Skin ADV
Venerdì 15 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










14.02.2019 Villanuova s/C

13.02.2019 Prevalle

13.02.2019 Vobarno Valsabbia Garda Provincia

15.02.2019 Villanuova s/C

13.02.2019 Gavardo

13.02.2019 Valsabbia Provincia

14.02.2019 Storo

14.02.2019 Salò Garda

13.02.2019 Valsabbia

13.02.2019 Gavardo Salò Valsabbia Garda







11 Luglio 2018, 11.00
Vestone
Alpinismo giovanile

Due giorni in val Formazza

di Redazione
La tanto attesa escursione dei giovani alpinisti del Cai Vestone raccontata nel diario di viaggio di Raffaele, uno degli accompagnatori 

"Finalmente l'attesa uscita dei due giorni in val Formazza è giunta ed è stata portata a compimento. Autobus colmo, più tre auto in supporto per portare il folto gruppo dell'Alpinismo Giovanile in alta val d‘Ossola, ai confini con la Svizzera. 
 
Quasi cinque logoranti ore per giungere a Riale, a 1800 metri di quota, dove calziamo gli scarponi e affardellati dallo zaino partiamo in salita verso il la diga del lago di Morasco. Ambiente stupendo, giornata fantastica, qualche macchia di neve ancora presente sui versanti in ombra.
Percorso comune all'inizio, poi due le destinazioni: per il gruppo Avanzato il rifugio 3A dell'Orga-nizzazione Mato Grosso a quota 2960 metri, per il Base il Cittá di Busto a 2480.
 
La strada sterrata che costeggia il lago invoglia ad allungare il passo, prontamente frenato dall'erta salita che impenna sul ripido versante che sale verso la piana del Camosci.
 
Appena il sentiero spiana leggermente, i due gruppi si separano, al Base tocca la ripida salita che a balze porta verso il rifugio, mentre per il gruppo dei ragazzi più grandi, di cui sono l’accompagnatore, spetta la traversata che conduce al rifugio Mores presso la diga dei Sabbioni. 
Magliette bagnate e passo pesante sono il segno preciso che sia tempo di sostare e di ricaricare le energie. Approfittiamo di uno spiazzo per una pausa. Borracce e beni di conforto fanno la loro comparsa ad alleggerire gli zaini ma appena rifocillati, dai sacchi escono anche i cordini per il pre-visto ripasso dei nodi. Buona la scusa per prolungare la sosta, ma unire l'utile al dilettevole è sempre buona cosa.
 
Traversata la diga, il sentiero torna a diventare ripido, si incomincia a intravedere il rifugio là in alto, ma ad ogni passo pare si allontani invece di avvicinarsi. La testa del gruppo con Narciso davanti fa la differenza ed il gruppo si sgrana sui tormentati tornanti della salita. 
Poco male, rimaniamo comunque in "in vista” e gli accompagnatori sono ben distribuiti lungo il gruppo. Alla fine tutti raggiungiamo il 3A e ci sistemiamo nelle camere in attesa della desiderata cena. 
 
A fine pasto i ragazzi più grandi intonano una prima canzone che a catena ne trascina altre, coin-volgendo giovani ed adulti che in sintonia danno voce al piacere di stare insieme. Prima di ritirarci in camera, i volontari dell'OMG gestori del rifugio trovano il tempo di raccontarci il Progetto che li a-nima e li motiva nel loro "essere volontari ad aiutare i Poveri". 
 
Sorvolo sul coprifuoco anche se devo ammettere che anche su questo punto, quello forse più osti-co, i nostri ragazzi stanno maturando nel rispetto degli altri. 
 
Sveglia alle 6.30, qualche viso stanco a testimoniare una notte un poco scomoda. Colazione veloce e zaino pronto. 
In attesa dell'arrivo di tutti, un gruppetto di ardimentosi risale la cresta per giungere a quota 3000, battesimo per alcuni di loro. Foto di gruppo prima della partenza con la solita allegra "caciara", ma una sorpresa mi aspetta: quando mi giro verso il gruppo in posa e scorgo alto, sostenuto dalle braccia di Luca Piccolo e Da-niele un bianco, mezzo lenzuolo su quale leggo questa frase: BEPPE SEMPRE CON NOI.
 
Ho spesso affermato il mio rispetto e stima verso questi ragazzi, ma il gesto a ricordo del nostro Beppe, reggente della sezione di Vestone ma sopratutto Accompagnatore di Alpinismo Giovanile, che ci ha da pochi giorni lasciato, non può che rinsaldare la stima che provo per loro. Nessuno di noi adulti era dietro all'idea di quel lenzuolo, l'iniziativa è partita dai ragazzi (Luca Grande e Davide) che volevano significare il saluto a Beppe, augurio che avevo intuito anche la sera prima nelle voci che cantavano sommesse"Signore delle Cime”.
 
Partenza a imboccare il nevaio che ci porterà al rifugio dove hanno dormito i nostri compagni del Base. Giunti lì, non li troviamo, sono scesi anticipandoci verso il Bättelmatt. Nella piana individuiamo la colorata fila di ragazzi guidati da Mara, che già stanno risalendo le ripide rampe che portano verso il passo del Gries ed al confine svizzero che varcheremo tutti assieme in un unico gruppo. Foto ricordo e via pimpanti verso l'autobus che ci aspetta. Sosta sotto gli alberi di un bel parcheggio a dare fondo ai viveri che le anime buone dei genitori dei nostri ragazzi ci avevano fornito, per poi ripartire e rientrare puntuali per le 21 a Vestone.
 
Buona uscita, un poco ruvida, impegnativa per i dislivelli e la quota. Lungo il viaggio in autobus e un'accoglienza un poco spartana nel rifugio ai 3000 metri ma ci sta, siamo o non siamo giovani Al-pinisti? Come sempre buona la partecipazione dei volontari del Cai. Grazie.
 
Ultimo pensiero in merito al rispetto e alla stima, termini che paiono a volte "fuori posto" nel rapporto di un adulto verso un giovane, solitamente si pretende che il rispetto e la stima viaggino al contrario, ma è sciocco pensare che per forza la direzione debba essere a senso unico.
 
Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo che dà grande affidamento, e non parlo solo dai ra-gazzi più grandi. E’ stato piacevole giungere affaticato al passo del Gries e trovare sorridenti e or-gogliosi i giovani del gruppo Base che si permettono di “bagnare il naso” a molti adulti. 
Qualcuno, è vero, fa fatica e a volte soffre anche, ma quanto entusiasmo, questi giovani non mollano mai!"
 
Forza ragazzi, alla prossima

Raffaele 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/04/2018 15:36:00
Inizio «col botto» per l’Alpinismo Giovanile Il diario di viaggio dei giovani alpinisti si apre con il resoconto dell’escursione a Montisola, meta di entrambi i gruppi, base e avanzato, per il giorno di Pasquetta 

07/06/2018 09:23:00
In Alta Val del Caffaro Il diario di viaggio dei giovani alpinisti del CAI Vestone continua con il racconto dell’uscita molto impegnativa effettuata la scorsa domenica dai gruppi Base e Avanzato 

18/09/2018 14:55:00
Il Cai Vestone nei luoghi della Grande Guerra Il diario di viaggio dei giovani alpinisti, divisi nei gruppi Base e Avanzato, prosegue con il racconto delle due rispettive escursioni, effettuate in contemporanea, in un ambiente ricco di suggestioni storiche 

02/05/2018 16:36:00
Da Vestone alla Degagna, immersi nel verde Il diario di viaggio dei giovani alpinisti del CAI Vestone continua con il racconto dell’uscita effettuata lo scorso 25 aprile

06/07/2015 08:58:00
Uscita in Valsorda Proseguono con successo le escursioni del progetto Alpinismo giovanile del Cai di Vestone. Dopo il forte di Valledrane e il monte Ario, sabato i giovani escursionisti si sono spostati nella zona delle Pertiche



Altre da Vestone
15/02/2019

Albertini, ottimo debutto nel Campionato italiano rally

Il pilota di Vestone col fidato navigatore salodiano Fappani salgono di livello e agguantano subito il terzo gradino del podio al Rally Ronde della Val Merula (1)

14/02/2019

Don Zuaboni è venerabile

Riconosciute dalla Chiesa le virtù eroiche del sacerdote vestonese, fondatore dell'Istituto Pro Familia e pioniere della pastorale familiare


 

14/02/2019

Avviso pubblico dal Comune di Vestone

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Vestone relativo all'avvio del procedimento relativo alla Terza Variante  al Piano di Governo del Territorio (PGT)


12/02/2019

Due presentazioni per «Storie da suonatori»

Il libro che racconta la tradizione musicale del carnevale di Bagolino e Ponte Caffaro sarà presentato questo mercoledì a Brescia, nell’ambito di una rassegna di Aab, e venerdì in Comunità montana



08/02/2019

In mostra le opere di Dolci e Garosio

L’esposizione dei quadri dei due artisti bresciani che verrà inaugurata nel fine settimana a Vestone è a cura dell’Associazione culturale “via Glisenti 43” 


06/02/2019

Aperte le iscrizione alla Ivars Tre Campanili

Ecco le modalità per accaparrarsi uno dei 1100 pettorali della mezza maratona di corsa in montagna in programma il prossimo 7 luglio a Vestone, organizzata dall’Atletica Libertas Vallesabbia



31/01/2019

8 candeline per Flavio

Tanti auguri a Flavio Marchesi, di Vestone, che oggi, 31 gennaio, spegne 8 candeline


30/01/2019

Ala Bianca in concerto

Con il concerto della tribute band dei Nomadi, ha preso il via sabato sera al teatro dell’oratorio di Vestone la settimana di festa in onore di San Giovanni Bosco
• Video


26/01/2019

Vent'anni di storie di comunità

A contenerli il volume “Storia, storie… ed altro ancora”, fresco di stampa, che ripercorre gli scritti pubblicati da Santino Pialorsi sul bollettino parrocchiale “El Vistù” 

24/01/2019

«Ricordo della Shoah» alla sala Moroni

Lo spazio espositivo comunale di Vestone ospita da questo sabato fino al 10 febbraio le opere contemporanee realizzate per l’occasione da un gruppo di artisti vestonesi

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia