Skin ADV
Lunedì 23 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 

A Preane

A Preane

by Samu



22.04.2018 Vestone

21.04.2018 Barghe

22.04.2018 Valsabbia

21.04.2018 Odolo Valsabbia

21.04.2018 Bagolino

21.04.2018 Preseglie

21.04.2018 Vobarno

22.04.2018 Storo

22.04.2018 Gavardo

21.04.2018 Casto






15 Luglio 2017, 08.21
Serle
Richiedenti 1

Al Cas di Serle

di Ubaldo Vallini
Meno di cento euro a testa ogni mese, per gestire in autonomia vitto, vestiario, medicine e spostamenti. Un viaggio nel Cas di via Panoramica a Serle, per capire cosa sta succedendo

 
«Bla..bla..bla... è venuta la polizia stamattina. Ma con chi parli, come ti permetti, che cazzo fai (e si sente un botto, forse un pugno dato sul tavolo). Io ti spacco la faccia, faccia di merda, chi cazzo credi di essere»
«Cosa fatto male».
«Cosa hai fatto di male? Tu sei un bastardo, finito, ok? Basta, non ti guardo, porca puttana».

Inquietante la registrazione, ma ce ne sono anche altre.
E’ il dialogo, se così si può chiamare, fra il gestore del residence di via Panoramica a Serle e uno dei richiedenti asilo, reo di aver parlato con l’agente della Locale inviato sul posto dal sindaco dopo la segnalazione di alcuni vicini, che davano per certa la presenza costante di più di 30 persone, a fronte delle 23 che avrebbero dovuto esserci.

Lo stesso richiedente asilo che insieme ad un altro - Chief della Sierra Leone e Dumbuya della Nuova Guinea - si è presentato allarmato in municipio agitando un decreto prefettizio che li dichiarava fuori dal programma:
«Sarzina ci ha detto che dobbiamo andarcene, è perché abbiamo parlato col vigile».
 
Ma cosa gli hanno detto: «Che ci dà 170 euro ogni mese e con quelli dobbiamo farci stare dentro la spesa per mangiare, i vestiti, le medicine, gli spostamenti e tutto» ci ha ripetuto ieri Chief Jalloh, prima di farci vedere la bolletta dell’acqua per più di 300 euro, per la quale di quei 170 sono stati trattenuti 25 euro a testa, fra coloro che sono presenti all’interno di uno dei sei appartamenti.   

Facciamo allora i conti in tasca a chi gestisce un Cas (centro di accoglienza straordinario).
Per ciascun richiedente asilo il gestore percepisce 35 euro al giorno, un po’ in ritardo, ma li percepisce: 2,5 euro sono il “pocket money” che deve essere consegnato a ciascuno di loro per le piccole spese.
Rimangono 32,5 euro da utilizzare per una serie di adempimenti: il vitto, l’alloggio, la salute, i vestiti e la formazione…: tutto precisato nelle regole stabilite con la prefettura. 
Con un Cas che si occupa di 32 rifugiati, come succede a Serle, in un mese, tolti i 2.400 euro di “pocket money”, al gestore rimangono  31.200 euro.

Nel caso di Serle il Sarzina ha deciso di privarsi di altri 3.040 euro con i quali “risolvere” vitto e vestiario.
Glie ne restano ancora 28.160, ogni mese, per pagare l’affitto del residence, le bollette (ma solo se non sono troppo care), la maestra per il corso di alfabetizzazione e ovviamente altre incombenze che non siamo in grado di elencare, che però non dovrebbero essere in grado di ridurre di molto l’introito.

Chief ci fa vedere gli scontrini del supermarket dove si reca a fare la spesa, per mangiare, con 95 euro al mese. 
«Ho capito perché quando ho proposto loro di prendersi le albicocche dalla mia pianta l’hanno fatto molto volentieri» ci ha detto Carlo, un vicino, dal quale spesso i ragazzi vanno a lamentarsi per le condizioni in cui sono costetti a vivere. 

«Ho provato anche a metterli in contatto con le forze dell’ordine, ma non ci sono riuscito – ha aggiunto Carlo -, o mi dicevano che non era affar loro oppure arrivavano e non capivano quale fosse il problema. Così ho detto tutto al sindaco». 
 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID72786 - 15/07/2017 09:47:30 (parcifes)
Serve una struttura più grande


ID72787 - 15/07/2017 10:22:12 (bob63)
Hai ragione cosi guadagnano ancora di piu' alle spalle di questi immigrati, cose da prigione a vita.


ID72788 - 15/07/2017 12:00:01 (piedemerda)
se al gestore rimangono 31200 euro, facciano pagare la tassa sul reddito a questo signore oppure gli paghino solo un affitto fittizio di 300 euro ad appartamento facendogli pagare le tasse come agli altri onesti cittadini costrette a pagarle.


