30 Maggio 2020, 15.48
Blog - Figurine di Provincia

McGoleador

di Luca Rota

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord


Per scoprire la figurina odierna, si va in giro su e giù per la penisola, arrivando anche a sconfinare oltre il vallo di Adriano, su terreni ritenuti al tempo poco sicuri dai romani, dove però il calcio pionieristico trovò la sua prima evoluzione nella seconda metà dell’Ottocento.

Mini-premessa.
Non è un gioco da ragazzi farsi appena mezza stagione in Scozia, e segnare una caterva di gol.
Aggiungici il Mondiale distante solo sei mesi, e sembrerà più che logico sognare la chiamata azzurra. Chi non lo avrebbe fatto?

Marco Negri però i gol li aveva fatti anche in Italia, tra la C1 (Novara, Ternana e Bologna) e la B (Cosenza e Perugia), e fu solo dopo aver sospinto i grifoni all’approdo nella massima serie che, insieme ad un giovanissimo Gattuso, le ali le spiegò anche lui, direzione Glasgow, sponda Rangers.

Nei primi cinque mesi in terra scozzese con la maglia dei blu protestanti, la sua media realizzativa toccò picchi fantastici. Furono 29 le reti messe a segno da fine agosto a dicembre, con gli auspici per l’anno a venire che più rosei non avrebbero potuto essere.

Poi come in ogni favola che si rispetti
, un imprevisto arrivò a sconvolgere i piani del centravanti milanese; un infortunio subito durante una partita di squash, tanto sciocco quanto fatale, lo tenne fuori dal campo per quasi tre mesi.
Come se non bastasse vi si aggiunse un infortunio muscolare, e fu così che nei successivi tre mesi riuscì a segnare appena 4 reti.

Nel computo totale della stagione fu un bel bottino,
che lo piazzò addirittura nei primi dieci in corsa per la Scarpa d’oro, ma che non bastò per confermarlo nella Scottish Premier l’anno seguente, anticipandone in Inverno un anonimo ritorno in Italia.

Tornato in patria
galleggerà tra Vicenza, Bologna, Cagliari, per chiudere concedendosi un ritorno perugino prima del ritiro, senza però mai più ritornare quello di un tempo.

Chissà come sarebbe andata se quel pomeriggio, invece di andare a giocare a squash con Porrini (al tempo i Rangers erano una mini-colonia italiana), fosse andato a bere un bicchiere in qualche pub di Glasgow!
Col senno di poi, diremmo che avrebbe figurato tra i 22 di Francia ’98, se si pensa che da quella lista restarono fuori mostri sacri come Zola e Casiraghi, che di quella nazionale erano stati i trascinatori.

È anche vero però che col senno di poi, tutto sarebbe stato possibile, ma il responso finale ebbe veramente poco della favola, e molto più del rimpianto.

Anche se quella partenza da record
, non abbandonerà facilmente i ricordi dei supporters scozzesi, e se oltre il vallo di Adriano chiederai ad un tifoso dei Rangers di Marco Negri, certamente ti racconterà dell’attaccante italiano che segnò 5 gol in una sola partita al malcapitato Dundee.



Vedi anche
17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

29/01/2020 09:46

Scarpa d'oro Un nuovo filone di “figurine”, stavolta non propriamente di provincia, ospita al suo esordio una storia breve che ci parla di epoche lontane e di un grande campione

10/03/2020 11:18

Denis e gli altri di ritorno (e non) Il caos che attualmente affligge la nostra società, minacciata dal Coronavirus e dalle sue conseguenze, si riflette per forza di cose sul calcio e su tutte le altre manifestazioni sportive

24/01/2018 09:00

L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 



Altre da Sport
11/08/2020

Everesting, l'impresa di Filippo Bianchi sul Maniva

Dieci volte la salita da Bagolino al Maniva per “raggiungere la vetta dell’Everest” in bicicletta, una sfida contro sé stesso per l’atleta bagosso

07/08/2020

«Yoga by the lake»

È l’iniziativa promossa dalla Pro loco di Anfo con lezioni gratuiti di yoga in riva al lago d’Idro per tutto il mese di agosto, grazie alle insegnanti dello Studio Yoga di Brescia

05/08/2020

Escursione a Cima Terre Fredde

Per la terza uscita di quest’anno abbiamo scelto un'altra facile vetta delle montagne di casa, ossia Cima Terre Fredde (Mt. 2645 slm), posta sopra la sponda ovest del Lago della Vacca, più o meno a metà tra i più noti “Cornone del Blumone” e “monte Frerone”

04/08/2020

Colbrelli conquista la seconda tappa

Il ciclista valsabbino Sonny Colbrelli ha vinto la seconda frazione della gara francese, quella da Carcassone a Cap Decouverte. È la sua 28esima vittoria in carriera da professionista

04/08/2020

La corsa è tornata a dare spettacolo

Pronostici rispettati per la Diecimiglia del Garda di Navazzo con le vittorie di Ahmed Ouhda, campione italiano in carica di mezza maratona e dei 10km su strada, e della 35enne ruandese Clementine Mukandanga. Undicesimo il “nostro” Alessandro “Rambo” Rambaldini

31/07/2020

Tutto pronto per la 47ª Diecimiglia del Garda

Domenica mattina scatta la corsa in montagna di Navazzo di Gargnano organizzata dal Gs Montegargnano, che vedrà ancora una volta gli atleti locali confrontarsi con le “gazzelle” africane

28/07/2020

Vela, Bartolozzi e Podavini si qualificano per i Campionati Italiani Optimist

Giulia Bartolozzi ed Elena Podavini della Canottieri Garda Salò, entrambe classe 2006, si sono qualificate per i prossimi Campionati Italiani Optimist, che si terranno a Malcesine dal 27 al 30 agosto

22/07/2020

Una squadra al femminile per l'Academy Real Dor

Con l'intento di aprire al calcio femminile, iniziando con una squadra giovanile, l'associazione calcistica di Brescia organizza un Open Day per presentare il progetto, rivolto alle bambine nate dal 2013 al 2008

22/07/2020

Stop definitivo per il Villa Nuova

La squadra villanovese di Prima Categoria, dopo la pausa forzata dettata dall'emergenza Covid-19, ha chiuso definitivamente i battenti. “Non ci sono più le condizioni, corretto farci da parte”

22/07/2020

I ragazzi del Cai Vestone salgono di quota

Per la seconda uscita estiva i gruppo dei ragazzi si è diretto in val Breguzzo, mentre l’Alpinismo giovanile al Passo del Frate e alla cima Uzza