Skin ADV
Lunedì 28 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




27.05.2018 Valtenesi

26.05.2018 Anfo

27.05.2018 Gavardo

27.05.2018 Vobarno

26.05.2018 Salò

26.05.2018 Preseglie

27.05.2018 Gavardo

28.05.2018 Valsabbia Vobarno

27.05.2018 Roè Volciano

26.05.2018 Idro Valsabbia






26 Novembre 2017, 08.44

Società

Modernum

di Luca Rota
Modernum. Con questo aggettivo i latini esprimevano il significato di “attuale”, che solitamente si contrappone ad antico. Moderni sono lo sviluppo tecnologico, il progresso in campo scientifico ed in quello informatico. Non sempre però l’attuale favorisce il progredire del genere umano

La (non) educazione dei bambini e conseguentemente degli adolescenti, lo scemare dei rapporti a tu per tu, il volere tutto e subito, i jeans “completamente strappati”, le droghe sintetiche, gli emendamenti anti-bocciatura e tanto altro ancora, è tutta roba moderna. Ma non sembrerebbe affatto sinonimo di evoluzione.

Moderno poi diventa parente stretto di moda. In questo caso però sarebbe meglio distinguere ciò che è buono da ciò che non lo è, senza chiedersi se ciò sia moderno (o alla moda) o no. Perché soprattutto essa (la moda), altro non è che un continuo ripetersi, un susseguirsi infinito di ventennali intervalli nei quali si passa (in un tempo veramente breve) dall’essere in voga all’essere vecchi.

Ergo la moda altro non è che una “modernità antica”, inventata tempo addietro, ed oggi soltanto riproposta. Domanda. Non sarebbe meglio essere “all’antica”, se ciò significa “di buon gusto”, e non moderni se ciò implica accettazione di futili usi e costumi? O magari domandarsi più spesso chi e come decida cosa debba essere alla moda (alias moderno) e cosa no.

I nostri nonni, gente abbastanza all’antica, hanno costruito questo Paese, con tutto ciò che di buono contempliamo odiernamente. È grazie a loro se oggi possiamo considerarci moderni. Innovare i loro insegnamenti sfruttando il progresso e la tecnologia (cose a loro estranee dati i tempi ed i mezzi di cui disponevano), sarebbe - a mio parere - la cosa più intelligente da fare.

Perché la modernità
dovrebbe essere consequenziale all’evoluzione, e non il suo esatto contrario come avviene oggi, dove addirittura sembra diventato sinonimo di assenza di pensiero. E ciò ce lo dicono da anni le mode, le scelte societarie, quelle culturali e quelle economiche. Magari gioverebbe a noi tutti provare ad essere un po’ all’antica, e non seguaci sciocchi di mode abominevoli e di esempi diseducanti.

Perché i ragazzi di oggi saranno gli adulti di domani, e c’è da rabbrividire al pensiero che si ritroveranno carichi di responsabilità, dopo una vita trascorsa senza averne mai avuto alcuna. E poi perché modernità non significa per forza di cose, seguire il pensiero del proprio tempo. Soprattutto in tempi come questi.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/10/2015 15:11:00
I principali filosofi della modernità Prenderà il via martedì 13 ottobre, presso la biblioteca di Odolo, il terzo ciclo di incontri della Scuola di Filosofia organizzata dall’unità pastorale della Conca d’Oro e dall’Ufficio diocesano per l’educazione, la scuola e l’università

19/05/2008 00:00:00
Quelli che rinviano, la tribù dei nuovi pigri Un lavoro, un esame, persino nozze. Cresce il popolo di chi fa della proroga la prima regola di comportamento. Una vera e propria «malattia della modernità». Ne soffrirebbe in forma acuta il 20% della popolazione.

14/09/2012 10:00:00
Corso d'educazione L'educazione, si sa, è alle base della civile convivenza. Questo vale non soltanto per le persone, ma anche per gli amici a quattro zampe

09/03/2013 08:00:00
Genitori in formazione Lunedì sera a Villanuova il primo di sette incontri dedicati al tema dell'educazione dei ragazzi con relatori di spicco del panorama nazionale.

04/11/2009 09:00:00
Educazione permanente L'istituto superiore Giacomo Perlasca programma ben 22 corsi per l'educazione degli adulti, che avranno luogo nelle sedi di Idro e di Vobarno




Altre da Terza Pagina
25/05/2018

Borgo Chiese apre i suoi gioielli

In occasione di “Palazzi Aperti 2018”, doppio appuntamento sabato alla di Santa Maria Assunta di Condino e domenica alla Casa Museo Marascalchi a Cimego

24/05/2018

Barghe inaugura la nuova biblioteca

Dopo una serie di interventi di riqualificazione e di sistemazione, sarà inaugurata questo venerdì con una serie di eventi per grandi e piccini la raccolta civica di Barghe

24/05/2018

Celso Furlotti alla collettiva degli Artisti Bresciani

Ci saranno anche due opere di Celso Furlotti, artista mantovano trapiantato a Vallio Terme, nella seconda sequenza della mostra collettiva “Ricognizione 2017-2018” organizzata a Brescia dall’Associazione Artisti Bresciani

22/05/2018

Studi sul Forno fusorio di Livemmo

Nell’ambito del progetto della Mappa di Comunità delle Valli Resilienti, questo mercoledì 23 maggio nella sede della Comunità montana a Nozza di Vestone la presentazione del progetto di Alternanza Scuola Lavoro del Corso Cat - Its "C. Battisti" di Salò (1)

22/05/2018

«Un Santo con la penna»

Ha debuttato la scorsa settimana il nuovo spettacolo del gavardese Emanuele Turelli, dedicato alla figura di don Carlo Gnocchi e di altri eroi della ritirata di Russia   


21/05/2018

Italianissima, tra i colori del Novecento

La nuova mostra inaugurata al MuSa di Salò celebra l’arte italiana del Novecento

21/05/2018

«L'alfabeto ebraico, la lingua sacra dell'Eterno»

Si svolgerà a Gavardo per iniziativa della Fondazione "Piero Simoni" e dal Museo Archeologico della Valle Sabbia in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura un nuovo ciclo di incontri dedicati alla lingua e alla cultura ebraica

18/05/2018

Stampar musica, note inedite sui «Da Sabbio»

Questo sabato, 19 maggio, a Sabbio Chiese un interessante convegno sull’editoria musicale bresciana nel Cinquecento con l’intermezzo musicale dei "Cantores Silentii" 

16/05/2018

Camminata nei segreti di Baderniga

Una nuova iniziativa… un breve percorso tra le viuzze di una contrada, raccontando ad ogni angolo vicende antiche e reconditi segreti che le pietre, le case… e le famiglie del paese ancora custodiscono

15/05/2018

Arte e artigianato nei microcosmi montani

Giorgio Azzoni, direttore artistico del Distretto Culturale di Valle Camonica, nell’ambito del progetto Valli Resilieni, sarà ospite questo mercoledì a Casto per portare alcune esperienze significative di arte pubblica

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia