01 Dicembre 2019, 06.36
Vobarno
Lettere

Sportina selvaggia

di Mario Pavoni

Nel bene e nel male un paese cambia, fra innovazioni e forti resistenze. Anche in questo caso Mario Pavoni si dimostra osservatore attento. Pubblichiamo volentieri la sua lettera che riguarda la sua Vobarno


In questo periodo, quando gli impegni familiari me lo consentono, mi imbacucco per bene, visto la mia età non più giovanissima, ahimè, cappello con visiera e faccio il giro del mio paese: Vobarno.
Mi soffermo compiaciuto nel vedere come sono migliorate le vie da quando mancano i “famigerati” cassonetti e le strade con le piazzette vengono continuamente ripulite.

Ormai è solo un ricordo, rimosso, la catasta di sportine dell’immondizia attorno ai cassonetti. Oggi tutto questo fa parte del passato.
Entrando in paese dal ponte “nuovo”, l’immagine che veniva data era veramente desolante.

Tuttavia, nel mio girovagare, mi imbatto, ogni tanto, in una sportina abbandonata.
Un po’ di tempo fa non ci si faceva caso, ma oggi tutto questo fa male perché significa disprezzare il duro lavoro che comporta il servizio stesso e la mancanza di rispetto dei cittadini.

Passo oltre e noto i cestini “intelligenti” ed anche qui un’altra sorpresa: qualcuno si è permesso di infilarci, forzatamente, la sua sportina, complimenti.

Arrivo in via De Zoboli.
Questa, una volta, era la via lussuosa per eccellenza di Vobarno: io mi ricordo benissimo i vari negozi: la salumeria, i tessuti di tutti i tipi, le varie e tipiche osterie, una addirittura con il gioco delle bocce, parrucchiere per uomo e per donna, calzature, mobili, calzolaio, due banche, mercerie, ferramenta, casalinghi di ogni tipo, tabaccheria, panificio, articoli sportivi, il famoso fiorista noto in tutta la valle ed infine la Cooperativa Lavoratori A.F.L. Falck, dove potevi trovare di tutto ed il rispettivo veniva segnato su di un libretto azzurro saldato poi ogni quindici giorni.

Oggi di tutto questo è rimasto solo un bel ricordo, per le persone, come me, dai settant’anni in su.
Ora i negozi sono spariti e percorrendo questa via mi trovo difronte a due grandi sacchi neri dell’immondizia, abbandonati. A malicuore penso a come è cambiata questa via!

Poiché è mia abitudine approfondire le cose, scopro che oltre un centinaio di utenti, non ha ancora ritirato i contenitori per l’immondizia.
Allora mi chiedo: come fanno questi cittadini a smaltire ed a differenziare i loro rifiuti.
Risposta: Sportina selvaggia.

Nel tempo Vobarno si è dato delle regole, che puntualmente vengono disattese da alcuni residenti della via, a scapito del buon vivere civile; fino alla sera la via si presenta abbastanza accettabile, al mattino, alcuni punti della stessa, si trovano nelle orribili condizioni, come si può vedere dalle foto allegate.

Ritorno sconsolato verso casa
e penso al modo più intelligente per risolvere questo spinoso problema; non credo che le sanzioni amministrative portino ad un risultato a lungo termine, anche se questo può essere un primo passo, solo con un modo di pensare più vicino ad una convivenza civile può dare risultati positivi: ai posteri l’ardua sentenza.
 
Con cordialità Mario Pavoni




Vedi anche
05/01/2017 07:07

Ecco come sarà il «porta a porta» Il consigliere di riferimento Claudio Zanoni spiega come avverrà il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti a Vobarno e la scelta di effettuarlo "spinto"

18/05/2017 13:12

A «scuola» di raccolta differenziata Si terrà questo venerdì sera a Vobarno un incontro organizzato dall'Amministrazione comunale e dalla Comunità montana per illustrare il nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta che partirà dal prossimo anno

21/01/2019 06:39

Le novità per il nuovo anno Anno nuovo... nuove abitudini, anche nella raccolta porta a porta dei rifiuti. Cambiano, in modo diverso di paese in paese, tempi di esposizione, frequenza e giorni della raccolta. Obiettivo razionalizzare per migliorare il servizio

30/01/2020 15:55

Vobarno, cambiano i giorni di raccolta Dal mese di febbraio nel Comune di Vobarno ci sarà una variazione nei giorni di raccolta porta a porta delle diverse tipologie di rifiuti

14/11/2017 10:25

Porta a porta, come funziona Prendono il via questo giovedì a Vobarno e nelle frazioni gli incontri informativi per la popolazione in vista del nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti



Altre da Vobarno
03/08/2020

Ciao Roberto

Amici e colleghi di Fondital vogliono ricordare con stima e amicizia il caro amico Roberto Bernardelli, scomparso domenica 2 agosto

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

24/07/2020

Gli 80 di nonno Angelo

Buon compleanno a nonno Angelo Bertelli, di Pompegnino di Vobarno, che oggi, 24 luglio, compie 80 anni

23/07/2020

Produzione, ambiente ed energia

952,6 milioni di euro. E’ il fatturato del Gruppo Silmar nel 2019. Bene anche la ripresa nel “dopocovid”. In tre anni investiti dal Gruppo più di 200 milioni di euro

13/07/2020

9 candeline per Patrick

Tanti auguri a Patrick, di Collio di Vobarno, che oggi, 13 luglio, spegne 9 candeline

10/07/2020

Famiglie con figli lasciate indietro

«Le scrivo perché a seguito della comunicazione ricevuta stamattina, si specifica che le famiglie non residenti a Roè Volciano non potranno più usufruire del servizio mensa», così ci scrive un lettore di Vobarno. Pubblichiamo volentieri

29/06/2020

Anna e Mario, insieme da 57 anni

Felicitazioni per Anna e Mario, di Vobarno, che in questi giorni hanno festeggiato il loro 57 anno di matrimonio

28/06/2020

Lettera indiscreta al legislatore

In questi giorni abbiamo toccato il punto più basso della nostra giustizia: un sistema clientelare per le nomine delle cariche più importanti dello Stato

26/06/2020

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza»

Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia