28 Aprile 2020, 15.10
L'opinione

Non è il momento

di Luca Rota

Se i campionati sono fermi da oltre un mese (fatta eccezione per quello bielorusso), c’è un motivo che va ben aldilà delle nostre passioni


Più di una volta,
sapere che la nostra squadra scenderà in campo a sera, ci ha reso meno amara la giornata, perché quel pensiero rivolto all’incontro al quale avremmo assistito stile Fantozzi sul divano mangiando “frittatona di cipolle” e bevendo una bella “familiare ghiacciata” (con annesso rutto libero!), spesso ci ha fatto sentire liberi, parte di un qualcosa, spensierati.

È inutile ribadire quale grandissima passione rappresenti per milioni di italiani il Calcio, ciò risulterebbe scontato e ripetitivo.

Ma se i campionati sono fermi da oltre un mese (fatta eccezione per quello bielorusso), c’è un motivo che va ben aldilà delle nostre passioni: non è il momento di mettere lo svago davanti alla salute, con i morti che superano quota 26mila e i contagiati ora in fase calante, ma che si suppone siano molti più di quelli che crediamo.

Non è il momento di adoperare tamponi per i soliti privilegiati, com’è già successo ai calciatori risultati positivi a marzo, mentre per la gente comune si fatica a trovarne, e tutta la popolazione necessiterebbe di farli.

Non è il momento di far ripartire questa grande macchina da soldi sportiva, mentre un Paese intero è fermo, e per una buona ragione. Credo che gli interessi economici delle società sportive, delle televisioni e di chi su questo nostro amato sport fonda i propri interessi, possano attendere.

Non dimentichiamo che le tardive decisioni operate dall’Uefa, causarono con molta probabilità il contagio e la conseguente morte di migliaia di persone nella bergamasca, e reso Valencia il più grosso focolaio spagnolo (la partita in questione fu Atalanta – Valencia disputata a Milano il 19 febbraio).

Senza dimenticare i tira e molla della Figc nei confronti della Juve, che premeva oltremodo per poter disputare la semifinale di Coppa Italia contro il Milan, e che per contentino ottenne di giocare in campionato contro l’Inter.

È davvero così importante concludere la stagione nonostante i numeri da catastrofe, l’economia in dissesto e la crisi che stanno vivendo migliaia di famiglie italiane?

Già in Olanda si è optato per il congelamento delle posizioni di classifica, senza assegnare il titolo, ma allo stesso tempo senza retrocedere né promuovere nessuno.

Avere una classifica è importante per conoscere chi andrà in Coppa nella prossima stagione, ma non assegnare il titolo è doveroso. Non importa chi vinca o no il campionato, perché cause di forza maggiore non ne hanno permesso lo svolgimento fino alla conclusione. Credo ci siano ben altri problemi oggi.

Trovo decisamente ingiusto ed irrispettoso che gli interessi economici di pochi, dei soliti, offendano i sacrifici di molti. Chi ama il calcio gradirebbe di certo poter assistere ad incontri avvincenti durante questa lunga quarantena, io per primo, ma c’è qualcosa che va oltre la passione, il tifo sportivo e l’esultanza per una bella giocata o un gol: la salute, che è la sola ed unica cosa importante che possediamo sul serio, e che non si può lasciare venga messa a rischio dagli interessi di chi tira i fili di questo Paese.

Con buona pace degli Agnelli, dei Lotito, dei De Laurentis e dei Giulini. Se alla fine poi dovessero vincere loro, non ci si stupirebbe più di tanto (vedi Confindustria e la “finta” chiusura delle fabbriche in Lombardia), ma il risultato sarebbe simile proprio a quel surreale Juve - Inter dell’8 marzo, dove più importante della prodezza balistica di Dybala, fu lo spaventoso aumento del numero dei contagiati ed il conseguente “lockdown” stabilito dal governo.

Proprio perché tifosi, non dovremmo avallare le scelte di chi allo spettacolo preferisce sempre e comunque il guadagno. Il calcio dovrebbe essere un’altra cosa.

O forse sarebbe più giusto dire, “era un’altra cosa”.



Vedi anche
02/03/2020 10:15:00

Pronto Emergenza, dalla Valsabbia alla «zona rossa» Sono ben 11 i volontari valsabbini del Pronto Emergenza che saranno impegnati per l’emergenza coronavirus: due autisti con due ambulanze presso gli ospedali di Cremona e Lodi, altri 9 la prossima settimana a Milano

07/04/2020 10:05:00

Gal GardaValsabbia, Ascolto attivo Per fronteggiare l’emergenza Coronavirus il Gal GardaValsabbia2020 attiva uno sportello virtuale di ascolto per l’analisi dei bisogni e delle criticità territoriali e del mondo rurale

23/03/2020 09:45:00

10.000 euro per Pronto Emergenza È quanto ha donato la Valsabbia Investimenti Spa di Odolo, che si aggiunge a tante altre aziende del territorio che stanno dando un contributo concreto in questo momento difficile

16/06/2020 10:46:00

Anche la Banda di Vestone per la solidarietà Tra i gruppi musicali che hanno contribuito con generosità alla raccolta fondi per l’emergenza coronavirus anche la Banda valsabbina, che non smette di suonare, anche se per ora solo da remoto

27/04/2020 09:46:00

Pronto Emergenza in prima linea Per l’emergenza coronavirus oltre che l’impegno dalla sede di Agnosine è stato chiesto l’impiego di un’ambulanza a Bergamo e Trenzano e di volontari al check point del Civile a Brescia



Altre da Sport
15/07/2020

Il Calcio Chiese si presenta

Stasera al Grilli di Storo vernissage tra società e famiglie: un incontro per coinvolgere e rilanciare le attività sportive per Esordienti e Giovanissimi

14/07/2020

Vela, Giulia Bartolozzi terza in classifica

L'atleta della Canottieri Garda Salò ha ottenuto il terzo posto alla prima Selezione Zonale Optimist nelle acque di Campione del Garda

14/07/2020

Dieci volte il Gölem, l'impresa di Juri Ragnoli

Il biker valsabbino si è spinto oltre il limite salendo per ben dieci volte in 24 ore sul Monte Guglielmo: “Affronto condizioni estreme per conoscermi più nel profondo”

14/07/2020

Auguri Simona

Tanti auguri a Simona Frapporti, la fortissima ciclista di Lavenone, che oggi, 14 luglio, compie gli anni

11/07/2020

Vela, si torna in acqua per la selezione zonale Optimist

Primo evento post-Covid per la Canottieri Garda Salò, che dopo la lunga pausa forzata organizza due giorni di regate a Campione del Garda in collaborazione con Univela Sailing

10/07/2020

Bagolino Alpin Run, al via l'edizione speciale 2020

La corsa in montagna organizzata dalla Società Sportiva Bagolino e dall'Avis locale quest'anno si correrà con una formula speciale, adatta a tutti

09/07/2020

Diecimiglia del Garda, il 2 agosto si torna a correre dopo la tempesta

Sarà l’edizione numero 47 della corsa di Navazzo, fortemente voluta dal Gs Montegargnano che la organizza in questi tempi straordinari

07/07/2020

Un poco di luce rischiara la montagna

Due escursioni per i ragazzi del Cai di Vestone: il Cai Giovanile sul monte Stino e quelli dell’Alpinismo giovanile sul Manos

05/07/2020

Di corsa per dire no al depuratore

Partito da Montichiari, è giunto a Gavardo attorno alle 10.30 di ieri Carmine Piccolo, una corsa di protesta nell’ambito dell’iniziativa Brescia Art Marathon

04/07/2020

In montagna con accompagnatori e guide

Anche itinerari sulle montagne bresciane e in Valsabbia e sull’Alto Garda fra le proposte di questa iniziativa promossa dalla Regione