Skin ADV
Mercoledì 21 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.08.2019 Roè Volciano

20.08.2019 Valtenesi

19.08.2019 Valsabbia

20.08.2019 Storo

19.08.2019 Val del Chiese

19.08.2019 Vobarno

20.08.2019 Lavenone

19.08.2019 Storo

20.08.2019 Mura

20.08.2019 Vestone






22 Maggio 2019, 06.43
Valsabbia
Ambiente

Controlli a tappeto

di red.
Nel corso delle ultime settimane, i Carabinieri Forestali di Vobarno hanno eseguito molti controlli su inquinamento atmosferico e gestione illecita di rifiuti industriali

Da una parte l’azione preventiva, eseguendo numerosi controlli volti alla prevenzione dei fenomeni di inquinamento ambientale; dall’altra quella repressiva, intervenendo sugli illeciti in materia di gestione dei rifiuti speciali derivanti da attività industriali ed artigianali.

Lo scorso 14 maggio, in particolare, in occasione di un accertamento effettuato presso uno stabilimento di pressofusione dell’alluminio sul territorio vobarnese, è stato riscontrato che l’azienda aveva abusivamente aumentato la propria capacità produttiva sino ad oltrepassare una capacità di fusione dell’alluminio di 20 tonnellate al giorno, grazie all’installazione di macchinari per la fusione e lavorazione del metallo in misura tripla rispetto a quanto consentito. I fumi, per altro, venivano illecitamente convogliati in atmosfera attraverso sette punti di emissione non autorizzati.

I Carabinieri Forestali
hanno pertanto proceduto a sequestrare tutti gli impianti ed i punti di emissione sprovvisti di autorizzazione, nonché a deferire alla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia il legale rappresentante della ditta per aver svolto la propria attività in assenza di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), requisito indispensabile per poter esercitare con la capacità di fusione descritta.

Controlli similari sono stati svolti, inoltre, all’interno di due industrie di laminazione ed una fonderia ubicate nei Comuni di Odolo ed Agnosine, presso le quali sono state riscontrate irregolarità in materia di manutenzione degli impianti che effettuano emissioni in atmosfera, nonché illeciti nella gestione dei rifiuti speciali anche pericolosi, come olii e grassi esausti.
I responsabili di ciascuna impresa interessata gli illeciti, pertanto, sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria e a loro carico sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di 74.333,34 euro.

Ulteriori verifiche hanno riguardato la gestione delle terre e rocce da scavo nonché dei rifiuti da demolizione e costruzione da parte di alcune imprese edili operanti nei Comuni di Vobarno, Provaglio Val Sabbia, Barghe, Castenedolo e Bedizzole.

I titolari di 5 imprese, in particolare, sono stati denunciati per il reato di deposito incontrollato di rifiuti, avendo collocato i materiali derivanti dalle loro attività in aree non autorizzate ovvero con modalità non consentite (ad esempio ammassandoli direttamente sul suolo nel mezzo della vegetazione) o ancora per aver destinato a riempimenti e rimodellamenti le terre e rocce da scavo prodotte in cantiere senza averne preliminarmente accertato la compatibilità ambientale mediante l’esecuzione delle analisi obbligatorie volte ad escludere la presenza ai alcuni inquinanti ambientali.

Anche in questo caso, oltre alle denunce, sono scattate le pesanti sanzioni amministrative previste dalla legge, dell’importo complessivo di 545.300 euro

In materia di gestione dei veicoli fuori uso e rifiuti costituiti dai relativi componenti, infine, sono stati sanzionati i proprietari di 8 autovetture rinvenute in stato d’abbandono nei Comuni di Bione, Sabbio Chiese e Castenedolo, nonché i titolari di due officine meccaniche di autoriparazione in Comune di Sabbio Chiese, che avevano omesso di tenere le registrazioni obbligatorie sui rifiuti in maniera conforme alla legge.

Questi controlli, ai quali si aggiunge la scoperta ed immediata chiusura di un’attività di autoriparazione abusiva a Castenedolo, hanno comportato a carico degli interessati, oltre che alle dovute segnalazioni alla Procura della Repubblica, sanzioni amministrative dell’importo complessivo di 19.014 euro.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80601 - 23/05/2019 09:34:16 (fantozzi) Congratulazioni!
Faccio le mie pi sentite congratulazioni all'opera dei Carabinieri Forestali di Vobarno. Oggi, noi tutti dobbiamo renderci conto che la cosa pi importante la difesa dell'ambiente contro l'inquinamento incontrollato. E' inutile puntare sempre il dito contro le automobili incentivando l'utilizzo delle auto elettriche (cosa comunque giusta), il grosso dell'inquinamento dato dalle industrie, ma purtroppo a molti interessa solo il lavoro e i soldi e non la salute. Bisogna cambiare la rotta perch altrimenti sar troppo tardi e che mondo si consegner ai propri figli?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/09/2017 11:29:00
Forestali valsabbini in azione a Remedello Ancora una volta i Carabinieri Forestali delle Stazioni  di Gavardo, Brescia e Vobarno hanno brillantemente portato a termine una specifica attività finalizzata al contrasto dell’odiosa pratica del bracconaggio che impoverisce la fauna mettendo a rischio la sopravvivenza di numerose specie protette

26/01/2019 14:20:00
Inquinamento del Chiese, intervengono i Carabinieri Forestali Doppio intervento dei militari della stazione di Vobarno in questo mese di gennaio, prima presso l’impianto di depurazione della rete fognaria e in seguito alla centrale idroelettrica di Carpeneda 

24/10/2018 09:42:00
Nella Bassa e in Valsabbia Una lunga serie di illeciti penali, quelli svelati dai Carabinieri forestali di Vobarno in queste ultime settimane

22/07/2019 15:33:00
Igiene alimentare, denunciato il titolare di un agriturismo
Gravi e numerose le violazioni in materia di sicurezza alimentare – ma non solo - accertate dai Carabinieri Forestali di Vobarno presso un agriturismo che apre i battenti in centro al paese, a Sabbio Chiese


04/01/2019 18:32:00
Denunciato un sabbiense per incendio doloso I carabinieri forestali di stanza a Vobarno hanno sorpreso un uomo di Sabbio Chiese intento sulle montagne dietro al paese a dare fuoco a rovi ed arbusti, rischiando l’incendio boschivo



Altre da Valsabbia
21/08/2019

Gal GardaValsabbia2020 alla 43ª Fiera di Puegnago

L’appuntamento di fine estate è a Puegnago del Garda, dal 24 al 26 agosto, con “Groppello&Casaliva Experience”, tre serate esclusive per salutare l’estate con i vini della Valtènesi e le eccellenze gastronomiche del territorio

19/08/2019

Decreto «insicurezza» bis

Proseguire l'analisi di Valsabbin* Refrattar* sulle politiche securitarie approvate dal governo gialloverde dopo la conversione in legge del Decreto Sicurezza bis (21)

18/08/2019

Controlli serrati

In due mezze giornate gli agenti della locale della Valle Sabbia, piazzatisi a Vestone, hanno rilevato numerose contravvenzioni

16/08/2019

La Fanfara Alpina Tridentina a Mosca

Ci saranno anche alpini valsabbini e gardesani della “Monte Suello” fra i componenti della Fanfara in partenza per la capitale russa per partecipare al XII Festival internazionale di musica militare «Spasskaya Tower»

16/08/2019

La difesa del lago val bene... una corsa

Si tratta della “Corsa per la vita del lago d’Idro e del suo fiume Chiese”, proposta degli Amici della Terra giunta alla sua terza edizione

16/08/2019

«L'intesa è solo per poter sfruttare la risorsa idrica»

Così il Consigliere provinciale trentino Alex Marini (5Stelle), nel fare il punto ferragostiano sullo sfruttamento idrico del Chiese e del lago d'Idro, per come è visto in sede Pat e al Pirellone
(1)

15/08/2019

«Broken» chiude il tris di Ferragosto

A conclusione della rassegna di eventi promossa in Rocca d’Anfo questo venerdì sera – 16 agosto – la proiezione del film vincitore del FilmFestival del Garda 2019 

14/08/2019

Aspettando Memorie di Terra

Terminati i “Viaggi d’acqua”, la prima parte di Acque e Terre Festival, ecco pronta la seconda parte, che quest’anno andrà in scena dal 30 agosto al 4 ottobre

14/08/2019

Una premessa sbagliata

Perché lo studio di fattibilità per la depurazione delle fognature dei comuni gardesani ha preso in considerazione solo soluzioni fuori dal bacino del Garda? Dubbi sulla sostenibilità economica del progetto (4)

14/08/2019

Ecco il progetto di Acque Bresciane

Dopo pressanti richieste l’Autorità d’Ambito ha reso noto il progetto di depurazione per i reflui dei Comuni gardesani che prevede due depuratori a Gavardo e Montichiari. Il 10 settembre il confronto con i Comuni del Chiese (17)

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia