10 Luglio 2020, 09.40
Vobarno Roè Volciano
Lettere al direttore

Famiglie con figli lasciate indietro

di Cristian Fontana

«Le scrivo perché a seguito della comunicazione ricevuta stamattina, si specifica che le famiglie non residenti a Roè Volciano non potranno più usufruire del servizio mensa», così ci scrive un lettore di Vobarno. Pubblichiamo volentieri


Gentile direttore,


Il periodo del coronavirus è stato molto difficile, è stata un' emergenza improvvisa che ha colto tutti di sorpresa; noi famiglie con figli piccoli ci siamo dovute adattare alle scuole chiuse, con tutte le problematiche lavorative connesse.

Noi in famiglia siamo in 5, abbiamo 3 bambini che frequentano rispettivamente la scuola secondaria (medie), la scuola primaria (elementari) e la piccolina la scuola materna.

Siamo residenti a Vobarno, ma per esigenze logistico/lavorative, a suo tempo abbiamo scelto di portare i nostri bambini alle scuole di Roè Volciano che fanno parte dello stesso Istituto Comprensivo di Vobarno.

Con estremo stupore stamattina ricevo un messaggio SMS dal Comune di Roè Volciano che ci avvisa che dal prossimo anno il servizio di mensa scolastica non sarà più fornito ai non residenti.

In pratica l'unica cosa certa è che i non-residenti dovranno arrangiarsi, anche se nel loro documento c'è scritto che "si stanno ancora valutando, spazi, tempi scuola e le relative soluzioni attuabili" senza nemmeno sapere dove e quando gestiranno la mensa, oltre a quali saranno i nuovi orari.

Ci avessero avvisato che i posti in mensa sono meno a causa delle restrizioni e ci fosse stata una graduatoria (come per il passato) dove i non residenti si mettono in coda l'avrei forse capito, ma dire fin da subito che per i non residenti non ci sarà il servizio di mensa sembra proprio una discriminazione.

Come mai nel documento pubblicato non si danno alternative ? Possibile che non ci sia una soluzione per aiutare le famiglie? Anche chiedendo un ulteriore contributo aggiuntivo ?

Il tutto in considerazione del fatto che il documento da loro menzionato (documento conclusivo del 28.05.20 del Comitato Tecnico Scientifico) cita:

"Il consumo del pasto a scuola rappresenta un momento di fondamentale importanza sia da un punto di vista educativo, per l'acquisizione di corrette abitudini alimentari, che sanitario in quanto rappresenta un pasto sano ed equilibrato. È pertanto fondamentale preservare il consumo del pasto a scuola garantendo tuttavia soluzioni organizzative che assicurino il distanziamento. Anche per la refezione le singole realtà scolastiche dovranno identificare soluzioni organizzative ad hoc che consentano di assicurare il necessario distanziamento attraverso la gestione degli spazi(refettorio o altri locali idonei), dei tempi (turnazioni), e in misura residuale attraverso la fornitura del pasto in "lunch box" per il consumo in classe."

Lo sanno che i genitori lavorano? Come è possibile pensare che i genitori non residenti, e quindi più distanti e dove oltretutto non vi è un servizio di traporto pubblico, vengano a prendere i propri figli per farli mangiare e poi riportarli a scuola ? Forse pensano che dobbiamo demandare ai nonni anche queste incombenze ? E chi non ha i nonni ?

Lo sanno che per chi ha figli sia alle medie che alle elementari dove gli orari di pausa pranzo sono completamente diversi ci vogliono quasi 3 ore di gestione?

Ci consigliano forse di farli mangiare in macchina nel parcheggio ?

Oppure più semplicemente ci consigliano di spostare i figli nelle scuole dei comuni di residenza?

Non so cosa ne pensano le altre famiglie, ma di certo in questo periodo le famiglie con figli sono lasciate indietro.

Il documento citato nel mio testo è scaricabile dal sito del MIUR al seguente link: https://www.miur.gov.it/web/guest/-/scuola-dal-distanziamento-alle-modalita-di-ingresso-ecco-le-indicazioni-del-comitato-tecnico-scientifico-per-settembre

Cristian Fontana



Vedi anche
11/02/2015 15:50

Mensa, Cag e pre-scuola C’è tempo fino al 20 febbraio per iscrivere gli alunni che frequentano la scuola primaria e secondaria di primo grado ai servizi offerti dal Comune di Gavardo

04/12/2018 08:00

Taglio del nastro per la nuova mensa Sabato alla presenza di alunni e genitori l’inaugurazione ufficiale della nuova mensa della scuola primaria di Villanuova sul Clisi

23/12/2009 07:00

Iscrizioni al Cag e alla mensa C’ tempo fino al 31 dicembre per iscrivere i bambini alla Cag e al servizio mensa del Comune di Gavardo.

01/09/2018 08:00

Servizio civile nel sociale Il Comune di Roè Volciano offre ad un giovane l’opportunità di collaborare con il personale comunale impegnato nelle attività sociali a favore dei residenti 

01/07/2015 15:15

Nuova mensa e sale polifunzionali Sono pronti a partire i lavori per il nuovo edificio scolastico polifunzionale a Prevalle, per la mensa e nuovi spazi che potrebbero accogliere anche il Cag



Altre da Vobarno
11/08/2020

Tamponamento in galleria

L’incidente a causa di un improvviso rallentamento, non compreso da chi viaggiava di dietro. Nessun ferito, qualche disagio alla circolazione

03/08/2020

Ciao Roberto

Amici e colleghi di Fondital vogliono ricordare con stima e amicizia il caro amico Roberto Bernardelli, scomparso domenica 2 agosto

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

24/07/2020

Gli 80 di nonno Angelo

Buon compleanno a nonno Angelo Bertelli, di Pompegnino di Vobarno, che oggi, 24 luglio, compie 80 anni

23/07/2020

Produzione, ambiente ed energia

952,6 milioni di euro. E’ il fatturato del Gruppo Silmar nel 2019. Bene anche la ripresa nel “dopocovid”. In tre anni investiti dal Gruppo più di 200 milioni di euro

13/07/2020

9 candeline per Patrick

Tanti auguri a Patrick, di Collio di Vobarno, che oggi, 13 luglio, spegne 9 candeline

29/06/2020

Anna e Mario, insieme da 57 anni

Felicitazioni per Anna e Mario, di Vobarno, che in questi giorni hanno festeggiato il loro 57 anno di matrimonio

28/06/2020

Lettera indiscreta al legislatore

In questi giorni abbiamo toccato il punto più basso della nostra giustizia: un sistema clientelare per le nomine delle cariche più importanti dello Stato

26/06/2020

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza»

Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia