Skin ADV
Mercoledì 23 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    





Narcisi

Narcisi

by Claudio



21.05.2018 Gavardo

23.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018

21.05.2018 Anfo

21.05.2018 Bione

21.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018 Bagolino

22.05.2018 Idro Vobarno Valsabbia

23.05.2018 Odolo Valsabbia

22.05.2018 Casto






27 Aprile 2017, 12.50
Vestone
Eppur di muove

Quando la Fotografia è identità

di Leretico
Mi sono avvicinato nelle ultime settimane al mondo della fotografia. L'ho fatto frequentando un corso a Vestone organizzato dall'Associazione "Fotoclub 8 marzo"...

Durante il corso sono rimasto colpito dalla passione e dall'umanità di chi ci insegnava le basi per ottenere una buona fotografia: la passione per gli strumenti, per gli effetti, per la via che ci veniva mostrata.

Un turbinio di informazioni che alle mie orecchie prima, e ai miei occhi poi, creavano quella magia che avevo  immaginato tante volte e che si traduceva nel senso dell'immagine fotografica, quella che anch'io, nella mia indocile ignoranza, avrei voluto realizzare.
La curiosità mia profonda, di accostare quelle immagini a quelle che la scrittura talvolta riesce a realizzare, cominciava a trovare dei segni di risposta.

Sapevo già, perché tanti avevano parlato di fotografia, che avrei dovuto capire la differenza tra una "brutta" fotografia, come quella che riuscivo normalmente a realizzare, e una "bella" fotografia, come quelle che vedevo incorniciate nella saletta dedicata alle lezioni del corso.
E mi sembrava che tutto passasse per un concetto, che ancora era misterioso: la trasposizione di senso che faceva chiamare al fotografo "soggetto" ciò che io intendevo come "oggetto".

Piano piano, lezione dopo lezione, dopo aver intravisto l'applicazione della "regola dei terzi" da parte di alcuni grandi maestri, dopo aver visto proiettate su un grande schermo fotografie di un discente carente quale ero, e purtroppo sono ancora, ma soprattutto dopo aver visto me stesso in alcune di quelle fotografie, mi sovveniva una lettura ormai lontana di un testo di Roland Barthes intitolato "Camera chiara" (1980).

Imparando la geometria del "bello" fotografico ritornava in me il ricordo di quella stranissima parola, citata da Barthes: "autoscopia":
"La fotografia è infatti l'avvento di me stesso come altro: un'astuta dissociazione della coscienza d'identità. Fatto ancora più curioso: è prima della fotografia che gli uomini hanno maggiormente parlato della visione del doppio. L'autoscopia viene accostata a un'allucinosi; per secoli essa fu un grande tema mitico. Ma oggi è come se disconoscessimo la follia profonda della fotografia: essa ricorda la sua eredità mitica solo attraverso quel lieve disagio che ricorre quando 'mi' guardo in un rettangolo di carta."

Era da quella lettura che sapevo che la Fotografia, con la "F" maiuscola indicante il suo senso mitico, pronuncia sempre un "è stato" in senso temporale che sdoppia il soggetto negando la sua identità.
È questa la follia della Fotografia: la negazione dell'identità.

Tuttavia quel testo parla della ricerca di un'identità perduta e infine ritrovata: l'autore cerca con disperata malinconia, scorrendo le foto della madre conservate e ordinate dal momento più vicino e recente a quello più lontano dell'infanzia, la sua essenza tanto amata ma scomparsa con la morte.
Ed ogni foto di lei che egli guarda, nell'intimità di una solitudine quasi infinita, non riesce a donargli quell'essenza agognata, perché sempre parla la lingua dello sdoppiamento, dell'identità frantumata che mai ricollega alla memoria la permanenza di quell'io così adorato.

Solo una foto, infine, ritratto di lei bambina nel Giardino d'Inverno della casa in cui abitava, in un lampo rivelatore, riesce a consegnargli lei "come in se stessa", come era stata per lui veramente, nel suo cuore.
Questo evento oltrepassa la follia, rende visibile ciò che l'invisibilità della fotografia nasconde.

Il vero senso di vertigine per la frantumazione dell'io, si ha quando si parla di ritratto:
"La Foto-ritratto è un campo chiuso di forze. Quattro immaginari vi s'incontrano, vi si affrontano, vi si deformano. Davanti all'obiettivo, io sono contemporaneamente: quello che io credo di essere, quello che vorrei si creda io sia, quello che il fotografo crede io sia, e quello di cui egli si serve per far mostra della sua arte."

Il disagio che sempre provo guardandomi nelle fotografie che mi ritraggono, lo stesso che emerge quando ascolto per caso la mia voce registrata, prende corpo in questi quattro immaginari distinti.
Da una parte il problema del sembrare e dell'essere che abbiamo ogni volta che ci esponiamo allo sguardo altrui, dall'altra quell'uso della nostra immagine preda delle intenzioni del fotografo dopo essere stata preventivamente giudicata, ossia manipolata. Contrasto tra due mondi da cui emerge una maschera pirandelliana, dietro cui si nasconde, forse, il nulla.

Se non è il nulla sicuramente è uno "spettro" che deforma il nostro io nascondendolo non solo agli altri ma anche a noi stessi.
Così, la ricerca della Fotografia, quella che all'inizio mi aveva spinto, diventa magicamente ricerca di se stessi. La Fotografia invisibile, introvabile, lascia paradossalmente il posto alla speranza di capire qualcosa della propria identità, della propria umanità. E tale speranza compare misteriosamente, proprio come uno spettro.

Dietro il reale a cui la Fotografia sembra essere così legata, ci siamo, tralucendo incontestabilmente, sempre noi.
Grazie agli amici del "Fotoclub 8 marzo" per tutto quello che mi hanno trasmesso durante il corso e che qui ho riduttivamente tratteggiato.
 
Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71806 - 27/04/2017 18:16:59 (lz) Obiettivamente..
Non avevi bisogno di frequentare un corso per questa straordinaria "esposizione" ed efficace "messa a fuoco" sulla fotografia. Considerazioni le tue, da cui esce un'immagine della fotografia che è una sorta di percorso terapeutico alla ricerca della propria identità individuale che inevitabilmente passa dal proprio vissuto familiare e non solo(foto di lei bambina nel giardino). Il tema dell'identità che si intravede bene anche nella descrizione degli immaginari che si incrociano nella foto-ritratto, ai quali personalmente ne aggiungerei un altro, "quello che io vorrei essere", che metto a sua volta in parallelo con il desiderio di saper ritrarre ciò che si imprime nel mio sguardo mentale.Che delusione quando (spesso)si constata la mancata corrispondenza tra quello che si "vede" ed il risultato fotografico.La coerente conclusione del saggio evidenzia il legame tra realtà,fotografia e sopratutto noi, che potrebbe riassumersi in questa perifrasi:


ID71807 - 27/04/2017 18:30:01 (lz) Obiettivamente ... continuazione
"fotografo, dunque sono". Sono sicuro di interpretare il pensiero di tutto il fotoclub nel ringraziarti per questo bel contributo e per il riconoscimento che hai manifestato verso i soci che hanno tenuto il corso.


ID71808 - 27/04/2017 19:28:08 (Dru)
Interessante.


ID71809 - 27/04/2017 20:15:52 (Dru) Mio contributo.
Che la foto sia appare come apparente apparire di qualcosa che non vuole apparire e cioè dell'istante che dopo la morte dell'apparenza si presenta nel suo infinito differire come è istante per istante.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/02/2010 10:00:00
Obiettivi in erba sul lago C’è tempo fino al 5 marzo per iscriversi al "Corso breve di fotografia" che si terrà nella sede della biblioteca di Idro.

16/11/2009 07:46:00
Parliamo di fotografia digitale Serata dedicata alla fotografia digitale quella proposta questa sera dal Fotoclub Vallesabbia

28/04/2014 07:52:00
Due fotoamatori valsabbini primi a Ghedi Alla quarta edizione della "lettura portfolio" propmossa dal Circolo fotografico Lamba di Ghedi, sui primi gradini del podio sono saliti due soci del Fotoclub Vallesabbia


14/02/2011 11:00:00
Imparare a fotografare La biblioteca comunale “E. Ariosto” di Casto, in collaborazione con il Fotoclub 8 marzo di Vestone, organizza un corso di fotografia.

20/12/2007 00:00:00
«Movimenti in versi» a Vestone Doppio appuntamento vestonese con la fotografia per raccontare l’arte degli scatti. Sono le iniziative organizzate dall’Associazione Fotoclub «Otto marzo», presieduta da Enrico Dusina, che si terranno dal 22 dicembre al 5 gennaio 2008.



Altre da Vestone
23/05/2018

Passa il Giro

Un appuntamento atteso dai tanti appassionati di ciclismo e in particolare dai supporter del valsabbino Marco Frapporti il passaggio della tappa di oggi del Giro d’Italia che attraverserà l’alta Valsabbia

22/05/2018

Studi sul Forno fusorio di Livemmo

Nell’ambito del progetto della Mappa di Comunità delle Valli Resilienti, questo mercoledì 23 maggio nella sede della Comunità montana a Nozza di Vestone la presentazione del progetto di Alternanza Scuola Lavoro del Corso Cat - Its "C. Battisti" di Salò (1)

21/05/2018

Vestone si tinge di rosa

Durante la 17ª tappa del Giro d’Italia, mercoledì 23 maggio la carovana farà sosta davanti alla Ivars, sponsor della squadra Androni Giocattoli Sidermec nella quale corre il valsabbino Marco Frapporti (2)


19/05/2018

Note e voci dalla trincea

Sarà proposto questo sabato sera a Vestone lo spettacolo di musiche e parole dedicato al cent le bande di Barghe e Vestone


16/05/2018

Le 80 primavere di Bruno

Tantissimi auguri a Bruno di Vestone che proprio oggi, mercoledì 16 maggio, festeggia il suo 80° compleanno

15/05/2018

Dalla Valsabbia con 12 pullman per tifare Ducati

Valsir ha riservato una tribuna del “Circuito Enzo e Dino Ferrari” per collaboratori e famigliari in occasione della tappa di Imola del WorldSBK



11/05/2018

Da Lumezzane a Casto

Questa la traversata compiuta dai giovani alpinisti del CAI di Vestone la scorsa domenica, 6 maggio, raccontata da due accompagnatori
 
 

10/05/2018

I segreti delle stanze del Vittoriale

È quando propone di svelare Stefano Corsini nel corso di una serata organizzata per questo venerdì sera a Vestone intitolata “Una sera a casa D’Annunzio”

10/05/2018

In bici all'Adunata

Anche quest’anno i nostri quattro avventurieri partono per una sfida senza troppi pensieri... VIDEO


09/05/2018

Biafo - Hispar, il racconto della traversata

Nella serata di venerdì, 11 maggio, il Cai di Vestone organizza una serata sul tema della traversata di due dei più imponenti ghiacciai del Karakorum, a cura dei viaggiatori Angelo Maggiori e Mary Nassini

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia