Skin ADV
Sabato 23 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








22.02.2019 Sabbio Chiese

21.02.2019 Serle

22.02.2019 Bione

21.02.2019 Vestone

22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Villanuova s/C Roè Volciano

21.02.2019 Preseglie

21.02.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

22.02.2019 Prevalle

21.02.2019 Storo






16 Novembre 2018, 09.19
Valsabbia Provincia
Lettere

Un Sì per l'acqua pubblica

di Mattia Chiodi
Gentile direttore, approfitto di questa rubrica per parlare di acqua pubblica dato che questa domenica tutti noi saremo chiamati alle urne...

... per decidere se il servizio idrico debba rimanere a maggioranza pubblico (Sì), oppure se si vuole una gestione legata principalmente ai privati (No).
E’ un referendum molto importante e in questa lettera volevo spiegare le ragioni per cui, secondo me, si dovrebbe votare Si.

Il sistema idrico integrato riguarda tutte le opere di prelievo e distribuzione dell’acqua tramite acquedotto, il controllo della qualità e il convogliamento dei reflui in fognatura.
Attualmente la gestione del sistema idrico integrato è affidato principalmente al gestore unico Acque Bresciane srl che a partire dal 2019 dovrebbe prendere in gestione la maggioranza relativa degli impianti (49%).

Purtroppo, nonostante Acque Bresciane srl sia a controllo pubblico, rimane sempre una società in forma privatistica.
Mentre Il pubblico deve reinveste tutti gli utili nell’ammodernamento della rete, il privato deve redistribuire gli utili tra i suoi investitori e quindi deve prevedere dei profitti.

Quindi se la gestione dovesse passare in mano ai privati i costi di gestione andranno a incidere direttamente sulla nostra bolletta, molto probabilmente con un aumento considerevole.

Inoltre, se il servizio idrico fosse venisse privatizzato
, i comuni perderebbero quasi completamente il loro potere decisionale e di controllo del servizio, in quanto le scelte verrebbero sempre prese dall’alto (dal CDA dell’azienda) e i documenti non sarebbero più pubblici e consultabili, bensì secretati e coperti dal segreto professionale, rendendo la gestione poco trasparente.

In molte parti d’Italia e nel resto del modo si è visto come la gestione dei privati si sia rilevata spesso più inefficiente, se non addirittura catastrofica (con tariffe maggiorate anche del 400%, come nel caso di Acqua Latina Spa in Toscana), mentre dove la gestione è rimasta (Milano) o è tornata prevalentemente pubblica (Parigi) il sistema funziona decisamente meglio.

La volontà popolare di mantenere il servizio idrico prevalentemente pubblico
è già stata manifestata in passato con il referendum del 2011: l’acqua è un bene molto prezioso per la comunità e perciò non può e non deve essere soggetto ai mercati e alle loro speculazioni.
A fronte di tutti questi motivi invito la gente a recarsi Domenica 18 Novembre a votare Si per il nostro bene più prezioso.

Mattia Chiodi

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78334 - 16/11/2018 10:40:06 (DiegoA) E il no?
Nessuno scrive articoli sul NO?


ID78335 - 16/11/2018 10:59:17 (Baldo degli ubaldi)
Onestamente sono molto indeciso su cosa votare in quanto di principio è assolutamente corretto che l'acqua sia un bene pubblico , ma d'altro canto è pur vero che pubblico non vuol dire per nulla efficienza quindi una partecipazione privata potrebbe dare quell'organizzazione che manca. Poi ovviamente vanno soppesati i pro e i contro è meglio pagare qualcosa di più ed avere un servizio di qualità oppure pagare di meno ma avere un servizio inferiore?ma soprattutto ciò che mi preoccupa di più è chi subentrerà alla A2A? I comuni singolarmente non possono quindi verrà data in affidamento alla comunità montana che lo affiderà a sua volta alla SAE e quindi l'acqua non sarebbe per nulla gestita dai comuni.


ID78337 - 16/11/2018 13:42:39 (g.v.p@libero.it)
Non discuto le ragioni per il Sì , ma non mi convince affatto che il Referendum sia meramente " consultivo " . D'accordo , si dice che poi si dovrà tener conto comunque del risultato . Ritornello sentito più e più volte , ed è questo che non mi torna . Perché chiedere la mia opinione e non il mio voto , qualunque esso sia ? Se devo decidere , sono in grado di farlo , e come me molti altri . Ad oggi non ho deciso se recarmi al seggio oppure no . Credo prevarrà l'astensione .


ID78338 - 16/11/2018 14:53:16 (Giacomino) Per una questione
di principio andrò a votare e per almeno due motivi voterò Si.


ID78339 - 16/11/2018 14:59:50 (groppello62)
Mattia, con le tue idee ti mandiamo a governare Roma con i tuoi amici . Ma va là...Chiunque abbia un poco di esperienza amministrativa comprende la carica demagocica e ideologica di questo referendum.


ID78342 - 16/11/2018 21:09:06 (PETER72) L'unica cosa certa...
... ė che saranno spesi un milione e mezzo di euro per "consultare" i cittadini su un quesito per il quale si erano già chiaramente espressi qualche anno fa. Era meglio forse usare quei soldi per riparare qualche falla, non solo del sistema idrico...


ID78344 - 17/11/2018 07:38:09 (delirio) per me è sì
chiare fresche dolci acque


ID78358 - 18/11/2018 11:17:07 (Maxpel68)
.....Verrei a pagare di meno o servizio poco efficiente?Come avete fatto presente,chi la gestira'?Speriamo comunque vada che ci sia trasparenza ed efficienza con costi contenuti.BUONA DOMENICA a TUTTI VOI e BUONA ACQUA per TUTTI.


ID78414 - 19/11/2018 09:36:40 (gioica) Io ho espresso il mio parere...
... non dico che ho votato visto che non si tratta di voto (come ho appreso poc anzi dalle vostre precisazioni...), vi dico che nel mio paesello ieri sera avevano votato meno del 10% degli aventi diritto.... un vero SPRECO DI DENARO PUBBLICO, hai proprio ragione Peter72...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/03/2018 09:20:00
Referendum acqua pubblica entro fine anno l presidente della Provincia Mottinelli ha risposto così al comitato che l'aveva diffidato. La consultazione sarà effettuata forse col voto elettronico

07/11/2018 09:06:00
Acqua pubblica, se ne parla a Prevalle Questa sera – 7 novembre – sarà don Gabriele Scalmana a chiudere la rassegna “Le ragioni del sì” organizzata dal Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia. Si vota il 18 novembre 

01/10/2017 08:51:00
Obiettivo: referendum provinciale «Escludere il profitto dalla gestione dell’acqua» con un referendum provinciale. E’ l’obiettivo per cui si sta muovendo il Comitato Referendario Acqua Pubblica. Con ottime prospettive di poter votare la prossima primavera


06/12/2017 10:28:00
Un passo avanti verso il referendum La Commissione di garanzia, che si è riunita in data 1 dicembre, ha dichiarato ammissibile la richiesta di referendum consultivo provinciale presentata dal Comitato Referendario per l’Acqua Pubblica di Brescia

25/06/2010 11:00:00
Il mondo cattolico per l’acqua pubblica Va avanti a pieno ritmo la raccolta firme per i referendum contro la privatizzazione dell’acqua, che vede un convinto sostegno anche del mondo cattolico.



Altre da Valsabbia
22/02/2019

Appuntamenti del weekend

Ricco programma di eventi, spettacoli e concerti per questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e in provincia

21/02/2019

Sviluppo locale, pubblicati i primi bandi

Sono attivi da ieri, 20 febbraio, i primi bandi di finanziamento in attuazione del Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 del GAL GardaValsabbia2020 

21/02/2019

Doppio depuratore, lo sconcerto dei comitati ambientalisti

Il comitato gavardese Gaia e Muscoline&Ambiente esprimono sgomento per quanto emerso nella riunione svoltasi sabato scorso presso la sede della Comunità del Garda, ribadendo la proposta di una separazione tra depurazione e scarico dei reflui depurati
(4)

20/02/2019

Emodinamica a Gavardo, fra annunci e promesse

All’annuncio del direttore generale dell’Asst del Garda sull’impossibilità di avere il servizio al nosocomio gavardese, risponde il consigliere regionale della Lega Massardi: “La partita non è chiusa” (2)

19/02/2019

«Il Chiese va risanato, no al doppio depuratore nel fiume»

Anche il consigliere regionale Ferdinando Alberti prende posizione sulla questione depuratore del Garda ribandendo il no al doppio impianto nel Chiese: “Ogni energia e risorsa devono essere utilizzate per il risanamento ed occorre evitare altri impatti sul fiume” (9)



18/02/2019

Massardi: «Alghisi convochi subito il tavolo tecnico»

Il consigliere regionale valsabbino della Lega chiede al presidente della Provincia di convocare con urgenza il tavolo tecnico, come previsto dall'incontro in Regione, per trovare una soluzione condivisa
(1)


18/02/2019

Per la Comunità del Garda il depuratore a Gavardo e Montichiari

Nell’assemblea di sabato dei Comuni gardesani ribadita la scelta “tecnica” di due depuratori nei comuni sull’asse del Chiese per i reflui dei paesi del lago (10)

18/02/2019

Come si amministra un Comune

C’è tempo fino a giovedì 21 febbraio per iscriversi al corso “ABC, Amministrare il Bene Comune” organizzato dalle Acli provinciali in collaborazione con le Acli della Valle Sabbia

16/02/2019

Un film western nel Savallese

Si intitola “Il sangue del cielo” e sarà girato a marzo tra Casto e Mura. Script e regista un giovane cineasta di Briale, studente dell’accademia Laba di Brescia 

16/02/2019

InEurope, con la Cassa Rurale

Daniele Tramontana, originario di Ponte Caffaro, è oggi in partenza per Marsiglia. Parteciperà ad un progetto di volontariato europeo

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia