Skin ADV
Venerdì 19 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








17.10.2018 Preseglie

17.10.2018 Sabbio Chiese

17.10.2018 Gavardo

17.10.2018 Bione

17.10.2018 Villanuova s/C Valsabbia

18.10.2018 Vobarno Val del Chiese Storo

18.10.2018 Val del Chiese

17.10.2018 Lavenone

18.10.2018 Valsabbia Provincia

17.10.2018 Val del Chiese



21 Aprile 2018, 07.42
Vobarno
Cronache

Scuola insicura?

di val.
Tutti pronti a discutere nel merito del progetto di accorpamento di Elementari e Medie a Vobarno. Ma sulla sicurezza no e se quell'edificio è instabile, i ragazzini bisogna portarli via subito. Il sindaco: «Pronti a farlo»

Non cessano le polemiche a Vobarno, sul progetto di sistemare dal punto di vista energetico ed antisismico lo stabile che oggi è in uso alle scuole Medie, recuperando gli spazi necessari per portarci dentro anche i bimbi delle Elementari.

A far discutere, con la dirigente scolastica che ha chiesto le relative “pezze” giustificative, ovvero le perizie dei tecnici, soprattutto l’allarme generato dal sindaco e dalla giunta vobarnese quando, in assemblea pubblica e per giustificare la scelta dell’accorpamento, hanno dichiarato che l’edificio delle Elementari non è per niente sicuro.

E allora non si capisce: se quell’edificio che ospita ben quindici classi non è sicuro, come si fa a lasciarci dentro i ragazzini per altri tre anni?

Una bella gatta da pelare per il sindaco vobarnese Giuseppe Lancini, che taglia corto: «Non voglio essere ricordato come quel sindaco che non ha approfittato di un finanziamento lasciando in pericolo i bambini del paese.
Quella responsabilità è mia ed intendo andare avanti sulla questa strada. Se sarà necessario in questi anni i bambini e i loro insegnanti saranno ospitati altrove, gli spazi non mancano».

Già in occasione dell’assemblea, i piani della giunta avevano registrato la contrarietà da parte del corpo docente, che poneva tutta una serie di problematiche che in parte sarebbero poi state superate da una revisione del progetto stesso.

I suggerimenti riguardavano gli ingressi e spazi separati per i due ordini di scuola, la possibilità di realizzare una tensostruttura come seconda palestra, spazi esterni idonei per i parcheggi... e via rammaricando.

C’era poi una questione di metodo secondo gli insegnanti: prima di proporre un progetto di questa portata, l’amministrazione comunale avrebbe fatto meglio ad ascoltare tutte le parti in causa.

La giunta, alla riunione si è difesa affermando che la dirigente scolastica era stata interpellata e che gli insegnanti avrebbe dovuto coinvolgerli lei; comunque bisognava fare presto per non perdere il finanziamento regionale.

Le minoranze in Consiglio, hanno poi chiesto un confronto aperto e scelte condivise.
Elena Raggi invece, dirigente dell’Istituto comprensivo, ha inviato una lettera in municipio e all’Ust di Brescia, esposta poi anche all’albo scolastico, con la quale ha spiegato di aver incontrato gli amministratori due volte, a settembre e a febbraio.

La prima volta sono state espresse alcune perplessità sul progetto iniziale.
La seconda si è concordato che nei giorni successivi sarebbe stata fissata una data perché questo progetto, si presume almeno in parte modificato, potesse essere visionato anche da Collegio docenti, Consiglio d’Istituto e Comitato genitori.

Invece è arrivata solo l’assemblea pubblica per tutti, con l’ulteriore ventilato problema della sicurezza.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75879 - 21/04/2018 14:10:58 (passacaglia) Verba volant, scripta manent
Esatto, tutti attendiamo le perizie, unico modo per capire una volta per tutte quello che sta accadendo (e se sono vere le affermazioni importanti fatte in tema di sicurezza). Poi si vedrà...


ID75887 - 21/04/2018 18:40:14 (delirio) Difficile fare il Sindaco..
io non ne sarei proprio capace!!!


ID75897 - 22/04/2018 18:51:15 (ErnestoCadenelli) ernestocadenelli
Il Sindaco e gli assessoricon le affermazioni fatte, in pubblica assemblea, relativamente alla NON sicurezza delle scuole elementari hanno "PROVOCATO ALLARME" tra le famiglie dei bambini e gli opertori della scuola.Un chiarimento urge!Mostrino, lor signori, le perizie in appoggio alla loro tesi. Se non ci sono, siamo di fronte all'ennesima superficialità di questa giunta, dopo il trasloco del comune, la centrale a biomasse e la rotonda Itis.Tutte scelte LAST MINUTE! Un argomento, quello della sicurezza, usato per giustificare questa loro idea strampalata di accorpamento delle scuole in unico edificio. Se invece la situazione di pericolosità è incombente, allora non c'è tempo da perdere, le elementari vanno CHIUSE SUBITO, per garantire l'incolumità di bambini e insegnanti.Per parte mia penso che anche i livelli istituzionali preposti, Prefettura e Provveditorato, andrebbero chiamati in causa per fare chiarezza.


ID75898 - 22/04/2018 18:59:51 (ErnestoCadenelli) ernestocadenelli
continuo..... Non la faccia facile il Sindaco dicendo che soluzioni alternative per sistemare 26 classi (tante sono)per un periodo lungo parliamo di anni, sono a portata di mano.L'organizzazione delle attività delle due scuole, sparse sul territorio comunale, ne risentirebbe negativamente.L'ausoicio, per il bene di tutti, è che si sia voluto forzare la mano per convincere della bontà del progetto.Se così è, nessuno le chiede di rinunciare al finanziamento per mettere a norma le medie.Appunto si fermi lì! Per le elementari serve un altro progetto e altri finanziamenti.Diversamente rischia ndi passare alla storia per aver devastato il centro di vobarno.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/03/2018 10:55:00
Una scuola unica per Vobarno Sarà presentato giovedì 29 marzo in un’assemblea pubblica dall’Amministrazione comunale vobarnese il progetto di riqualificazione e di accorpamento della scuola Primaria e Secondaria di primo grado

16/04/2018 08:13:00
Ma quella scuola è sicura o no? Pubblichiamo una nuova lettera che riguarda i progetti di accorpamento delle scuole vobarnesi, che l'Amministrazione vorrebbe concludere alla svelta, adducendo opportunità finanziarie e ragioni di sicurezza


31/03/2018 08:29:00
Vobarno: l'accorpamento delle scuole non piace Ma l'Amministrazione comunale insiste: «Abbiamo a cuore la sicurezza di insegnanti e alunni ed abbiamo fondi per sistemare un solo stabile»


04/07/2018 07:47:00
Accorpamento scuole: i genitori «interrogano» Un lungo ed articolato documento quello predisposto dal Comitato genitori di Vobarno, che è stato sottoscritto da mezzo migliaio di persone


01/03/2015 07:00:00
Villanuova, accorpamento in vista per le scuole dell'infanzia L’amministrazione comunale intende razionalizzare il servizio delle scuole dell’infanzia con l’accorpamento della scuola comunale a quella statale. Avviato un confronto con i genitori in vista del prossimo anno scolastico su questa proposta che non trova tutti d’accordo



Altre da Vobarno
18/10/2018

Alla Novafiltri cresce l'occupazione

A meno di un anno dal suo insediamento a Darzo, i dipendenti dell'azienda sono già saliti a quota 20. Un numero destinato ad aumentare 

17/10/2018

Stagione teatrale, su il sipario

Commedie brillanti, teatro classico e contemporaneo, operette e spettacoli per bambini nella ricca stagione del Teatro comunale vobarnese

15/10/2018

Un solo punto all'esordio

Avvio “turbolento” per le valsabbine che scendono al Palavobs contratte e forse troppo emozionate di fronte ad un folto pubblico.

15/10/2018

Pronta la nuova sala di stagionatura

In tanti ieri hanno raggiunto al cooperativa sociale “Ai Rucc e dintorni” di Vobarno per l’inaugurazione della nuova sala di stagionatura dei formaggi

14/10/2018

Rubinelli in corsa per il titolo

Il giovane pilota di Collio di Vobarno, del Team Tre Laghi 2 di Vestone, su Ktm 65 proverà ad aggiudicarsi entrambi i titoli ancora in palio

13/10/2018

«Ma vi sembra giusto?»

Da Vobarno arriva un grido di dolore per le sorti di Martina, una capretta capretta uccisa dai cani in battuta al cinghiale. Non in mezzo al bosco, ma in un recinto vicino alle abitazioni
(32)

12/10/2018

Atletica leggera giovanile, a Vobarno si fa sul serio

Sono iniziati nel centro sportivo di Vobarno i corsi di atletica leggera per i bambini e ragazzi organizzati dalla Libertas Vallesabbia. Iscrizioni ancora aperte (2)

11/10/2018

A Vobarno per parlare di acqua pubblica

Questa sera - giovedì - per iniziativa del Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia, Mariano Mazzacani sarà a Vobarno, in Biblioteca comunale, per approfondire il tema della gestione delle risorse idriche


11/10/2018

Congratulazioni dottoressa Marta

Tanti complimenti a Marta Zabbeni di Vobarno, che martedì 9 ottobre si è laureata in "Scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate" presso l'Università degli Studi di Brescia con un bel 110 e lode (2)

11/10/2018

Nuova sala stagionatura per i «Rucc»

Domenica 14 ottobre il taglio del nastro. I nuovi ambienti permetteranno un salto di qualità nella produzione casearia della storica cooperativa sociale vobarnese



Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia