Skin ADV
Giovedì 21 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


L'alba sul mar...

L'alba sul mar...

di Antonella Di Simine



19.09.2017 Vobarno

19.09.2017 Gavardo Vallio Terme Villanuova s/C

19.09.2017 Lavenone

20.09.2017 Vestone Barghe Valsabbia

19.09.2017 Vobarno

19.09.2017 Odolo

20.09.2017 Idro

20.09.2017 Prevalle

20.09.2017 Valtenesi

20.09.2017 Sabbio Chiese






10 Aprile 2017, 10.15
Valsabbia
Redazionale

Distanziometro per ciclisti vendo

di red.
L'idea è di un imprenditore valsabbino che opera nel campo del legno e arriva in seguito alle notizie diffuse sui prossimi cambiamenti di cui beneficerà presto il Codice della Strada
 
Il dibattito è aperto.
Troppo spesso i ciclisti, la parte debole degli utenti delle strada subito dopo i pedoni, corrono gravi rischi durante le loro pedalate.

Presto in soccorso degli amanti del pedale arriverà il Codice della Strada.
Fra le ipotesi di miglioramento della legge, infatti, anche l'obbligo di superare i ciclisti mantenendo la distanza di un metro e mezzo.

Un imprenditore valsabbino ha preso la palla al balzo,
brevettando un sistema sicuro per evitare le multe che probabilmente fioccheranno su chi non rispetterà la norma appena citata.

Nella foto vediamo il sistema montato su una motocicletta
, ma con una piccola modifica è possibile posizionarlo anche sulle autovetture, autobus e veicoli pesanti.

Chi fosse interessato può scrivere a redazione@vallesabbianews.it
Provvederemo a metterlo direttamente in contatto con l'inventore.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71691 - 10/04/2017 11:05:14 (ulisse46) Robe da pazzi
Parte debole di cosa?Non rispettano i semafori,i sensi unici, si mettono in fila per 2 o per tre e ogni tanto si danno il cambio andando a occupare tutta la corsia.Il 99% delle biciclette non conforme a quanto richiesto dal codice (catarifrangenti e campanello luci se del caso).Non utilizzano le ciclabili quando sarebbero obbligati a farlo.E questa sarebbe la parte debole?Inizi chi di dovere a metterli in riga poi parliamo del resto


ID71692 - 10/04/2017 12:37:16 (Tc) ulisse46
Ci sono ciclisti che sono in regola e ciclisti che non lo sono...tu mi vuoi far credere che tutte le bici che vedi con annessi ciclisti,non hanno i dispositivi di legge? Hai l'occhio di falco? Ti ricordo che finche' il CDS non sara' cambiato,in certe occasioni per i ciclisti e' consentito pedalare affiancati,non in grupponi naturalmente o in file di 3...ben venga questa legge...troppi automobilisti nervosetti fanno appositamente peli a distanze paurose ai ciclisti e ogni tanto capita che qualcuno si faccia male,sarebbero da galera...l'invenzione e' una simpatica goliardata,che sicuramente lascera' il tempo che trova...io sono sia uno che l'altro e quando vado in auto e vedo dei ciclisti,un colpo di clacson e si spostano,senza innervosirsi o litigare,se escono con il rosso sono cazzi loro,ne subiranno le dovute conseguenze...ci vuol talmente poco per il quieto vivere,e invece no...tutti sempre incazzati come bufali,che poi alla fine fa male al fegato...


ID71693 - 10/04/2017 13:00:30 (ibisco) Buon senso
Usando quello non c'è bisogno di una assurda legge che obbliga al sorpasso mantenendo un metro e mezzo di distanza. Se tutti rispettano questi limiti vuol dire che ogni ciclista che circola sulle strade avra' dietro a sé una coda chilometrica di automezzi, auguri!!! Anche di buona e felice Pasqua a tutti.Una


ID71694 - 10/04/2017 13:51:12 (ulisse46) Sicuro...
Le regole ci sono gia' e nessuno le fa rispettare. non ci vuole un occhio di falco per vedere che mancano campanello e catarifrangenti. E giusto per ragionare:da Bostone a Tormini tutta riga continua, la corsia larga 2 metri. Se devo tenere 1,5m dal ciclista e non posso invadere la corsia opposta mi faccio 5km al 30km/h? Ma fatemi il piacere.


ID71695 - 10/04/2017 14:16:56 (sissy) per ulisse46
Ha ragione Tc, e poi ulisse46, se tra Bostone e Tormini, come dici tu, hai davanti un trattore che fa i 30/h cosa fai, lo insulti? Te ne stai buono dietro fino a che sull'altra corsia non arriva nessuno e poi lo sorpassi no? Non ho capito perché non si può fare lo stesso con i ciclisti, che per il codice della strada possono viaggiare appaiati a due due. Ma si sa la fretta è cattiva consigliera!


ID71697 - 10/04/2017 15:42:45 (parcifes) Disinformazione
Invece di fare della ironia come la foto sopra, sarebbe meglio incentivare l educazione e divulgare la conoscenza del cds che impone ai ciclisti di viaggiare in fila indiana. L affiancamento è permesso solo nei centri abitati. Le strade purtroppo sono strette e chi viaggia a coppia oltre a non rispettare il cds, è totalmente privo di buon senso.


ID71698 - 10/04/2017 16:09:16 (ubaldo) Caro signor parcifes
Ironia si, ma la disinformazione è un'altra cosa. Trattasi di "attività malevola che mira a fornire e diffondere deliberatamente informazioni false, fuorvianti o non oggettive, distorcendo o alterando la realtà dei fatti allo scopo di ingannare, confondere o modificare le opinioni di qualcuno verso una persona, un argomento, una situazione, traendone spesso vantaggio". Prima di accusare Vallesabbianews di disinformazione è pregato di verificare il significato di questa parola. Grazie. Quanto al merito della questione, ovvero quando e come si viaggia in bicicletta sulle nostre strade, le abbiamo dato modo di ribadire un concetto da noi e dai lettori espresso in molte altre occasioni.


ID71699 - 10/04/2017 17:58:04 (cricri) e comunque....
quel distanziometro non è a norma e nemmeno omologato!!


ID71700 - 10/04/2017 19:28:19 (PETER72)
Potrebbe essere un'idea... però in qualità di utenti deboli forse dovrebbero montarlo i ciclisti sulla bici


ID71701 - 10/04/2017 20:02:55 (zine) X Ulisse46
Effettivamente nel Regno Unito hanno promosso un video educativo che dimostra come sia più pratico e veloce sorpassare dieci ciclisti accoppiati, invece che 10 in fila indiana. (Considerando 2mt a bici, una fila da 20 mt mantenendo 1,5 mt di distanza, in certe strade, non la passi più). Sta a vedere che, se passasse la legge citata, saremo contenti di trovarceli davanti accoppiati.


ID71702 - 10/04/2017 21:21:41 (ALCOLICASTO) ALCOLICASTO
ci sono molti km di piste ciclabili, con il traffico del giorno d'oggi sarebbe meglio per tutti che i ciclisti le usassero di più


ID71703 - 10/04/2017 21:52:56 (Tc) ALCOLICASTO
hai ragione,anzi se presenza di piste ciclabili i ciclisti sarebbero obbligati ad andarci,però io che sono ciclista e che le ciclabili le faccio praticamente sempre,ti posso dire che in parte capisco anche quella parte di ciclisti che per loro scelta non le voglion fare,un elenco di cosa ci puoi trovare:dalle greggi di pecore con rispettive merde,dai cani slegati con rispettive merde,da pedoni affiancati a 4 persone che naturalmente non si spostano nemmeno se gridi come un matto,dalle famigliole che educando bene i loro pargoli,lasciandoli scorrazzare in ogni dove per lasede stradale,dai texani a cavallo e rispettive merde,dai furbi in moto,scooter e addirittura da auto della polizia e carabinieri,che auspico,queste,ci siano andate per far controlli alle altre citate categorie,tra le quali ci metto i ciclisti che credendosi Moser,tentano sempre di fare il record dell'ora,vogliamo mettere anche il tratto di ciclabile interdetto a Gavardo? Mossa astuta,ce n'e' per tutti i gusti


ID71704 - 10/04/2017 21:59:18 (Tc) ALCOLICASTO...
e lo dico con cognizione di causa,perchè frequento il tratto ciclabile da Mazzano ai Tormini almeno 4 volte la settimana,e anche se i ciclisti non sono immuni da comportamenti discutibili...ci sono altre categorie,(che magari son proprio quelle che al volante son sempre incazzate),che andrebbero quantomeno regolate...poi possiamo puntare il dito...;-)


ID71711 - 11/04/2017 11:41:54 (ulisse46) non fa una piega
Il problema sta in questa affermazione:"capisco anche quella parte di ciclisti che per loro scelta non le voglion fare". Art.182 comma 9 CdS: "I velocipedi devono transitare sulle piste loro riservate quando esistono, salvo il divieto per particolari categorie di essi, con le modalit stabilite nel regolamento" come vedi c'e' scritto DEVONO non possono. Chi deve fare rispettare questa cosa dove e'????


ID71712 - 11/04/2017 12:19:54 (Tc) ulisse46
Ma tu capisci quello che ho scritto? A me sembra mica tanto...


ID71715 - 11/04/2017 21:58:23 (ric)
beh dai se ti trovi davanti una bicicletta a Lavenone potresti stargli dietro fino a Darzo, dopo il paese di Darzo probabilmente riesci a superarlo senza oltrepassare la striscia continua......Come al solito chi fa le leggi non sa neanche se è al mondo.....


ID71716 - 11/04/2017 22:16:30 (Tc) ric...
ma tra Lavenone e Darzo c'è una pista ciclabile? Se non c'è e se non ci si riesce (dai che in qualche punto si sorpassano anche fra auto...),purtroppo bisogna star dietro il o i ciclisti,piaccia o no...e' cosi...;-)



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/08/2014 10:00:00
Motociclisti, utenti deboli della strada Grande la soddisfazione della comunità motociclistica, per l’approvazione delle proposte di emendamento suggerite da Confindustria ANCMA relative alla sicurezza dei motociclisti e alla mobilità delle due ruote, all’interno del testo unificato della legge delega che riformerà il codice della strada.

05/08/2008 00:00:00
Codice stradale e Codice ...eti(li)co Molti hanno espresso il loro sdegno perchè nei giorni scorsi, a Capriolo, Marco Simoncelli ha infranto il Codice della strada, tanto da meritare il ritiro della patente. Beh è capitato qualche giorno prima anche ad un sindaco valsabbino.

08/01/2007 00:00:00
Più sicurezza per pedoni e ciclisti A margine dell'inesuaribile dibattito sulla viabilità valsabbina, da Collio di Vobarno arriva un appello per la sicurezza di pedoni e ciclisti.


21/05/2013 12:00:00
Al via la formazione a distanza con «Trio» Si tratta di un progetto sperimentale della Regione Toscana che prevede l'utilizzo della modalità di apprendimento e-learning via internet. Formazione a distanza anche per la tutela della salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

10/10/2009 12:00:00
Un parchegggio a codice "C'è un articolo del Codice della strada che chiarisce il perchè della scelta amministrativa di Gavardo nel realizzare i nuovi parcheggi in via Bertolotti"



Altre da Valsabbia
20/09/2017

Il 10% del territorio valsabbino a rischio frane

Secondo i dati dell’Ispra sono 8 i Comuni Valsabbini con il territorio più fragile e soggetto a fenomeni franosi, con 1400 abitanti in zone a rischio elevato

20/09/2017

Cambio della guardia al C7

Conclusa l’era governata da Roberto Betta, durata 22 anni, la guida del Comprensorio passa a Roberto Monera

19/09/2017

Quando la formazione corre... sul web

Ellegi Service rinnova il suo sito web. On line si trova una vetrina moderna e completa dei servizi proposti dall’Azienda

17/09/2017

70 anni per Ivars

Più di trecento a Gargnà ieri, per festeggiare i 70 anni dell’Ivars, storica azienda valsabbina fondata da Pietro Giulio Ebenestelli nel 1947 (1)

17/09/2017

A Bione il terremoto fa meno paura

Il piccolo Pietro ha afferrato le forbici e “zac”, con l’aiuto del sindaco Franco Zanotti, ha tagliato il nastro tricolore

16/09/2017

La mia Terra ha buona voce... si sente e si vede

Giunge quest’anno alla settima edizione il concorso letterario proposto da Agape, che per l’occasione si arricchisce di sezione fotografica . Elaborati da consegnare entro la fine di settembre

16/09/2017

«Quello di cui non ho sentito parlare»

Il passaggio dalla cultura del contenuto alla cultura dell’apprendimento. Una disanima filosofico-pedagogica di Giuseppe Biati


15/09/2017

Un videoclip coi Cinelli per la differenziata valsabbina

Charlie e Piergiorgio, nei giorni scorsi, hanno girato fra gli abitanti della Valle Sabbia un videoclip sulla raccolta differenziata, una vera rivoluzione che attende tutti a partire dal prossimo gennaio. Con loro la Comunità montana e i cittadini della valle


14/09/2017

Ecografia 3D/4D in gravidanza

Da questo mese di settembre è possibile effettuare questo tipo di ecografia anche presso il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno

12/09/2017

Serle riparte con lo Sprar

L'Amministrazione comunale di Serle ha deciso di attivare un progetto "Sprar" in luogo del "Cas" ancora presente in via Panoramica. Ne abbiamo parlato col sindaco Bonvicini


Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia