24 Luglio 2016, 08.51
Valsabbia
Moto

Non solo boxer

di Ubaldo Vallini

Bmw F700GS e S1000XR. Le due moto, testate in Valle Sabbia, si distinguono per le loro prestazioni: l'una per la maneggevolezza da "bicicletta", l'altra per la sicurezza sulle lunghe distanze


Se vi chiedono di pensare ad un torrente di montagna, prima ancora che le sinapsi si mettano al lavoro arriva la sensazione di fresco, specie in queste giornate estive.
La stessa cosa se il pensiero va improvvisamente ad una Bmw a due ruote: subito viene in mente l’architettura storica del motore, boxer ovviamente, come è ancora oggi e come è stato fin dagli anni Venti del secolo scorso.
Per più di sessant’anni, prima di essere affiancato dai modelli della serie K.

Oggi però Bmw Motorrad propone una gamma assai diversificata
, dal 2 al sei cilindri.
Noi abbiamo provato a lungo due motociclette BMW, scegliendole di proposito fra i “non boxer”.

Una è la F700GS, modello “entry level” fra le off road della casa dell’elica, che monta un bicilindrico fronte marcia.
L’altra è la S1000XR, che adotta il propulsore a quattro cilindri fronte marcia delle “mille” più agguerrite, proponendosi come via di mezzo fra una moto sportiva e una “tutto terreno”.

Ad accomunarle solo il marchio e la mancanza di un motore boxer, per il resto non ci abbiamo nemmeno provato a mettere una in relazione all’altra.
Troppo diverse le specifiche: cilindrata, indole, prestazioni, possibilità di utilizzo, prezzo...
Quale provare per prima? Non abbiamo avuto dubbi e ci siamo comportati come per gli assaggi di formaggio: quello dal sapore più delicato.

Eccoci così in sella alla F700Gs.

Subito positiva la prima impressione, facile salire anche se sei sotto il metro e 70 e fra le gambe sembra di avere una bicicletta, tanto è elevata la maneggevolezza nel muoversi.

A dispetto del nome la moto monta lo stesso propulsore della “sorella” F800GS, che si distingue per essere meglio equipaggiata per l’off road.
Il bicilindrico da 798 cc allunga bene se si insiste con il gas, ma ne fa volentieri anche a meno. Accetta piuttosto di buon grado il passaggio alle marce più lunghe, facendosi perdonare con una coppia generosa e sempre pronta.
Così diventa un piacere far girare i 75 cv di questa F700Gs sulle strade tortuose di montagna, dove è sempre tutto sotto controllo grazie ad una ciclistica pronta ai cambi di direzione e all’abs che impedisce deleteri bloccaggi delle ruote.

La F700Gs è certo una moto “facile”, beve poco ed è capace anche di accompagnarci in gite di medio raggio, anche in due.
Serve però un parabrezza più alto per i trasferimenti autostradali, altrimenti faticosi anche a velocità inferiore a quella prevista dal Codice. Costa “chiavi in mano” 9.750 euro.

Belva sotto mentite spoglie
Ce ne vogliono invece 16.200, ma è facile andare oltre con qualche necessario optional, per portarsi a casa la S1000XR.
Questa è una belva sotto mentite spoglie.

Il propulsore, un compatto “quattro” in linea fronte marcia da 160 cavalli: deriva da quello della RR che ne sviluppa 200 ed ha un comportamento sorprendente.
Già a 30 chilometri orari ti puoi permettere di inserire la sesta marcia e dimenticarti del cambio, tanto è fluida l’erogazione anche ai bassi regimi.
Allo stesso tempo, e sempre senza incertezze, la S1000XS accetta “tirate” fino al limitatore, che si raggiunge in un lampo ed interviene a 125 orari in prima, 160 in seconda, 190 in terza.
Il tutto con una tonalità di scarico che non ti fa certo passare inosservato, fino ai 250 chilometri orari di velocità massima.

E si guida bene questa moto, dopo un primo momento dovuto all’imponenza e alla generosità delle forme, supportati da un’elettronica sempre a punto.
Automatismi necessari, dicevamo, che segnano il passo solo sul bagnato, ma bisogna andare a cercarsela: anche in modalità “rain”, infatti, con la potenza limitata a 100 cv, se si insiste a tenere aperto il gas aspettando la “botta” di coppia che arriva a 6 mila giri, la ruota posteriore va per conto suo.
Solo per un attimo, prima che intervenga il sistema di antipattinamento a contenere l’esuberanza del motore, ma se sei anche solo leggermente in piega e non te l’aspetti il colpo di coda è garantito e si può mettere davvero male.

Prestazioni degne di una ipersportiva
di pochi anni fa, insomma, davvero esaltanti.
A parlarne solo in questi termini però si rischia di mettere in secondo piano le grandi doti di stradista della S1000XS: in due, coi bagagli, diventa una straordinaria sport tourer che piega sicura fino alle pedane e ti tira fuori con un filo di gas quando serve.

Va davvero forte e sicura, Beve il giusto: anche più di 16 km/l se non si esagera.
Vibra intorno ai 5.000 giri su manubrio e pedane: fastidioso, ma sopportabile.

Una gran moto. Dopo 3 mila chilometri quasi tutti su e giù per la Valle Sabbia, ci è dispiaciuto doverla restituire.

Dal Giornale di Brescia




Aggiungi commento:
Vedi anche
24/09/2019 11:53:00

Brescia-Napoli pronti al via Valle Sabbia protagonista alla quarta edizione della classica a squadre per moto d’epoca. Due dei sette equipaggi al via, infatti, partiranno dalle sponde del Chiese

15/06/2017 10:40:00

Seconda Semi Notturna del Benaco È in programma questo sabato sera fra Garda e Valsabbia la seconda edizione della manifestazione motoristica valida come settima prova del Trofeo Mototour Lombardia 2017

17/03/2019 07:00:00

Incidenti a raffica Una  serie impressionante di incidenti quella che interessato il sabato sulle strade della Valle Sabbia e in quelle limitrofe

11/08/2018 07:55:00

Adrenalina pura, anche senza le gambe La neve come se fosse asfalto, il monosci come la moto, per piegare al limite facendo i conti con velocità, traiettorie e aderenza. Dopo il terribile incidente, Alessia Polita ha ritrovato in Valle Sabbia la gioia della competizione

10/11/2019 07:51:00

Entusiasmo alle stelle per EICMA Dopo l'evento di mototerapia organizzato Il 16 ottobre all'autodromo di Castrezzato da la ONLUS Di.Di Diversamente disabili, al quale ho partecipato, e la mia ritrovata passione per i motori e per le moto in particolar modo, è stato il turno di EICMA



Altre da Valsabbia
02/07/2020

Armanini dice la sua

In merito alla lettera da noi pubblicata mercoledì che sollevava interrogativi sulla fusione fra le Rurali GVP e Adamello, ci scrive il presidente Armanini

02/07/2020

Biker caduto a Sant'Onofrio

Intervento congiunto del Soccorso Alpino della Valle Sabbia e della Valle Trompia per soccorrere un biker caduto sul sentiero 434 fra Nave e Lumezzane

02/07/2020

Anche questa estate c'è Acque&Terre Festival

Con tutte le limitazioni del caso, torna anche questa estate la rassegna di concerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago, giunta alla sedicesima edizione. Ecco i primi due appuntamenti

01/07/2020

«Incontriamoci», AIB incontra i sindaci delle zone

Tra maggio e giugno gli appuntamenti hanno coinvolto le zone della Valle Sabbia e del Lago di Garda – l'ultimo a Prevalle - con l'intento di progettare un futuro di crescita del territorio

01/07/2020

Fusione Rurali, fra dubbi e certezze

Ma siamo proprio sicuri che la fusione in programma fra le Rurali 'Giudicarie Valsabbia Paganella' e 'Adamello', nei tempi e nei modi, sia stata studiata bene? I dubbi di un lettore

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico

01/07/2020

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda»

Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago

30/06/2020

Valsabbina, utile in crescita, Barbieri confermato presidente

L’assemblea dei soci svoltasi attraverso il Rappresentante Designato ha approvato il bilancio 2019: in crescita utile (20,3 milioni, +33,7%), raccolta (+17,61) e territori presidiati. Confermati anche i consiglieri in scadenza Gnutti e Pelizzari

28/06/2020

Tempo di bilancio

Archiviato il 2019 con un bilancio soddisfacente che non interrompe il trend di crescita, il Caseificio Sociale Valsabbino, riunito in assemblea soci, ha fatto il punto sulla situazione, anche quella attuale. VIDEO

27/06/2020

Perdono il sentiero, raggiunti e portati in salvo

La disavventura è capitata ad un gruppo familiare composto da cinque persone. Fra loro dei bambini. Ed è finita bene