05 Luglio 2020, 10.30
Valsabbia Provincia
Cultura & Territorio

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle

di Cesare Fumana

Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province


Con un emendamento al decreto Rilancio, approvato in Commissione Bilancio alla Camera dei Deputati viene attribuito per legge il Titolo di “Capitale italiana della cultura” per l’anno 2023 alle città di Bergamo e Brescia”.

L’emendamento porta la firma del deputato M5S bergamasco Devis Dori, e del collega di partito bresciano, Claudio Cominardi.

Il testo, inserito nel decreto Rilancio, riformulato dal governo spiega che “per l’anno 2023 è conferito l’incarico alle città di Bergamo e Brescia, al fine di promuovere il rilancio socio-economico e culturale dell’area sovra provinciale più colpita dall’emergenza sanitaria da Covid 19”, quindi non senza bisogno di partecipare al bando che avrebbe dovuto essere istruito nel 2021.

Il prossimo passo è l’ok del Senato, poi le due città di Bergamo e Brescia dovranno presentare al Ministero per i beni e le attività culturali, un progetto unitario di iniziative finalizzato a incrementare la fruizione del patrimonio culturale materiale e immateriale entro il 31 gennaio 2022.

La Leonessa d’Italia e la Città dei Mille, coi loro sindaci Emilio Del Bono e Giorgio Gori, a metà maggio avevano preso questa decisione simbolica, durante uno dei momenti più bui della loro storia: lanciare la candidatura per segnare la rinascita e la ripartenza per le due realtà allora in ginocchio, ma anche per l’intero Paese.

Negli anni passati le città che sono state capitali della cultura hanno richiamato, in media, un milione di visitatori. Un’occasione quindi di rilancio del turismo e di riqualificazione delle bellezze architettoniche delle città per presentarsi al meglio a questo appuntamento.Un indotto turistico e commerciale di tutto rispetto.

Sicuramente non solo le due città faranno da richiamo, ma anche le due provincie.
È probabile, infatti, che molti visitatori, oltre alla città, possano considerare un passaggio anche qualche luogo della provincia. Un’occasione quindi da cogliere anche per la nostra Valle Sabbia. Luoghi d’interesse turistico-culturale non mancano neanche da noi. Da qui al 2023 c’è tempo per pensare a qualche “Pacchetto Valle Sabbia” da proporre a chi visiterà Brescia “Capitale italiana della cultura”.


Vedi anche
19/05/2020 16:19

Brescia e Bergamo capitali della cultura 2023 Girelli (PD): Regione sostenga con convinzione la candidatura delle due città a capitali della cultura 2023

28/09/2014 07:39

Tra Vestone e Casto pulsò il “cuore politico” della Valle Sabbia per più di 100 anni. E ora? A partire dal periodo risorgimentale la Valle Sabbia...

05/10/2015 09:04

Il dialetto e la cultura popolare, con Agape Autunno fittissimo di impegni per Agape, l’associazione che da alcuni anni opera e lavora nel campo della cultura (prevalentemente) sul territorio della Valle Sabbia. Col dialetto si comincia questo venerdì

19/06/2019 15:34

Famiglia Pisoni, vignaioli e grappaioli nel tempo Ai primi di giugno una bella gita turistica e culturale, con il Direttore di Vallesabbianews Ubaldo Vallini, dall'amico Arrigo Pisoni, leggenda della cultura contadina, dell'arte del vino e non solo

16/03/2014 09:23

Turismo in Valle: tanti problemi, poche soluzioni Ha suscitato molto interesse la prima tappa degli “Stati generali della cultura e del turismo in provincia di Brescia” organizzato a Nozza venerdì scorso



Altre da Provincia
07/08/2020

Alle superiori lezioni in aula a rotazione

Due settimane in classe e due a casa, con l'ormai consolidata didattica a distanza. È l'ipotesi su cui si lavora per la riapertura delle scuole a settembre, unitamente ad ingressi scaglionati e aumento delle corse dei mezzi pubblici

07/08/2020

Scuole verso la riapertura, in campo le risorse statali

I fondi stanziati con il Decreto rilancio e i Pon per l'edilizia leggera aiuteranno gli istituti bresciani a ripartire con le dovute misure dopo l'emergenza sanitaria. Contributi in arrivo anche per diversi Comuni valsabbini

03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

02/08/2020

Nuvolento in festa per Santa Maria della Neve

In occasione della festa patronale l'erigenda Unità Pastorale di Nuvolento, Nuvolera, Serle e Castello di Serle festeggia anche il 45° di Ordinazione sacerdotale del parroco don Severino Maffezzoni

01/08/2020

Nuvolento celebra il Perdono d'Assisi

Questo fine settimana – sabato 1 e domenica 2 agosto – all'Antica Pieve di Nuvolento sarà possibile ottenere l'indulgenza della Porziuncola, secondo una tradizione religiosa molto sentita

01/08/2020

«Le risposte è bene che arrivino dal Ministero»

Comitati e associazioni ambientaliste, in un comunicato unificato che riportiamo integralmente, invitano i sindaci dei Comuni dell'asta del Chiese, in merito al Tavolo tecnico sulla depurazione del Garda, a respingere qualsiasi soluzione tecnica non vagliata dalla politica

01/08/2020

«Passaggi», sold out lo spettacolo di Lucilla Giagnoni

Si terrà lunedì 3 agosto a Nuvolera la lettura – spettacolo dedicata al tema del passaggio, nell'ambito di Acque e Terre Festival. Un evento attesissimo, tanto da aver già registrato il tutto esaurito

30/07/2020

Terziario, fiducia in recupero dai minimi

Dopo il crollo del primo trimestre 2020 l’indice di fiducia delle imprese bresciane registrato tra aprile e giugno risale, restando comunque distante dalla media registrata nel 2019

30/07/2020

Facebook no grazie

Banca Valsabbina aderisce alla campagna di sensibilizzazione contro i fenomeni di odio sempre più diffusi sul web e sospende gli investi pubblicitari sul più popolare dei social

30/07/2020

Poste, il turno allo sportello si prenota con WhatsApp

L'innovativo servizio è già attivo in 40 Uffici Postali della provincia di Brescia, tra questi anche a Gavardo