Skin ADV
Martedì 16 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Acqua di sorgente

Acqua di sorgente

di Paolo Salvadori



14.07.2019 Garda

15.07.2019 Villanuova s/C

15.07.2019 Garda

14.07.2019

16.07.2019 Bione

16.07.2019 Vestone Provaglio VS

16.07.2019 Odolo Valsabbia

14.07.2019 Lavenone

14.07.2019 Salò Garda

15.07.2019 Roè Volciano






09 Luglio 2015, 07.19
Valtenesi
Libri

Incontro e drink con l'autore

di Giuseppe Maiolo
Riprendono questo sabato sera gli "Happy Book" all'Officina del Benessere di Puegnago, con "Quel giorno di uve rosse" e l'incontro col suo straordinario autore: Alfredo Bonazzi. Partecipazione libera, ma con prenotazione

Quel giorno di uve rosse di Alfredo Bonazzi è il libro pubblicato di recente, che ci farà conversare e leggere insieme al poeta la sua poesia.
Con lui potremo conoscere direttamente dalla sua voce le tante storie che albergano in ogni suo verso e attraversano la sua intera vita e la sua anima.

Io l’ho conosciuto un tempo ormai lontano, quando da poco, pochissimo, con la sua poesia andava a regalare a tutti quelli che lo avvicinavano la storia dolorosa di una vita privata della libertà, passata dal riformatorio al duro carcere criminale.

Non era solo il poeta che incontravo e la cui lirica, come sa fare la poesia vera, in un attimo ti cattura e ti prende la mente e l’anima, ma l’uomo che con con la poesia era risorto alla vita e la andava narrando.
L’ho sentito portare con i suoi versi, in certi attimi frecce appuntite che ti trafiggono fino in profondità, quella sua storia che gli pesava sulle spalle e che era un tutt’uno con il poeta, anzi ne costituiva il DNA .

L’ho visto una sera, in quel primo incontro sul palco di un teatro, forte come una roccia capace di resistere ai venti e ai geli ma  al contempo delicata creatura che ti consegnava, senza addolcire la pillola, il suo Caino interno che teneva con sé dall’infanzia.
C’erano nel suo raccontare gli eventi che lo avevano crocefisso ma anche liberato dalle catene di tanti letti di contenzione che aveva conosciuto, il  dolore  lungo una vita che solo la parola poetica, non magica formula taumaturgica, ma faticosa ricerca di senso, aveva almeno un po’ levigato.

Ricordo che a me, giovane ma già appassionato studioso dell’uomo e della psiche,
quella parola salvifica intrisa di sofferenza, pungente come un rovo di spine ma pure stracolma di energia e di potenza che ti libera e ti fa volare, mi apparteneva.
Me ne ero accorto da tempo che la poesia e la parola da raccontare e da vivere, mi scorrevano dentro e quella sera di un lontano 1974, Bonazzi e i suoi versi da poco dati alla stampa nel libro-storia Ergastolo Azzurro,  travolsero me e gli altri.
O meglio ci inchiodarono alla poltrona, paralizzati da un misto di sentimenti che andavano dall’angoscia per la malvagità umana ma pure dall’energia che ti trasmettono i suoi versi e ti impongono il  riconoscimento della sofferenza di cui è denuncia tutta la sua poesia.

Quel giorno di uve rosse,
ripubblicato recentemente dalla Casa editrice San Paolo, è ancora una volta la narrazione di accadimenti, come la visita di Giovanni XXIII al carcere romano di Regina Coeli, che il poeta rivisita con la memoria.
I versi che incontri dentro questo piccolo libro dell’anima, non solo sono parole ma gesti, rumori, odori che ti fanno sentire l’inferno di un letto di contenzione e la prigionia della mente che Bonazzi ha incontrato più volte nella sua esistenza.

E’ una specie di  Salterio, o libro dei Salmi, che dovresti leggere accompagnandolo alla musica perché non puoi scindere in queste liriche cosa è lingua e cosa è suono, vibrazione, accordi.
Poesie che uniscono insieme la testimonianza, il ricordo, l’assurdità del male e il dolore, ma anche la preghiera e il canto alla vita che può riscattare quando c’è sinergia e sintesi tra gli elementi, tra corpo e anima, mente e cuore.

