, Giuseppe Folchi, Cesare Gerolimetto, Guido Guidi, Max Laudadio, Giorgio otti, Floriano Menapace, Nino Migliori, Riccardo Moncalvo, Franco Pinna, Giuseppe Primoli,Donato Riccesi, Roberto Salbitani, Chiara Samugheo, Vittorio Sella, Pino Settanni, Nicola Smerilli, George Tatge, Giuliana Traverso, Theo Volpatti
 
“Con la mostra Da Giotto a De Chirico - i tesori nascosti si apre a Salò una nuova straordinaria stagione culturale” – dichiara il Sindaco di Salò, avvocato Gianpiero Cipani – “Non possiamo non essere particolarmente grati, da un lato, a Regione Lombardia, al suo Presidente Roberto Maroni e all’Assessore alle “Culture Identità e Autonomie”  Cristina Cappellini, dall’altro lato al prof. Giordano Bruno Guerri, Presidente del MuSa e al prof. Vittorio Sgarbi ideatore e curatore dell’evento.
Il MuSa, il nuovissimo e prestigioso Museo della Città, grazie a tutti loro, si riempie così di ulteriori fondamentali contenuti, caratterizzando sempre più la nostra Città sotto il profilo culturale in perfetta corrispondenza con il progetto e le aspettative della nostra Amministrazione e con la sua storica natura di Città d’arte”.
 
Giordano Bruno Guerri, direttore generale del MuSa, ritiene che con questa mostra straordinaria il MuSa, nato da meno di un anno, “inizierà la propria attività di centro culturale di rilevanza nazionale e internazionale”. Inoltre, sostiene Guerri, la mostra curata da Sgarbi “darà uno slancio ulteriore alla neonata associazione GardaMusei, che comprende già molti comuni e istituzioni culturali e che intende elevare l’offerta culturale del Garda”, terzo polo turistico italiano, con 23 milioni di visitatori l’anno.

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID65653 - 17/04/2016 08:46:00 (valent) Bellissima mostra ma..
Il biglieto d'entrata costa 16 euro e non 8 come detto sul sito del MuSa. Per l'importanza dei dipinti della mostra come spiegano alla biglietteria. Ne vale comunque la pena perché nel biglietto sono compresi altri itinerari del museo davvero affascinanti. E visto che per una volta non dobbiamo fare km per vedere arte consiglio a tutti una visita anche nella speranza che verranno allestite altre mostre di questo calibro.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/10/2016 15:53:00
Mostra con lo sconto e Art Bonus Nell’ultimo mese di apertura della mostra «Da Giotto a de Chirico. I Tesori Nascosti» curata da Vittorio Sgarbi, al Musa prezzo scontato sul biglietto d’ingresso. Giovedì a Salò un convegno sui benefici fiscali sui finanziamenti ai beni culturali

11/06/2016 09:24:00
I tesori di Sgarbi al Musa di Salò Centottanta opere nascoste da tempo nei caveau di case private, di Fondazioni e di banche, dieci sale dalle pareti rosse, novanta minuti di visita, sedici euro il costo d’entrata

12/03/2016 13:58:00
Sgarbi... odolesi Pubblico delle grandi occasioni quello presente venerdì sera nella sala del cinema Splendor di Odolo, per assistere alla presentazione del libro "Dal cielo alla Terra" di Vittorio Sgarbi. VIDEO


26/02/2017 08:00:00
Palme e Christo, Romanino e Moretto, in scena la critica d'arte di Vittorio Sgarbi Si è tenuto venerdì scorso l’incontro con il critico d’arte ferrarese presso un Auditorium “Mario Rigoni Stern” gremito di vestonesi e valsabbini. E Vittorio Sgarbi, prima di arrivare alla sua lezione di arte, ne ha avuto un po’ per tutti

06/11/2018 11:40:00
I Graduali del Museo di Salò
È in programma per questo venerdì, 9 novembre, la presentazione del progetto di ricerca sui quattro libri miniati trecenteschi del MuSa, preziosi tesori della Collezione permanente




Altre da Salò
08/12/2019

Viaggio musicale tra salotti e teatri

Nella bellissima Chiesa della Visitazione di Salò questa sera – 8 dicembre – un concerto del Quartetto di ottoni romantici “A. Apparuti” eseguito su strumenti originali del XIX secolo


05/12/2019

Scontro violento a Cunettone

Due suv si sono scontrati lungo la Provinciale 572 a Cunettone di Salò. Quattro feriti non gravi ricoverati all’ospedale di Gavardo

04/12/2019

Il gioco è un'altra cosa

Anche all’Istituto superiore “Battisti” di Salò un evento-laboratorio per la sensibilizzazione e la prevenzione al gioco d’azzardo nell’ambito degli obiettivi dell’Osservatorio Provinciale GAP di Brescia

04/12/2019

«La maledizione del numero 55»

Sarà presentato questo giovedì sera presso la biblioteca di Salò il nuovo romanzo del giornalista gavardese Massimo Tedeschi: una nuova indagine per il “suo” commissario Sartori

03/12/2019

Avis Gavardo, il Centro Prelievi si trasferisce a Salò

Un trasloco temporaneo che si è reso necessario per permettere la realizzazione di un intervento di ristrutturazione dell’attuale sede presso l’ospedale di Gavardo. Invariati i giorni delle donazioni


29/11/2019

Violenza contro le donne, il nuovo codice rosso

Nell'ambito delle iniziative organizzate in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il centro antiviolenza Chiare Acque di Salò propone un convegno questo sabato pomeriggio

26/11/2019

Notte delle Stelle, una festa dello sport all'insegna dei valori

Al teatro Cristal di Salò la Canottieri Garda ha festeggiato gli atleti e le vittorie della stagione agonistica appena terminata

25/11/2019

Quindici anni fa il terremoto di Salò e Valle Sabbia

Mancava un minuto alla mezzanotte del 24 novembre 2004 quando una scossa di magnitudo 5.2 gradi della Scala Richter durata 25 secondi provocò gravi danni fra Garda e Valsabbia
. Video


21/11/2019

Alle origini di Salò

Questo venerdì 22 novembre presso Auditorium del Palazzo della Cultura di Salò, la prima di quattro conferenze dedicate alla storia di Salò. Inizia il prof. Gian Pietro Brogiolo con un focus sul periodo medievale

21/11/2019

«De Mari nostro»

Questo sabato pomeriggio, 23 novembre, lo chef Roberto Abbadati presenta a Salò il suo libro di cucina, tra ricette estrose e fiabe sul mar Mediterraneo


Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia