22 Maggio 2020, 10.40
Val del Chiese Storo
Agricoltura

Corvi e cornacchie danneggiano colture e piccoli frutti

di Aldo Pasquazzo

L’appello di un intervento alle autorità da parte di Agri 90 che segnala l’invasione di corvidi nelle aree coltivate della piana di Storo fino a Lodrone e Baitoni


Prima i cinghiali, poi gli orsi, e ora si sono messi pure i corvidi a creare problemi all'ambiente contadino di valle.

Lo si deduce da una informativa che Agri 90, per conto dei suoi associati, ha trasmesso ieri all’assessora provinciale Giulia Zanotelli e al collega Mario Tonina, ai servizi Fauna e Forestale di Trento, Tione e Condino, all' Associazione provinciale cacciatori, al reggente delle Giudicarie, nonché per conoscenza al presidente nazionale di Coldiretti Ettore Prandini, considerato di casa ad Agri 90.

Dalla sede vetrata di Via Sorino, a nord di Cà Rossa, Vigilio Giovanelli e Arturo Donati, rispettivamente presidente e direttore della cooperativa agricola, fanno la voce grossa visto che nel corso di questi ultimi giorni, lungo la Piana di Storo e anche zona compresa tra Baitoni e Lodrone, le aree coltivate a granoturco da polenta stanno riscontrato danni riconducibili alla avifauna.

Tradotto in altre parole, trattasi di corvi e cornacchie la cui presenza sta “ingombrando” i cieli sovrastanti i campi mediante una presenza ripetitiva di quei volatili che a qualsiasi ora vanno sciamando lungo la campagna.

“Tali danni – avvertono Giovanelli e Donati – si sono principalmente riscontrati a macchia d'olio lungo il versante di Baitoni, non solo su granoturco ma pure a ridosso di culture minori e piccoli frutti, dove in alcuni areali si è dovuti intervenire anche con massicce risemine della stessa coltura e naturalmente con aggravio di costi”.

Ma le preoccupazioni dei due vanno oltre, perché ogni giorno giungono loro lamentele e richiami.

“Nel corso delle passate annate - ribattono entrambi – la nostra zona ha potuto beneficiare del consueto controllo dei corvidi lungo le particelle di proprietà contadina ma poi a causa di aggravi burocratici tale lavoro, svolto egregiamente a più livelli, è stato interrotto. Tale incombenza svolta dall'ambiente venatorio locale aveva fatto riscontrare negli anni ottimi risultati”.

Ora sulla questione, presidente e direttore della cooperativa contadina di valle vanno al concreto. “La richiesta che andiamo a fare, che è poi quella invocata anche dai nostri soci e conferitori, tende a ripristinare soluzioni adeguate al problema considerato che la ripetuta presenza di corvidi e cornacchie, tiene in ansia l'intero ambiente contadino. A tale proposito auspichiamo il ritorno a quella snella ed efficace azione del passato affinché tra agosto e settembre, in vista della maturazione delle pannocchie, vengano scongiurati irreparabili danni, tali da compromettere la produzione di stagione”.


Vedi anche
10/03/2018 11:55:00

Corvidi e cornacchie Nelle campagne di Storo torna l'invasione di corvidi e cornacchie. Dalla cooperativa Agri 90' arriva la richiesta di interventi per arginare i danni alle coltivazioni

24/04/2017 14:30:00

Piccoli frutti danneggiati dal gelo Il brusco calo delle temperature registrato nei giorni scorsi ha provocato seri danni anche alle coltivazioni di piccoli frutti nella zona di Storo

15/03/2018 09:50:00

Ora si guarda ai mirtilli Dopo fragole e lamponi, i contadini di valle guardano ora al possibile sviluppo della produzione dei mirtilli. Se n'è parlato l'altra sera in assemblea ad Agri 90'

01/03/2013 11:00:00

Gli antichi sapori dei frutti dimenticati Per l'intera giornata di domenica 3 marzo a Brescia un programma ricco di incontri gratuiti, assaggi e degustazioni per scoprire antiche varietà di frutti ormai dimenticati e piccoli frutti

27/08/2019 09:03:00

Agri 90, i primi riscontri di stagione Assorbiti gli ammortamenti relativi alle attrezzature, la cooperativa agricola di Storo fa un bilancio della produzione di grano saraceno, farina bianca e piccoli frutti



Altre da Val del Chiese
09/07/2020

Anziano annega nel lago di Roncone

L'imbarcazione su cui si trovava si è capovolta e l’uomo è finito sul fondale risucchiato dalla melma, nonostante i tempestivi soccorsi. Si tratta di un uomo di 78 anni di Rovereto

07/07/2020

Cassa Rurale, i passi verso la fusione

Presentato l'assetto della nuova banca di credito cooperativo che nascerà con la fusione della Cassa Rurale Adamello nella Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella: nuova governance, un periodo di transizione di tre anni, cinque territori con altrettanti Gruppi Operativi Locali per gestire la mutualità

06/07/2020

Attraversamenti pericolosi

Da qualche giorno tra Cimego e Storo l'attraversamento improvviso di caprioli e cinghiali mette in difficoltà le auto di passaggio. I sindaci valutano il da farsi

05/07/2020

Conduttori di autocarri e bus a scuola per il CQC

Presso il mini auditorium vicino al municipio di Storo, il sabato mattina si sta svolgendo un corso di abilitazione per conducenti organizzato dalle autoscuole della zona

02/07/2020

Armanini dice la sua

In merito alla lettera da noi pubblicata mercoledì che sollevava interrogativi sulla fusione fra le Rurali GVP e Adamello, ci scrive il presidente Armanini

01/07/2020

Fusione Rurali, fra dubbi e certezze

Ma siamo proprio sicuri che la fusione in programma fra le Rurali 'Giudicarie Valsabbia Paganella' e 'Adamello', nei tempi e nei modi, sia stata studiata bene? I dubbi di un lettore

30/06/2020

La nonnina milanese festeggia i 110 anni a Cimego

Ha scelto la Valle del Chiese Pierina Sala per festeggiare il prestigioso traguardo: il suo luogo preferito da cinquant'anni per le vacanze

29/06/2020

Lago, parapendio e due ruote

Dopo una lenta ripartenza post coronavirus, il primo fine settimana estivo ha fatto registrare una crescente presenza di turisti anche a Bondone e Baitoni

29/06/2020

Alberto Folgheraiter, giornalista e scrittore

Alberto Folgheraiter, classe 1952, è un giornalista, già capostruttura della sede Rai di Trento. Ha pubblicato ventisei libri. La sua ultima fatica, appena editata: “La valle di Fiemme: l'autogoverno di un popolo fiero”

26/06/2020

Cede la staccionata, rovinosa caduta per un pescatore bresciano

L’incidente ieri in alta Valdaone mentre era a pesca su un fiume con una amico che ha allertato i soccorsi