Si tratta di una silloge dolente di quel transito umano che fu la visita di un papa tra gli “squalificati a vita” che, come Bonazzi, non riescono nemmeno a farsi il segno della croce perché inchiodati dall’irragionevolezza della tortura come sistema di riabilitazione che solo gli esseri umani sanno infliggere ai propri simili.

E’ un libro poetico, non solo perché è fatto di poesie
, ma soprattutto per l’umana presenza della fiducia portata dietro le sbarre da un umile uomo vestito di bianco che, come dice il poeta, consente di “ricostruire un altare di fede con le rovine di un’intera vita” .

Giuseppe Maiolo

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/05/2015 06:54:00
L'altra opportunità Edizione numero dodici questo sabato per l'appuntamento stagionale vobarnese con lo scambio gratuito dei libri. Una proposta di Agape: fiabe e disegni per i bimbi, conversazione e piccolo rinfresco per gli adulti


30/07/2010 09:42:00
Libri per libri ad Anfo Nelle giornate di sabato e domenica la biblioteca del piccolo centro lacustre organizza un mercatino del libro.

27/12/2015 22:43:00
Quel caratteristico odore dei libri, da dove arriva? A chi non è mai capitato di entrare in una libreria o in una biblioteca e di respirare a fondo l'odore unico e inconfondibile dei libri? Di cosa si tratta? Sappiate intanto che è un fenomeno sconosciuto ai libri di qualche secolo fa


17/05/2019 14:30:00
Un'altra opportunità... per i libri Tutto gratis: porti un tot di libri e puoi portartene via altrettanti. Questo sabato 18 maggio dalle 15 alle 18 nella biblioteca di Vobarno per iniziativa dell’associazione Agape

10/09/2013 11:30:00
Libri nuovi e libri vecchi La biblioteca comunale di Vallio Terme mette in vendita dei vecchi libri a prezzo simbolico, e il ricavato sarà utilizzato per ampliare il patrimonio librario con nuove pubblicazioni



Altre da Valtenesi
15/07/2019

Successo per il Triathlon del Ragioniere

Riuscitissima anche la seconda edizione della goliardica manifestazione che si ispira a Fantozzi. Appuntamento al 2020
• VIDEO


03/07/2019

Con Marvon e Cfp Zanardelli

È nato un nuovo profilo professionale: il manutentore dei presidi antincendio

24/06/2019

Risolto il «giallo» del Lucone

Appartengono allo stesso bambino lo scheletro e il cranio ritrovati ad alcuni metri di distanza nel sito palafitticolo del Lucone di Polpenazze. Resta da chiarire il motivo della separazione nella sepoltura

22/06/2019

Grandine e vento

Una forte ondata di maltempo si è riversata nella notte in diverse zone, in particolare sulla Valtenesi. Il Comune più colpito è Carzago, frazione di Calvagese  (3)

21/06/2019

«Lune di Teatro»

Prende il via in questa prima serata d’estate la rassegna culturale organizzata da Viandanze Culture e Pratiche Teatrali, con l’obiettivo di avvicinare le persone non solo al teatro, ma anche ai più bei luoghi del territorio del Garda 

18/06/2019

L'ultimo viaggio di «Sardokan»

Saranno celebrati questo giovedì 20 giugno alle 9:30 in Santo Stefano di Bedizzole, le esequie di Danilo Ziranu, il 41enne morto causa incidente in moto lungo la strada della Valvestino

18/06/2019

A lezione in azienda

Una “full immersion” nella tecnologia applicata ai più alti livelli, quella che, per tre giornate, gli studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia, hanno potuto vivere alla Samac di Vobarno

17/06/2019

I bambini del Lucone, un mistero di 4000 anni fa

Questo martedì sera presso la sala conferenza del Museo Archeologico della Valle Sabbia di Gavardo, una conferenza sui risultati delle ricerche portate avanti con gli scavi del Lucone a Polpenazze

15/06/2019

A Padenghe il «cibo di strada»

Questo fine settimana nel paese della Valtenesi protagonisti saranno i truck dello street food itinerante, sempre più in voga

14/06/2019

Senza nome

Ancora sconosciuta l'identità della donna ritrovata alla centrale idroelettrica di via Dei Marassi a Prevalle. Il cadavere è stato ricomposto nel Centro di medicina legale di Brescia. Fra le ipotesi la disgrazia oppure il gesto deliberato


Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia