Skin ADV
Lunedì 26 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




25.02.2018 Vobarno

25.02.2018 Val del Chiese

24.02.2018 Prevalle

24.02.2018 Valsabbia

24.02.2018 Bagolino

25.02.2018

25.02.2018 Gavardo

25.02.2018 Gavardo Valsabbia

24.02.2018 Vobarno Valsabbia

24.02.2018 Valsabbia






14 Dicembre 2017, 10.47
Serle
La sentenza

Condanna a 9 anni e 4 mesi per Mirco Franzoni

di Redazione
Questa la sentenza di primo grado per il 33enne di Serle che uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro entrato nell’abitazione del fratello. Riconosciute le attenuanti

La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj. Il malvivente, la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

La sentenza della Corte d'Assise di Brescia è arrivata dopo otto ore di camera di Consiglio e dopo che il pm aveva chiesto la condanna a 16 anni spiegando che "in Italia è vietato rubare, ma anche uccidere e che se l'imputato avesse chiamato i carabinieri oggi staremmo celebrando un semplice processo per furto e non per omicidio".

La corte presieduta dal giudice Roberto Spanò ha riconosciuto a Franzoni l’attenuante di avere agito in stato d’ira dopo avere subito un fatto ingiusto, il furto nell’abitazione del fratello.

L'avvocato della difesa, Gianfranco Abate, aveva chiesto l'assoluzione "perché si è trattato di un dramma accidentale" e dopo la lettura del dispositivo si è detto insoddisfatto: "Leggeremo le motivazioni, ma non siamo contenti e non condividiamo la sentenza".

In silenzio l'imputato che si è sempre proclamato innocente. "Non volevo uccidere è partito un colpo accidentalmente perché lui voleva portarmi via dalle mani il fucile" la tesi difensiva del 33enne bresciano, che resta comunque a piede libero.

Con la sentenza la Corte d'Assise di Brescia ha disposto un risarcimento provvisionale immediatamente esecutivo di 50mila euro a testa per i genitori di Eduard Ndoj e di 25 mila per il fratello. Rigettata la richiesta di risarcimento presentata dall'avvocato Alessia Brignoli per gli zii del giovane ucciso quattro anni fa. Complessivamente il legale di parte civile aveva formulato una richiesta di 3 milioni e 700mila euro per il danno subito.

La Corte d'Assise di Brescia ha poi deciso l'invio alla Procura degli atti per aprire un procedimento per falsa testimonianza nei confronti di quattro testi comparsi in aula durante il dibattimento.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74442 - 14/12/2017 11:05:53 (armandoilias) Omicidio volontario
Viva la giustizia.


ID74443 - 14/12/2017 12:50:32 (sonio.a)
Mi spiace..si rovinato la vita


ID74444 - 14/12/2017 15:03:28 (piedemerda)
giustizia ladra , se sei delinquente, ladro, disonesto, farabutto, come quel ladro vieni protetto se uno si difende deve pagare soldi e vita rovinata per colpa di queste persone , ladri e giudici poco onesti.


ID74445 - 14/12/2017 15:10:41 (ulisse46) armando come al solito difensore dei poveri
il ladro se la e' cercata. e una volta tanto la ha trovata. Il signor Franzoni purtroppo ci ha rimesso, nonostante stesse difendendo la sua proprieta', ma credo che i furti in Serle da quel momento siano calati...


ID74446 - 14/12/2017 15:35:34 (roberto74) Ulisse46
L'argomento è molto delicato e, giustamente, ognuno ha la propria idea su questa storia. Ma il punto della condanna (poi da verificare negli altri gradi di giudizio) sta proprio li. Purtroppo non si tratta di proprietà, ma quello che l'accusa ha definito "caccia all'uomo". Era fuori dalla proprietà e non di poco, l'ha proprio aspettato altrove. Il punto essenziale era stabilire se fosse davvero partito accidentalmente il colpo nella collutazione o se l'intenzione era diversa. Ripeto, ognuno si fa la sua idea, ma qui, purtroppo, non era in casa ma fuori dal paese. Ed essendo andato in cerca con un arma hanno ritenuto la volontarietà del gesto. Trattasi di perizia balistica. Saranno i successivi gradi a validare o meno le perizie. Al momento questi sono i fatti. Che piacciano oppure no.


ID74447 - 14/12/2017 16:21:35 (Tc) ...
Il Franzoni ci ha rimesso,perche'purtroppo ha sbagliato punto e basta,non si e' difeso in casa e nemmeno dentro la sua proprieta',ma lo ha inseguito per qualche centinaio di mt,fucile alla mano col colpo in canna (che 'accidentalmente' sarebbe partito) e fino a prova contraria in Italia ancora non si può fare...diverso sarebbe stato se veramente si fosse difeso in casa,dentro le propria mura in difesa sua o dei suoi cari,sarebbe stata legittima difesa,come nel caso recente di Monza del sig.Sicignano...i giudici si son espressi con giudizio giusto almeno questa volta...trovo meno giusto risarcire economicamente i parenti del ladruncolo...


ID74448 - 14/12/2017 16:37:44 (cino81)
Trovo assurdo il risarcimento economico... allora anche i famigliari risarciscano tutte le ingiustizie fatte dal figlio tra cui quella di aver causato la rovina del giovane Franzoni. 9 anni ...


ID74449 - 14/12/2017 17:00:10 (armandoilias)
Io non difendo il "ladro", se veramente ladro va condannato a una giusta pena (non a morte), adesso è vero che abbiamo un "ladro" in meno, ma abbiamo un assassino in più nella nostra società.... Ha rovinato la sua vita e la vita di suoi familiari e la vita di QUATTRO FALSI "TESTIMONI".


ID74450 - 14/12/2017 17:55:56 (bob63) uno in meno
Fosse x me gli darei la medaglia al valore, un delinquente in meno, se fosse stato giudicato dalla giustizia non si sarebbe fatto un giorno in prigione, risarcimento danni ai familiari... per cosa x risarcire un ladro? e poi a chi.. agli zii, perche' non facciamo anche agli amici? in America ti possono sparare solo se entri nel giardino se e' privato,qua se ti difendi sei rovinato, paese di merda.


ID74452 - 14/12/2017 18:02:24 (roberto74) bob63...
Cerchiamo di essere intelligenti e ragioniamo su quanto affermiamo....era fuori dalla proprietà quindi anche il paragone che fai con l'America non regge. Guarda che nessuno difende il ladro, ma cerchiamo di ragionare sui fatti, almeno quello....fosse accaduto in casa è una cosa, così non lo è....


ID74454 - 14/12/2017 18:58:58 (axste) axste
se avesse chiamato i carabinieri oggi avremmo un furto con omicidio da parte del laadro .ECCO LA DIFFERENZA TRA UCCIDERE O FARSI UCCIDERE :::pero quando sara' che lo stato ,che deve difendere i cittadini sara chiamato a risarcire le sue vittime...visto che pretende il non diritto alla difesa allora e lo stato che deve difendere ..e se non lo fa (come al solito) deve essere condannato sia penalmente sia civilmente alla massima della pena ...e anche il giudice deve finire sotto inchiesta per eccesso di favoreggiamento per i ladri VISTO CHE UN GIUDICE NON CHIEDE MAI AL LADRO DI RISARCIRE LE SUE VITTIME ma sempre l incontrario...poi pretendono il voler credere nella giustizia e pooi si offendono se ad ogni morte di poliziotto o giudice la gente festeggia come un nemico abbattuto


ID74455 - 14/12/2017 19:51:48 (vallesabbia) La magistratura
Se mi consente vsn una piccola riflessione...Perché la magistratura invece di occuparsi comodamente tra un pasticcino e un caffè, una cena e una partita a tennis, solo di giudicare colui che "ha fatto giustizia" non si occupa altrettanto efficacemente nel condurre e cooordinare le indagini servendosi ovviamente della polizia giudiziaria? Non sarà magari che essendo piu incisivi e un po piu produttivi a monte, cercando di prendere qualcuno di questi criminali che impunti sistematicamente svaligiano le case di tutto il nord Italia, queste cose non succederebbero? ...ah già vero, uccidere (o farsi uccidere) è giusto solo quando lo decide lo stato attraverso la sua struttura, quando si veste in girgio verde e si portano le stellette...in tutti gli altri casi invece bisogno subire l'inefficenza dello stato...


ID74463 - 15/12/2017 00:31:35 (ubaldo) Noto che ...
...in tema di giustizia ci sono molte "lacune", chiamiamole così.


ID74464 - 15/12/2017 03:06:30 (Tc) ubaldo...
quali sarebbero secondo te queste lacune...cosi ci si ragiona su...


ID74465 - 15/12/2017 06:40:18 (bob63)
Io sono stufo di sentire il termine pluripregiudicato, sono stufo di sentire di delinquenti che in tre minuti sono in giro tranquilli, sono stufo di sentire di delinquenti che girano tranquillamente con in tasca il foglio di via, o invito ad andarsene, ogni giorno in Italia si legge di furti, rapine anche violente, gente tranquilla pestata a sangue a casa propria se non peggio, e noi siamo ancora qui a giudicare una persona che ha difeso i suoi affetti.. e proprio vero ognuno ha quel che si merita..


ID74466 - 15/12/2017 07:44:19 (sonio.a)
Questa e 'l'Italia e l'Europa del buonismo...e poi si stupiscono che ci sono rigurgiti fascisti ...chiss perch?


ID74467 - 15/12/2017 08:46:42 (armandoilias)
quando il Far West diventa legge prendo la mia arma e vado a cercare (sonio.a) per le strade perché probabilmente è stato lui a entrare nella casa del mio cugino ieri.


ID74468 - 15/12/2017 08:58:05 (sonio.a)
Vieni vieni...ti aspetto


ID74469 - 15/12/2017 09:02:12 (sonio.a)
Visto caro direttore come si fa a smascherare la vera natura del "integrato" armando?il lupo perde il pelo ma non il vizio...


ID74471 - 15/12/2017 09:28:09 (armandoilias)
Non ti preoccupare perché il far west non è ancora legge


ID74476 - 15/12/2017 10:31:58 (armandoilias)
e lo suggerisco di fare come ha fatto Mirko, e lo garantisco il mio totale sostegno "morale"



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/12/2017 10:51:00
A Serle tutti con Mirco Grande attesa ieri a Serle per il verdetto della Corte d'Appello di Brescia per la vicenda giudiziaria di Mirco Franzoni, che trova la vicinanza di quasi tutti i compaesani


16/12/2017 12:03:00
Vicinanza a Mirco e alla sua famiglia Passata l’onda mediatica dei giorni scorsi, l’Amministrazione comunale di Serle dice la sua in merito alla sentenza di primo grado su Mirco Franzoni

19/05/2017 07:44:00
Serle: rinvio a giudizio per Mirco Franzoni Nuovo capitolo nella triste vicenda che risale a dicembre del 2013 quando, dopo una colluttazione, venne ucciso a Serle con un colpo di fucile Eduard Ndoj, ladro di origini albanesi

01/03/2014 09:16:00
Una colletta per Mirko Un sostegno alle spese legali di Mirko Franzoni, il 29enne di Serle finito nei guai per aver ucciso un ladro che poco prima gli era entrato in casa, arriva dalla provincia di Lecco

09/02/2018 19:11:00
Bresciaoggi vs Serle Si arricchisce di nuove puntate la diatriba innescata fra il quotidiano bresciano, il sindaco e la comunità serlese



Altre da Serle
23/02/2018

Donne per le Donne 2018

È stata presentata ieri, giovedì 22 febbraio, a Paitone la quarta edizione della manifestazione che nel mese di marzo coinvolgerà una rete di sette Comuni in una serie di iniziative dedicate alla donna

22/02/2018

Al via il Raduno Speleologico Lombardo

Questo fine settimana, sabato 24 e domenica 25 febbraio, il Comune di Serle ospiterà il Raduno Speleologico Regionale Lombardo. In programma la presentazione di lavori e video degli speleologi e l'assemblea della Federazione Speleologica Lombarda

17/02/2018

Quattro Comuni ai blocchi di partenza

Tra lunedì 19 e sabato 24 febbraio, in Valle Sabbia, i Comuni di Vallio Terme, Vobarno, Paitone e Serle abbracceranno la sfida del “porta a porta”

15/02/2018

Sativa, un corso sul piano di sviluppo rurale

Nell’ambito dell’azione 3 del progetto Sativa 2.0 il Comune di Serle, in collaborazione con la Cooperativa Eliante, organizza nelle giornate di martedì 20 e mercoledì 21 febbraio un corso di presentazione e approfondimento del vigente piano di sviluppo rurale

09/02/2018

Bresciaoggi vs Serle

Si arricchisce di nuove puntate la diatriba innescata fra il quotidiano bresciano, il sindaco e la comunità serlese (1)

04/02/2018

Titoli ad effetto... boomerang

Non possiamo stare zitti, se vogliamo essere interpreti di ciò che avviene su un territorio come la Valle Sabbia, di fronte ad un modo becero di fare giornalismo, da dove meno te lo aspetti. Il caso di Serle e di Bresciaoggi
(3)

31/01/2018

«Ciacolada al ciàr de lüna»

La camminata notturna non competitiva sui sentieri dell’Altopiano di Cariadeghe è in programma per questo sabato, 3 febbraio, con partenza dal rifugio degli Alpini

23/01/2018

Pratiche online, nuovi servizi 24h

Per i comuni di Agnosine, Barghe, Bione, Preseglie, Serle e Treviso Bresciano è attiva la modulistica telematica dei procedimenti demografici (2)

16/01/2018

Incontri e distribuzione kit

Continuano nei diversi Comuni della Valle Sabbia gli incontri informativi per la popolazione e la distribuzione del materiale per l’avvio della raccolta porta a porta dei rifiuti

16/01/2018

Sativa, parte il corso di tree climbing

Nell’ambito dell’azione 3 del progetto Sativa 2.0. il Comune di Serle organizza un corso per l’abilitazione alla potatura in quota su fune. Obiettivo il rafforzamento della capacity building della comunità locale

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia