05 Giugno 2020, 05.59
Valsabbia
Fase Due

Anche l'Anc Valsabbina in prima linea

di Icaro Pasini

Il 5 giugno è l’anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Impossibile la tradizionale manifestazione pubblica. Ospitiamo quindi doppiamente volentieri questa lettera, che ripercorre l’impegno in queste difficili settimane profuso dalla sezione Valsabbina dell'Anc


Oggi 05 giugno ricorre il 206esimo anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri.
Ogni anno questo momento di solenne ricordo ha visto la partecipazione accorata alle manifestazioni organizzate dalla sez. valsabbina dell’ANC di Militari d’Arma, Militari in congedo, Famigliari, Sostenitori e Autorità a ogni livello istituzionale.
Oggi ci troviamo costretti a un tono diverso e a una assenza giustificata che ci intristisce.

Una “Lettera al Direttore” non può assolutamente sostituire lo stringersi fisicamente alla Bandiera, ai Vessilli d’Arma, al nostro Popolo e al Popolo tutto. Ma a ciò siamo costretti dalle circostanze note.

Dal 23 Febbraio scorso,
data delle prime ordinanze di chiusura, le nostre vite sono state sconvolte dall’arrivo anche in Italia, a Brescia, in Vallesabbia e nella nostra quotidianità di un nuovo e micidiale virus, l’ormai tristemente noto Covid-19.
Il reale rischio del contagio ha rapidamente cambiato le abitudini di vita rivoluzionando il nostro sistema di relazioni tra parenti, amici, conoscenti.

Per i successivi mesi siamo stati costretti a rimanere a casa, a custodire le nostre famiglie, a riorganizzare gli spazi e i rapporti, a ridurre le nostre uscite all’essenziale.
Abbiamo assistito alla tragica emergenza sanitaria ed ospedaliera, quotidianamente noi stessi sentivamo allarmati le sirene delle ambulanze sfrecciare per le strade della valle.

Ogni sera assistevamo alla triste conta dei contagiati e purtroppo dei morti, vittime a noi vicine e care.
In queste settimane tuttavia è successo quel qualcosa di straordinario che ha fatto tutti stringere in un commovente abbraccio di Popolo.

I Romani credevano in una divinità astratta, Pietas, che rappresentava l’insieme dei doveri che l’uomo ha verso i suoi simili.
Col tempo la pietas ha assunto più fortemente significati connotati al dolore per l’imponderabile.

Pur nella riservatezza, nel far proprio e partecipato ogni significato antico e nuovo della pietas, si sono manifestati quasi dal nulla innumerevoli e spontanei gesti di solidarietà, sensibilità e vicinanza ai bisognosi. Persone e associazioni di volontariato si sono adoperate con ogni mezzo a loro disposizione per alleviare la sofferenza nella pandemia.

Anche la Sezione Valsabbina dell’Associazione Nazionale Carabinieri ha fatto la sua parte.
Sento oggi doveroso puntualizzare come è stata affrontata l’emergenza, quale sia stato l’impegno di Donne e Uomini d’Arma a tutti gli effetti durante questo periodo.

Nel solco della sua tradizione di disponibilità al volontariato sul territorio la nostra Sezione ha messo in campo le sue forze: oltre 40 volontari, donne e uomini, iscritti al “Gruppo di Fatto” dell’Associazione.
Su richiesta del Comando Generale e Regionale dell’Arma, molti di noi si sono impegnati in servizi sensibili e contingenti l’emergenza.

Il più impegnativo di questi servizi
, quello che ha richiesto soprattutto all’inizio una saldezza morale e la predisposizione vocazionale alla pietas, è stata l’assistenza a stremati pazienti, a febbrilmente impegnati medici, infermieri e operatori della protezione civile presso il CHECK POINT COVID 19 allestito in tutta fretta al pronto soccorso degli Spedali Civili di Brescia.

E’ un volontariato speciale quello assunto e speso a rischio della propria salute e incolumità, rischio affrontato anche nell’assenza di notizie certe sulla trasmissione del contagio.
Volontari dispiegati sulla prima linea del pronto soccorso per coprire turni di 24 ore insieme ad altre Associazioni Carabinieri della Provincia.

Questo servizio
ha reso tutti molto consapevoli della gravità dell’emergenza sanitaria e dei rischi connessi, è stata qui che è emersa la pietas, la dedizione, il sacrificio, la disponibilità del volontario che fa propri i valori dall’Arma in servizio.
Grazie al senso di responsabilità dei soci Volontari, il coordinatore del nostro Gruppo non ha trovato ostacoli nell’organizzare i turni richiesti ai volontari che prontamente si sono alternati nel servizio.

Come Presidente sono consapevole
che questo tipo di adesione all’azione volontaria ha generato nei collaboratori e nelle loro famiglie preoccupazioni, per la evidente esposizione al rischio.
Il ringraziamento va quindi esteso anche ai famigliari dei volontari, hanno così condiviso quel “sottile” dolore di madri, mogli, mariti, figli quando vedono i Carabinieri uscire per far servizio di pattuglia avendo sottotraccia la preoccupazione di non veder rientrare a casa i loro cari, con noi avendo sottopelle il timore del contagio da esposizione “volontaria”.

Per questo sono particolarmente grato alla prudenza usata da tutti nell’approccio e anche alla fortezza morale dimostrata.
Il coraggio di questi uomini e donne, la loro azione gratuita volta al bene comune, a prezzo della propria incolumità, chiude il cerchio dei valori per i quali tutti noi ci identifichiamo e apparteniamo all’Arma dei Carabinieri.

Eppure, a fronte di questo impegno nella “lontana” Brescia, che non ci ha data immediata visibilità in Valsabbia, d’altronde non è l’esibizione che muove il Volontario, diversi sono stati anche i servizi di prossimità territoriale che siamo riusciti a svolgere.

Abbiamo assolto, stiamo tuttora assolvendo
, compiti straordinari su richiesta di molti Comuni della Valsabbia.
Stiamo fornendo assistenza nella distribuzione alle famiglie di mascherine messe a disposizione dai Comuni, stiamo collaborando al trasporto di medicinali o beni prima necessità urgenti alla popolazione, partecipiamo accompagnando a visite mediche bambini e adulti con parenti affetti da infezione e impossibilitati a accompagnarli, si notano pettorine d’Arma ai mercati comunali per garantire una possibile normalità nel rispetto delle regole e delle cautele sociali, identiche pettorine sono all’ingresso delle Chiese per consentire ai credenti di assistere alle funzioni religiose in sicurezza.

Non solo L’Arma in servizio dunque in prima linea, ma anche i Carabinieri in congedo.
Quest’anno in valle non ci saranno le tradizionali manifestazioni culturali e sportive alle quali l’ANC Valsabbina ha sempre dato il proprio contributo, ma l’associazione, nello spirito di solidarietà che la contraddistingue, è e sarà sempre a disposizione  delle istituzioni per l’aiuto che si rendesse necessario fino ad un auspicato ritorno alla normalità.

Viva l’Italia, ora più che mai.
Viva l’Arma dei Carabinieri, sempre.

Il Presidente
Car. Aus. Icaro Pasini
A nome del Direttivo ANC Valsabbina
 


Vedi anche
05/06/2007 00:00:00

A Famea le 193 candeline dell'Arma La “Sezione valsabbina in Preseglie” dell’Associazione nazionale carabinieri festeggerà il 193° Anniversario di fondazione dell’arma a Famea di Casto domenica 10 giugno.

14/06/2018 08:10:00

Buon compleanno all’Arma dei Carabinieri A Bagolino i carabinieri in congedo della sezione Valsabbina in Preseglie hanno festeggiato insieme il 204° di fondazione dell’Arma e il 68° del sodalizio

19/06/2017 16:52:00

Festeggiati i 203 anni dell'Arma Con una partecipata cerimonia svoltasi domenica a Provaglio Val Sabbia, la sezione Valsabbina della Associazione Nazionale Carabinieri ha festeggiato il compleanno dell’Arma

22/12/2009 07:00:00

Un monumento ai Carabinieri In occasione del 60° anniversario di fondazione della sezione valsabbina dell’Anc sarà collocato nella rotonda di Sabbio Chiese un monumento all’Arma.

07/06/2006 00:00:00

a Bagolino per i 192 della Benemerita Ci sarà anche il vicepresidente del Parlamento europeo on. Mario Mauro alla cerimonia valsabbina per il 192° anniversario di fondazione dell’Arma dei



Altre da Valsabbia
07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque

07/07/2020

Marcellina Bertolinelli nuovo presidente del Rotary Valle Sabbia

Il sodalizio per il nuovo anno sociale sarà guidato da una donna, dottore agrario e docente presso l’Università di Milano. Il presidente internazionale è Holger Knaack con il motto “Il Rotary crea opportunità”

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

07/07/2020

Cassa Rurale, i passi verso la fusione

Presentato l'assetto della nuova banca di credito cooperativo che nascerà con la fusione della Cassa Rurale Adamello nella Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella: nuova governance, un periodo di transizione di tre anni, cinque territori con altrettanti Gruppi Operativi Locali per gestire la mutualità

06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

06/07/2020

Controlli notturni della Locale

Sanzioni per sorpassi azzardati e superamento dei limiti di velocità, tre patenti ritirate per guida in stato d’ebbrezza e una vettura sequestrata: è il bilancio di una notte di controlli della Locale della Valle Sabbia

05/07/2020

Sopralluoghi anti assembramento

Anche i Carabinieri della Compagnia di Salò hanno effettuato numerosi controlli per verificare il rispetto della normativa sul Covid-19. Dieci giorni di chiusura comminati dalla Prefettura per un bar di Ponte Caffaro

05/07/2020

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle

Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province

04/07/2020

In montagna con accompagnatori e guide

Anche itinerari sulle montagne bresciane e in Valsabbia e sull’Alto Garda fra le proposte di questa iniziativa promossa dalla Regione