ID72789 - 15/07/2017 16:03:19 (gvx) Povera Italia
Questo articolo fa chiarezza e luce su cosa oltre ai bla bla bla quotidiani blaterati nelle trasmissioni televisive che parlano di temi immigrazione dove l uno parla sulla altro senza che il telepettatore tragga conclusioni . Mette a nudo che cosa è il sistema immigrazione un business spesso milionario ..e siamo stati talmente bravi a creare un canale d entrata ( soldi ) con il trattato triton siglato nel 2014 dal governo dove nessuno ne parla i nostri amati politici hanno richiesto che gli immigrati arrivassero tutti in Italia per spartirsi la fetta economica delle sovvenzioni ..1 1 fa 2 tutti i disperati giungono qui ..anche tutti i finanziamenti giungono qui per essere distribuiti divisi nelle tasche di furbetti a norma di legge ..i disperati quelli invece rimangono ..perché il resto delle nazioni della cosiddetta UNIONE EUROPEA chiude frontiere e porti e gira il capo altrove ..poveri italiani..succubi di interessi di politici inetti ..che non pensano al bene della


ID72790 - 15/07/2017 21:12:56 (sonio.a)
Ma perch i tesserati e simpatizzanti PD non se li spartiscono loro i profughi mettendo cos in atto la micro accoglienza diffusa?perch perch perch?


ID72791 - 15/07/2017 21:24:08 (Carlo) Carlo
Per onor di cronaca, oggi pomeriggio,recatomi a Serle per visita a mia suocera, notavo 2 pattuglie di carabinieri all'altezza di Ronco, una delle frazioni serlesi. Al nostro ritorno, abbiamo incontrato un pullman gran turismo scortato dalle pattuglie viste in precedenza che ci hanno preceduti fino a Nuvolento per poi proseguire in direzione di Brescia. Dimenticavo : sul pullman vi erano circa una decina di persone di colore, presumo si trattasse di alcuni ospiti del residence in questione. Salvo il vero.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/07/2017 07:43:00
Serle atto secondo: da una tristezza all'altra Dopo le denunce a Cocca di Sotto è tempo di avvicendamenti: i richiedenti asilo cambiano sede e chiudono l'esperienza serlese anche i gestori della società Medica Srl. Indagini affidate ai carabinieri   

03/09/2016 14:37:00
Protezione internazionale Venti richiedenti asilo politico da ieri, venerdì, sono ospitati in una struttura privata di via Panoramica, a Serle. Il sindaco: «Ne parleremo coi cittadini in assemblea, martedì 13 settembre»

24/07/2017 17:12:00
«Identità e Tradizzione» Botta e risposta a suon di scritte sui muri a Serle, a poca distanza dalla casa che ospita 25 richiedenti asilo, al centro qualche giorno fa di momenti di tensione

26/09/2017 15:00:00
Chi accoglie e chi no Il tema dell’accoglienza dei richiedenti asilo nel bresciano è oggetto, in questi giorni, di decisioni e accordi importanti. Cosa ne pensano i Comuni della Valle Sabbia?

17/07/2017 08:32:00
«Ho espresso al prefetto le mie perplessità» Via i 34 richiedenti asilo da Serle, ne sono arrivati 25 di "nuovi". E ha i giorni contati anche la gestione della società Medica srl di Marco Sarzina. Parla il sindaco Paolo Bonvicini. VIDEO



Altre da Serle
22/04/2018

La pozza di Meder e l'orgoglio di Serle

Di fronte ad una nutrita platea di cittadini visibilmente colpiti da quanto accaduto un mese fa, l’amministrazione comunale di Serle ed un nutrito gruppo di esperti hanno fatto il punto della situazione

20/04/2018

«D'alberi e di parole»

Questa domenica, 22 aprile, sull’Altopiano di Cariadeghe è in programma una giornata di cammino per sentieri e boschi alla ricerca di un intimo dialogo con la natura

19/04/2018

Medér, indagini e interventi

È stata indetta per questo venerdì sera a Serle un’assemblea pubblica per illustrare gli interventi eseguiti e i progetti futuri a seguito dello sversamento nel laghetto dei rospi

17/04/2018

Ragazzi che Banda!

Questo mercoledì sera a Serle il concerto che vede uniti banda, mini banda e tutti gli alunni della scuola secondaria di primo grado a conclusione di un progetto didattico

15/04/2018

Taglio del nastro per la «Strada dei cavatori»

Sindaci, politici e autorità convenuti in massa sabato mattina per l’inaugurazione della nuova strada provinciale Nuvolento-Serle, attesa da vent’anni.
VIDEO

(1)



12/04/2018

Un corso per la gestione del castagneto

Nell’ambito del progetto Sativa 2.0. il Comune di Serle, in collaborazione con Sistema Albero, Associazione Nazionale Città del Castagno e Associazione Tutela Marroni di Castione, organizza per questo fine settimana un corso introduttivo all’innesto, potatura e gestione del castagneto

12/04/2018

Giornata del Verde Pulito

Anche in Valsabbia questo fine settimana gruppi e associazioni aderiscono alla giornata ecologica indetta ogni anni in primavera da Regione Lombardia

12/04/2018

La «bretella» taglia il traguardo

Sono stati presentati ieri in conferenza stampa, in vista dell’imminente apertura e inaugurazione, i lavori svolti per ultimare la nuova strada provinciale Nuvolento - Serle

11/04/2018

Crowdfunding per gli anfibi dell'Altopiano

Parte oggi, mercoledì 11 aprile, e resterà aperta per 40 giorni la campagna di crowdfunding per la salvaguardia degli anfibi dell’Altopiano di Cariadeghe e del loro habitat realizzata dal GAL GardaValsabbia2020 e dal Comune di Serle

10/04/2018

Genitori a scuola

Si terrà questo giovedì, 12 aprile, la seconda delle tre serate pedagogiche gratuite organizzate dalla Scuola dell’Infanzia “Don Pietro Boifava” di Serle e condotte dalla Dott.ssa Mirna Zambelli 

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia