Skin ADV
Lunedì 18 Novembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








16.11.2019 Sabbio Chiese

16.11.2019 Sabbio Chiese

17.11.2019 Bagolino

17.11.2019

16.11.2019 Valsabbia

16.11.2019 Roè Volciano

17.11.2019 Pertica Bassa Valsabbia Provincia

17.11.2019 Bagolino

17.11.2019 Gavardo Valsabbia

16.11.2019 Agnosine






06 Ottobre 2019, 09.00
Villanuova s/C
Blog - Maestro John

Una bella persona: Aldo Arrighi

di John Comini
Chissà quante volte l’ho visto. Seduto su una panchina, accanto alla fontana in piazza Valverde, a Villanuova. Oppure su una sedia, sotto il portichetto di casa sua, a due passi dalla splendida chiesetta del 1502...

Una persona alta, magra, con gli occhi azzurri, una specie di Don Chisciotte in pensione. Lo salutavo, camminando. Lui mi ricambiava il saluto. Ma mi facevo riguardo a parlargli insieme. Lo confesso, sono un timidone. Poi un bel giorno, spinto dalla curiosità, gli ho detto: “Come va?” Lui mi ha risposto: “Bene, anche se tra poco…” e con le mani dalle dita lunghe e ossute mi ha fatto il segno di un uccello che vola via. Poi mi ha fatto accomodare su una sedia, ed abbiamo cominciato a parlare. È apparsa la dolce moglie, e anche la figlia Flora, e mi son trovato subito a mio agio, in un ambiente accogliente.

Quando ho ripreso la mia camminata, il signor Aldo mi ha dato un foglio in cui sono scritte le date più significative della sua vita. L’ho incontrato molte altre volte, ed ogni incontro è stato per me un momento di grande serenità. Come il giorno dell’Assunta, quando eravamo seduti all’ombra, vicino al fiume Chiese (ah, il fiume Chiese!). Tutte, dico tutte, le persone che si recavano alla Messa, lo salutavano con un grande sorriso. Conservo gelosamente una bella foto che ci ha scattato il fotografo Marini Pier Giuseppe.

Aldo (che ora è in convalescenza) mi ha raccontato tante cose, con una chiarezza ed un umorismo davvero rari. Adesso riassumo alcune cose stupende che ha fatto, anche se lui sorriderebbe, perché come tutti i grandi è una persona modesta e “vera”.

Aldo è nato a Goglione Sopra (Prevalle) il 16 luglio 1922, la famiglia si è trasferita a Villanuova quando aveva 5 mesi. Nel ’34 viene assunto come apprendista presso il CBO, dal ’38 è operaio addetto al reparto torcitura, nel ’40 è trasferito in officina. Il 1° gennaio del ‘42 è chiamato alle armi. È assegnato al 5° reggimento artiglieria ippotrainata di Superga. Racconta nel bel libro “Villanuova nel cuore”: “Dopo alcuni mesi di addestramento alle tecniche dello sbarco e dell’antisbarco, eravamo pronti per andare…a farci ammazzare; fummo trasferiti a Palermo e da qui imbarcati in Africa, destinazione Tunisia, con la nave Viminale che, nel viaggio di ritorno, sarà intercettata e affondata dagli inglesi”.

Il 13 marzo ’43 gli italiani sono sopraffatti dagli inglesi e fatti prigionieri. Non c’è verso di scappare perché sui camion in fuga ci salgono solo i tedeschi e gli italiani sono respinti con il calcio del fucile. Ridotti alla fame, costretti a due giorni di marcia per raggiungere il campo di prigionia, alcuni italiani sono abbandonati per strada. Fra i seimila prigionieri, Aldo riconosce Faustino Faustini di Legnago che, essendo un carabiniere, anche da prigioniero rivestiva un ruolo di sorveglianza. Grazie alla sua benevolenza ha potuto approfittare ogni mattina per una doppia razione di colazione. Un’altra volta dà una mano a scaricare un vagone di casse alimentari, e riesce a “sgraffignare” una ventina di scatolette di carne. Con altri prigionieri le divora tutte la sera stessa, ma finisce all’ospedale del campo per indigestione. La cura? Olio di ricino e magnesia.

Aldo era stato dato per disperso, fortuna che venne a far visita all’ospedale il vescovo di Casablanca, che prese nota di tutti i presenti ed informò le famiglie. Potete immaginare la famiglia di Aldo, che passò dal pianto di dolore al pianto di gioia nel saperlo ancora vivo, anche se prigioniero. Poi Aldo è smistato fra i prigionieri destinati in America. È malridotto: alto 1,78 pesa solo 45 kg.  Nell’Atlantico vede altre centinaia di navi che portavano prigionieri tedeschi e italiani. Compie il suo 21° compleanno in pieno oceano: il vestito ridotto a brandelli, assalito dai pidocchi. Dopo 32 giorni di navigazione sbarca in Virginia. Dopo essersi lavato ben bene e cambiato d’abito, è trasferito in Arizona, a Florence. Gli americani hanno un atteggiamento comprensivo: non sono aggressivi, danno da mangiare a sufficienza e fanno fare addestramento tutti i giorni. Quando vedono i prigionieri mangiare un vero pasto seduti ad un tavolo, non credevano ai propri occhi nel vedere l’appetito dei nostri poveri soldati.

Nel campo, tra seimila prigionieri, Aldo ha la fortuna di incontrare il compaesano Marco Flocchini, molto bravo a suonare: la musica è un ottimo rimedio contro la malinconia. Aldo con altri prigionieri fa la raccolta del cotone, quindi è inviato a lavorare in un’officina a Phoenix. Fra prigionieri non si discute di politica, anche per timore di una delazione (il fascismo lo aveva ben insegnato). Aldo ha un sentimento antifascista perché il padre non aveva voluto la tessera del fascio e fu costretto ad emigrare in Francia per lavorare. Ai prigionieri italiani venne chiesto chi volesse firmare un foglio di “collaborazione”, cioè di ripudiare il fascismo e considerarsi amici degli alleati. Aldo firma ed è trasferito nello stato di Washinton, dove sta tre anni. Qui è adibito a lavori di riparazione delle carrozzerie delle macchine militari. Nella piccola città vivono alcune famiglie italo-americane e con loro si instaura un rapporto di amicizia. Una di queste era originaria di Gazzane di Preseglie e con loro può parlare dei paesi lontani. Aldo racconta di aver avuto una storia sentimentale con Eileen, il cui padre era emigrato in America dal Trentino per cercare l’oro.

E poi accade una tragedia: la notte di Ferragosto del ‘44 le baracche vengono incendiate, il sergente italiano Guglielmo Olivotto è ucciso e vari soldati feriti. Aldo riesce a scappare in mezzo alle ortiche: “La paura fu tanta e tante furono le spinate delle ortiche: il solo ripensarci mi dà ancora oggi la sensazione di dovermi grattare.” Le autorità militari avevano velocemente chiuso il caso incolpando dell’omicidio tre soldati di colore. Molti anni dopo è emersa un’altra verità, grazie alla tenacia di un giornalista. Ad aggredire e uccidere l’italiano erano stati dei militari bianchi, che hanno poi accusato i soldati di colore per odio razziale.

Congedato come caporale alla fine del ‘46, Aldo torna in Italia, dove riprende il lavoro al Cotonificio come operaio al reparto filatura. Nel ’49 viene promosso responsabile al reparto manutenzione caldaia e agli impianti elettrici. Nel ’54 con un amico fa la prima donazione di sangue. Nel ’64 il dott. Mora, che opera presso l’ospedale, lo convince ad iscriversi all’AVIS di Gavardo. Aldo chiede che sulla cartella di iscrizione sia scritto: “Chiedo che il mio sangue vada solo ai poveri perché i ricchi già ce ne tolgono abbastanza nel lavoro di fabbrica”. Ma poi capisce che il bisogno di salvare una vita non dipende dalle differenze di classe, il pensiero che un gesto possa dare aiuto e speranza di vita a un’altra persona fa superare ogni differenza sociale.

A Villanuova c’erano circa 70 (oggi quasi 300) donatori, i fondatori e organizzatori erano Loda Luigi, Paiola Erminio, Barezzani Andrea. Aldo entra a far parte del consiglio, e nel 1970 fonda anche l’AIDO di Villanuova. La prima madrina del gruppo è la signora Leggerini, rimasta vedova aspettando per suo marito la donazione di un rene che non è mai arrivato. Dal ‘74 al ‘98 ricopre la carica di vice Presidente della Sezione Avis di Gavardo: suo grande e fraterno amico è il mitico Renato Paganelli.

Nel ‘92 con l’amico geometra Tullio Tedoldi crea il GVAV, gruppo di volontariato che si occupa di dare aiuto alle persone anziane. Molti aiutano l’associazione, dal sindaco Ermido Cocca all’assessore Mantovani, dall’Assistente sociale Di Marzio al segretario comunale Ranieri, dall’impiegato Graziano Cippini al dottor Francesco Sbarbari (che si recava gratuitamente dai pazienti per il prelievo del sangue). Mario Tonelli è il primo segretario. All’inizio i volontari usavano la propria auto per il trasporto degli ammalati, ora il Gruppo è composto da moltissime persone e da un parco macchine specializzato. Aldo è grato a tutti quelli che si sono avvicendati in questa bella avventura: “La solidarietà verso il bisogno degli altri è un gesto che fa bene in eguale misura a loro e a se stessi e verrà ripagato con la gioia di vedere una comunità più coesa e dialogante fra tutti i suoi membri.”

Ma non è finita qui. Aldo ha svolto anche il mestiere di “operatore di cabina”. Fin da giovane il bisogno di aiutare la famiglia lo ha indotto a imparare un secondo mestiere. Alla Scuola Professionale Moretto di Brescia ha frequentato un corso per praticare l’attività di proiezionista di film. Le attrezzature di allora non davano molta sicurezza e poteva accadere che la pellicola prendesse fuoco e divampasse in un attimo. “Quando ho visto il film di Tornatore ‘Nuovo Cinema Paradiso’ mi sono profondamente emozionato.” Questo doppio lavoro l’ha fatto nei comuni limitrofi, raggiungendo i cinema con il pullman o in bicicletta: Salò, Gavardo, Vobarno, Gardone, Gargnano…Per anni è stato operatore al cinema Corallo di Villanuova, l’ha fatto volentieri… e gratuitamente!

Aldo e la moglie Liliana (dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna!) hanno creato una bellissima famiglia. Hanno avuto due figlie simpatiche e ricche di umanità (talis pater…): Flora (che ha sposato Franco Franzoni ed ha 2 figli: Matteo e Andrea) e Michela (che ha sposato Massimiliano Usardi ed ha il figlio Jacopo, 17 anni).

“Non succede nulla per caso”, mi ha detto Flora, e sono d’accordo. Flora è impegnata nell’associazione “A.M.A.”  Auto Mutuo Aiuto, che si pone nella rete dei servizi sociali e sanitari come supporto ed integrazione alle tradizionali forme d’intervento. Flora partecipa anche al "tavolo della salute mentale" che si tiene in Comunità Montana. L’auto mutuo aiuto punta alla valorizzazione della persona come soggetto responsabile che partecipa attivamente alla vita della comunità. La metodologia del piccolo gruppo valorizza il singolo che riscopre la fiducia in se stesso e negli altri, per uscire dall’isolamento, per confrontarsi, perché ''insieme'' è meglio. “Quello che conta non è quanto sia rovinosa la caduta ma quanto sia grande la volontà di rialzarsi.”

Concludo con le parole di Aldo: “Non ho mai fatto niente per vanagloria, ma certo quando nel 2010 mi è stato conferito l’attestato di ‘Cavaliere per meriti speciali’ ho provato un sentimento di orgoglio.” Ma Aldo mi ha detto con la solita arguzia: “Sono un cavaliere senza cavallo!” Grazie a nome di tutti, grande Aldo! E cerca di stare in gamba, che abbiamo sempre più bisogno di belle persone come te!

maestro John

Nelle foto:
1) Aldo Arrighi, foto tratta dal bellissimo libro “Villanuova nel cuore” (a cura di Mario Remi, liberedizioni), da cui ho attinto molte informazioni
2) La dolce moglie Liliana
3) Due magnifiche persone: Aldo con Renato Paganelli, ad una premiazione dell’Avis gavardese
4) Aldo circondato dall’affetto della moglie e delle figlie Flora e Michela







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID82073 - 06/10/2019 12:11:19 (Geppo1950) Ciao Aldo
Carissimo amico della mia povera mamma Gina, ha lavorato al CBO da sempre e mi diceva.. Come lu ghe ne nusù anche se di sinistra (la Gina diceva così).Persona gentilissima e sempre disponibile quello che si dice uno bravo che di questi tempi scarseggiano.


ID82077 - 06/10/2019 19:57:45 (effe)
Ci sono Persone silenziose con un grande cuore ...per questo la loro discrezione e il loro silenzio non passano inosservati ...grazie Signor Aldo !!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/06/2019 09:15:00
Vamos a la playa, vamos a pulir! Il mio amico e coscritto Pierangelo Damiani mi ha detto che un gruppo di persone di Villanuova ha deciso di dare una mano per pulire il proprio territorio. Che bella notizia! 

25/08/2019 09:25:00
Balla balla ballerino
Questa domenica sera sono a Prandaglio, sopra Villanuova, per uno spettacolo della Signora Maria. È un posto stupendo, circondato da un bellissimo bosco di carpini e faggi, con una splendida visione panoramica


02/06/2019 10:03:00
Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

16/12/2018 11:42:00
La mamma di don Lorenzo, il Campo Emmaus e una poesia Questa mattina l’amica Ceci di Villanuova mi ha detto che è andata in Paradiso la signora Lina, mamma di don Lorenzo Bacchetta. Mando un grande abbraccio al simpatico don Lorenzo 



Altre da Villanuova s/C
18/11/2019

Tecnoace Villanuova, seconda sconfitta consecutiva

Dopo la deludente prestazione di Cazzago, i ragazzi di mister Caldera e Zanaglio, seppur a organico ridotto, lottano per larghi tratti della partita sfiorando nel secondo set la vittoria

15/11/2019

«Aquile randagie», gli scout e la Resistenza

Questo sabato sera al cinema Corallo di Villanuova, per iniziativa di Violet Moon e degli scout di Gavardo, la proiezione del film alla presenza del regista Gianni Aureli e di alcuni attori

14/11/2019

«Ciò che possiamo fare»

Lella Costa dialoga con Lucilla Perrini sulla figura di Edith Stein. L'incontro, per la rassegna “Altri Sguardi”, si terrà a Villanuova questo venerdì sera, 15 novembre


12/11/2019

Problematiche della crescita, mai dire mai

C’è stata grande partecipazione al convegno interdisciplinare, svoltosi sabato 9 novembre a Villanuova sul Clisi, in occasione della presentazione del libro “Bambini e ragazzi che chiedono aiuto” curato dallo psicologo Matteo Faberi

11/11/2019

Tecnoace Villanuova affonda a Cazzago

Sconfitta come da pronostico per il Tecnoace Villanuova contro una delle squadre candidate a lottare per la promozione in serie B

07/11/2019

Investito sulle strisce

Versa in gravi condizioni alla Poliambulanza di Brescia l'anziano signore di Villanuova investito sulle strisce pedonali mentre attraversava la Provinciale in pieno centro a Villanuova sul Clisi


06/11/2019

Bambini e ragazzi che chiedono aiuto

Nel pomeriggio di sabato 9 novembre a Villanuova sul Clisi un convegno interdisciplinare dedicato ai disturbi dello sviluppo, dell’attenzione, dell’apprendimento, del comportamento nei bambini e nei ragazzi in età scolare

04/11/2019

Via con 900 euro di vestiti

Il furto a Villanuova sul Clisi, ai danni di un negozio di articoli sportivi. Eluso il sistema antitaccheggio, non le indagini da parte degli agenti della Locale. Individuata infatti la responsabile, una donna di Roè

02/11/2019

Ci risiamo

Ancora un gesto di inciviltà e disprezzo per l’ambiente quello documentato da un nostro lettore sulla via per il Monte Covolo


01/11/2019

Dolcetto o... paletto?

Nelle foto inviate da un lettore il rischio che una manifestazione goliardica possa lasciare spazio al vandalismo (7)

Eventi

<<Novembre 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia