Skin ADV
Mercoledì 25 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 




Vista lago

Vista lago

di Maria Rosa Marchesi



23.04.2018 Preseglie

25.04.2018 Valsabbia Garda

23.04.2018 Storo

24.04.2018 Salò Valsabbia Garda

23.04.2018 Vobarno Vallio Terme

24.04.2018 Anfo Valsabbia

23.04.2018 Vobarno

23.04.2018 Roè Volciano Valsabbia Garda Valtenesi

23.04.2018 Vobarno

24.04.2018 Villanuova s/C Valsabbia






29 Ottobre 2016, 07.18
Vestone Valsabbia
Tempi

WhatsApp antipattuglie, in tre (per ora) finiscono nei guai

di Ubaldo Vallini
Per mesi in chat hanno diffuso informazioni sulla posizione di carabinieri e poliziotti. L'ipotesi è che alcuni malviventi possano averne approfittato. Interruzione di pubblico servizio è l'accusa, ma si potrebbe arrivare al favoreggiamento

«Ho fatto una grande cavolata e senza nemmeno rendermene conto. Posso solo sperare che valutino anche il fatto che appena ho realizzato cosa avevo combinato me ne sono subito tirato fuori».
E’ la “confessione” di un trentenne di Vestone finito nei guai con la giustizia nei giorni scorsi, per ora insieme ad un paio di amici.

I tre erano gli “amministratori” di un gruppo che su WhatsApp segnalava a chi ne faceva parte la posizione di posti di blocco e pattuglie di carabinieri, vigili o poliziotti che fossero.
Rischiano di essere condannati per interruzione di pubblico servizio, ma ad altri potrebbe andare anche peggio e ritrovarsi con un’accusa di favoreggiamento per reati ben più gravi.

Funzionava in modo molto semplice, facendo leva su un falso senso di solidarietà fra utenti della strada: chi faceva parte del gruppo segnalava agli altri la posizione di un posto di blocco, tutto qui.

In tempo reale gli altri duecentoquaranta smartphone collegati segnalavano il “pericolo” e i loro proprietari erano avvisati.
Se qualcuno aveva alzato il gomito, ad esempio, poteva fermarsi al bar a berne un altro goccio in attesa che il controllo si spostasse altrove. Chi aveva ben altro da nascondere cambiava strada.
Probabilmente senza rendersene conto, chi aveva segnalato la pattuglia diventava complice di possibili reati.

Ad interrompere il “giochetto” ci hanno pensato i carabinieri di Idro al comando del maresciallo Luigi La Rovere che nei giorni scorsi hanno fatto irruzione in casa dei tre sequestrando gli smartphone e portandosi appresso anche un paio di unità cinofile.

Il riserbo degli inquirenti è assoluto, ma non ci vuol tanto a capire che qualcuno potrebbe aver approfittato del “gruppo” per muoversi indisturbato su e giù dalla valle anche con grosse quantità di stupefacenti, o refurtiva, annullando o quasi il rischio di essere scoperto.
E i primi indiziati sarebbero giocoforza proprio i tre che a questo “gruppo” hanno dato i natali e che giurano di non averci nemmeno pensato ai possibili sviluppi truffaldini della “genialata”.

E pensare che fino a poche settimane fa c’era la fila, in Valle Sabbia, per riuscire ad entrare in uno di questi gruppi, limitati nel numero a 250 membri: chi lasciava veniva subito sostituito.

L’idea aveva infatti fatto scuola e dall’inziale “Avviso posti di blocco”, diventato poi un meno appariscente “Avviso incidenti”, erano nate le versioni 1, 2 e via numerando, suddivise anche per zona: Valle del Chiese fino a Idro, Media Valsabbia, Bassa Valle e via dicendo.
Non si esclude quindi che ci possano essere sviluppi ulteriori, i “naviganti” con lo smartphone sono avvisati.

In foto: chissà come se la sarebbero cavata Totò e compagnia negli anni Cinquanta del secolo scorso, se avessero avuto WhatsApp.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID69045 - 29/10/2016 13:45:50 (rossetti giordano) sèfy
sono contento di essere uscito da uno di questi gruppi!per fortuna ci sono stato solo un paio di giorni. senza per altro volerci entare. mi sono ritrovato dentro invitato da un amico


ID69240 - 04/11/2016 10:13:49 (robixxx) ma fatemi il piacere
Solo una bravata, ma non facevano niente di male. Le forze dell'ordine pensassero ai reati veri


ID69744 - 23/11/2016 16:03:10 (Dracomalfoil) ...mah!!
io penso , che il voler fare cassa a tutti costi ha portato i cittadini a dover difendersi (come al solito) da un accanimento da parte di carabinieri polizia vigili forestale etc ....se poi qualche ragazzino lo ha utilizzato per scopi personali ....la trovo solo una bravata!!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/11/2015 14:55:00
Vallesabbianews e i disguidi con WhatsApp Questa mattina ci sono stati dei problemi nel collegamento coi lettori tramite WhatsApp. Abbiamo perso alcuni dati e chi ha provato ad iscriversi al servizio deve ritentare


17/08/2015 06:23:00
Un'immagine dal tuo Ferragosto Abbiamo chiesto ai lettori che utilizzano il servizio WhatsApp di Vallesabbianews di inviarci un'immagine ed una breve descrizione del loro Ferragosto. Aggiornamento ore 6.45


12/10/2014 07:24:00
Guardie ecologiche, arrivano i rinforzi Quattro mesi di corso e altri dieci per poter sostenere l’esame. Finalmente, giovedì 9 ottobre, è arrivata la nomina in Prefettura a Brescia, per 14 nuove Guardie Ecologiche Volontarie (Gev) che prenderanno servizio in Valle Sabbia

24/02/2015 07:05:00
Ancora una discarica rimossa a Gavardo In attesa della Giornata del Verde Pulito stabilita per il 2015 per il 19 di aprile, le Guardie ecologiche volontarie della Valle Sabbia hanno coordinato l’operazione di pulizia di una discarica abusiva a Gavardo

21/09/2017 10:30:00
L'ecologia entra nelle scuole della Valle Con l’inizio dell’anno scolastico le Guardie Ecologiche Volontarie della Comunità Montana Valle Sabbia hanno in serbo per le scuole tante proposte di sensibilizzazione ambientale



Altre da Vestone
22/04/2018

Si chiamava Omar Apostoli

E' morto sul colpo in centauro che ha perso la vita ai Due Stradoni, lungo la 237 del Caffaro, fra Ponte Re e Nozza. Chiusa per ore la strada. VIDEO
(3)

20/04/2018

Stefano arriva ai 5

Tanti auguri di buon compleanno a Stefano Soardi, di Nozza, che oggi, 20 aprile, spegne 5 candeline

17/04/2018

La Valle Sabbia disegna la sua mappa di comunità

Domani, mercoledì 18 aprile, in Comunità Montana il primo incontro del processo partecipato per promuovere una nuova geografia della cittadinanza e del territorio


15/04/2018

Strike in via Toccabelli

Ha fatto tutto da solo, investendo un’auto parcheggiata, rimbalzando contro il muro per poi ribaltarsi in mezzo alla via

12/04/2018

Copertura fatiscente

Vigili del fuoco in azione oggi a Nozza, per mettere in sicurezza un tetto che rischiava di perdere i pezzi sulla pubblica via



10/04/2018

Scuola aperta per una società aperta

Grande sinergia tra Valsir S.p.A e l’istituto comprensivo di Vestone, unico per regione Lombardia, a far parte di un Progetto di respiro europeo sui temi del recupero delle materie prime

07/04/2018

Piattelli di beneficenza

Lo specialista vestonese del tiro al piattello, Fiorenzo Piantanida, si è piazzato secondo al barrage finale della Pasquetta di beneficenza Unitalsi (2)

06/04/2018

Lavoratori in «nero»

Nei guai per i controlli dei carabinieri del Nil un centro estetico di Barghe ed un bar a Vestone (1)

06/04/2018

Inizio «col botto» per l'Alpinismo Giovanile

Il diario di viaggio dei giovani alpinisti si apre con il resoconto dell’escursione a Montisola, meta di entrambi i gruppi, base e avanzato, per il giorno di Pasquetta 

05/04/2018

Come si vive nelle Valli Resilienti?

La prima indagine sulla qualità della vita nell’alta Valtrompia e nell’alta Valsabbia sarà presentata il prossimo mercoledì, 11 aprile, presso la sede della Comunità Montana di Valle Sabbia a Vestone



Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia