Skin ADV
Giovedì 19 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 



18.10.2017 Odolo

18.10.2017 Roè Volciano

18.10.2017 Provincia

18.10.2017 Vestone Vobarno Valsabbia

18.10.2017 Vobarno Gavardo Vallio Terme Serle

17.10.2017 Valtenesi

17.10.2017 Sabbio Chiese

18.10.2017 Vobarno Valsabbia Giudicarie Garda Valtenesi

18.10.2017 Valtenesi

17.10.2017 Barghe






19 Marzo 2017, 08.25
Treviso Bs Villanuova s/C Valsabbia
Profughi 2

Divisi i sindaci valsabbini

di Val.
Pochi giorni ancora, poi la Valsabbia dovrà rispondere alla proposta del prefetto sulla formulazione di un progetto Sprar: già si sa che tutte le municipalità non saranno coinvolte
 
Si era già capito che la decisione se adottare o meno uno “Sprar” a livello di Valle avrebbe lacerato la compattezza dei sindaci valsabbini, pur abituati a gestire coi criteri della sussidiarietà moltissimi servizi e per questo anzi citati ad esempio in più occasioni.

Mentre il presidente della Comunità montana Giovanmaria Flocchini, sindaco leghista di Pertica Alta, si è allineato ai colleghi che hanno espresso subito e chiaramente il loro dissenso, a guidare il plotoncino di sindaci favorevoli alla proposta prefettizia è invece l’assessore comunitario a Bilancio e Programmazione, Aggregazioni e Gestioni associate, nonché primo cittadino a Villanuova sul Clisi Michele Zanardi.

«Non sapevo di questa sorta di referendum che si preparava a Treviso Bresciano – ci dice -. Se devo essere sincero non consideravo però questo fra i Comuni che avrebbero aderito allo Sprar».

Da questo punto di vista la situazione è ancora piuttosto confusa: ci sono amministrazioni che hanno detto di “Si” fin da subito, altre che ancora devono esprimersi apertamente:
«Ci incontreremo certamente nei prossimi giorni per fare il punto – ha detto Zanardi -, il tempo stringe ed il prefetto attende da noi una risposta».
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71467 - 19/03/2017 17:56:34 (CRISTINA)
Non aderire significa lasciare che l'emergenza venga gestita da quegli odiosi nuovi mercanti di uomini cammuffati da psudo coop, con l'unico scopo di arricchirsi con il nuovo business. In questo modo i richiedenti asilo arrivano comunque, e qualcuno ingrassa sulle loro spalle su quelle dei residenti, costretti loro malgrado, a subire questa convivenza non sempre facile. Inserire i richiedenti asilo in un progetto gestito dai comuni significa avere un maggiore controllo della situazione, e magari la possibilità di vedere queste persone inserite in lavori socialmente utili che diano loro la possibilità di sentirsi per l'appunto "utili" e ai cittadini residenti la sensazione che essi possano in qualche modo ripagare l'ospitalità.


ID71470 - 19/03/2017 20:05:06 (gianchi68) lavoro utile ?
secondo voi il lavoro socialmente utile non retribuito aiuta queste persone in cerca di una vita migliore ? venite a dire che bisogna aiutare questa gente per inserirle nel nostro mondo(molto diverso dal loro modo di vivere e pensare) quando non esiste un futuro per i nostri giovani.come mai quando si parla di utilizzare i cassaintegrati o chi è in mobilità x lavori socialmente utili (visto che sono retribuiti) non si può ma gli emigrati SI ????


ID71471 - 19/03/2017 21:34:30 (Giacomino) Problema di difficile soluzioe
d'altro canto, porre sotto la gestione dei municipi la conduzione diretta di un numero mai esiguo di persone del tutto estranee al nostro mondo e in considerazione della difficoltà per le nostre civiche realtà a gestire dei normali servizi rivolti ai cittadini da sempre residenti un qualche problema si pone. L'iniziativa dei soggetti privati è solo uno dei possibili modi di affrontare l'emergenza che non diminuirà in futuro. Non sono da sottovalutare motivazioni di ordine pubblico poste dalla cittadinanza residente ma le prefetture incalzate dal governo spingono i sindaci a trovare soluzioni che oltrepassano anche le loro possibilità organizzative.


ID71472 - 19/03/2017 21:45:03 (Giacomino) La situazione di emergenza
descritta nell'articolo mi fa pensare che alle prossime elezioni amministrative non saranno pochi i municipi che si troveranno senza l'inquilino istituzionale a causa del carico di responsabilità loro richiesto sopratutto in relazione a problemi non attinenti alla cittadinanza locale che fa riferimento alla sua civica amministrazione.


ID71475 - 19/03/2017 23:22:56 (ric) non devono arrivare!!!!!!
Le emergenze vanno affrontate alla radice.......Troppo comodo sbolognare il problema sui sindaci,ci si preoccupi piuttosto di trovare il modo di non farli partire dai paesi del nordafrica!!!!


ID71480 - 20/03/2017 08:36:18 (mapo) dittature
.....esistono dittature nelle quali NON puoi dire di NO....esistono dittature nelle quali puoi dire di NO.....ma.............



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/03/2017 17:37:00
Perché è opportuno un progetto comune In merito alla proposta del prefetto di Brescia di istituire in Valle Sabbia un "Sprar" per l'accoglienza dei richiedenti asilo, sulla quale i sindaci hanno cominciato a confrontarsi, interviene Ernesto Cadenelli

06/04/2017 09:53:00
La «clausola di salvaguardia» funziona Almeno per Roè Volciano, uno dei pochi paesi valsabbini che ha accettato di costituire un Sprar per l'accoglienza dei profughi secondo i dettami della Prefettura

21/02/2017 08:03:00
Profughi: modello camuno anche in Valle Sabbia? La recente proposta della Prefettura di Brescia ai comuni valsabbini insiste sull’opportunità di riproporre il modello d’accoglienza della Valle Camonica. Ma quali sono i capisaldi del sistema camuno? E può davvero essere replicato in Valle Sabbia?

18/03/2017 08:17:00
Treviso dice «no» Pochi i votanti, ma l'esito della consultazione popolare è chiaro: Treviso Bresciano ha scelto di non aderire allo "Sprar di valle" 

04/02/2017 07:27:00
Profughi di Valle Sabbia I sindaci si stanno interrogando sulla proposta del prefetto che ha dato precise indicazioni su come potrebbe essere ripartita la presenza degi richiedenti asilo in Valle Sabbia



Altre da Villanuova s/C
19/10/2017

Il valore della diversità

Una serata per festeggiare il 30° anniversario della cooperativa La Cordata e del 25° anniversario della cooperativa Coop.Ser. quella in programma questo venerdì sera presso la sala consiliare del municipio di Villanuova sul Clisi

18/10/2017

«Altri Sguardi»

La rassegna teatrale torna in Valle Sabbia con un cartellone di altissimo livello, con alcuni nomi di prim’ordine della scena nazionale

16/10/2017

Tecnoace Villanuova, debutto amaro

Contro un buon Lucernate i ragazzi di mister Caldera hanno lottato alla pari per tutta la partita cedendo nei momenti determinanti del terzo e quarto set

14/10/2017

Litigano e finiscono al pronto soccorso

Succede così: vecchi rancori, momento di disagio, qualche parola di troppo e poi si alzano le mani. Succede anche fra donne, anche a Villanuova sul Clisi
(1)

13/10/2017

«Nota dopo nota, 30 anni di coro»

Il coro San Matteo festeggia quest’anno trent’anni dalla fondazione, e lo fa con un concerto che si terrà questo sabato, 14 ottobre, presso l’auditorium della Rsa San Francesco alle ore 20.30. Ingresso libero

12/10/2017

Approvato il Piano per il diritto allo studio

È consistente anche quest’anno lo stanziamento dell’amministrazione comunale di Villanuova per le scuole e gli alunni del paese, con servizi per le famiglie e nuovi progetti realizzati con l’Istituto comprensivo

11/10/2017

La zucca di Giacomo

Anche quest’anno nell’orto di un pensionato di Villanuova sul Clisi è cresciuta una cucurbitacea gigante

07/10/2017

Contrasto alle pratiche illecite

In azione, anche nella Bassa bresciana, gli uomini della stazione gavardese dei carabinieri forestali
(4)

04/10/2017

A Villanuova la storia dell'arte è per tutti

Avrà inizio giovedì 12 ottobre il corso gratuito di storia dell’arte organizzato dal Comune di Villanuova in collaborazione con la Biblioteca. L’appuntamento è alle ore 20.30 nella saletta sotto il Comune

03/10/2017

L'arrivo dei tre valsabbini a Santiago

Ripercorriamo attraverso le loro parole le ultime tappe del cammino di Flavio, Franco e Umberto fino al loro arrivo, sabato scorso, alla Cattedrale di Santiago de Compostela. Un’esperienza di fede e di forza interiore

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia