02 Agosto 2020, 09.54
Bagolino
Musica

La prova della prova per il coro di Bagolino

di Marisa Viviani

Dopo il lungo periodo di astinenza canora, il Coro di Bagolino si è ritrovato per le prove di canto nella Chiesa di San Rocco, ma solo dopo aver effettuato una prova della prova vera all'aperto, per verificare quanto i cinque mesi di sospensione dell'attività corale avessero inciso sulla padronanza della voce
•VIDEO



Un primo incontro si era infatti verificato la scorsa settimana nel giardino della Chiesa di San Rocco, dove la Mª Susanna Zanetti aveva sottoposto a test di verifica i suoi coristi, constatando la necessità di riprendere dalle basi per il controllo della respirazione, per passare successivamente ai vocalizzi intensi e ripetuti.

Soltanto lavoro di base e ripasso dei canti già studiati, una volta la settimana per tutto il mese di agosto, poi, da settembre si ricomincerà con l'attività normale con due prove settimanali e l'introduzione di nuovi brani in repertorio.

La Mª Susanna esprime una certa soddisfazione per la risposta dei suoi coristi alla ripresa dell'attività corale, soprattutto in merito al loro grande senso di appartenenza al coro e al legame che li unisce. Il desiderio di ricominciare a cantare insieme era infatti molto forte, tant'è che durante il periodo di isolamento in casa i coristi stessi avevano sollecitato un esperimento di canto da remoto per rinsaldare, più che la voce, il rapporto con la vita del coro.

“La ripresa dell'attività corale è piuttosto difficoltosa, – ribadisce la presidente Cristina Foglio - non solo a causa dei cinque mesi di sospensione, ma anche per le condizioni di distanziamento sociale e per le disposizioni sanitarie. Noi siamo tenuti a mantener una distanza di un metro sulla fila e di due metri tra le file, e a cantare con la mascherina, e questo comporta molta fatica fisica per noi coristi e uno sforzo notevole per la maestra. L'aspetto positivo della ripresa è dato dal fatto che il legame tra noi è stato riallacciato senza problemi, come se non ci fossimo mai separati”.

La prova all'interno della Chiesa di San Rocco, a porte chiuse, conferma infatti questo senso di disagio a dover cantare in condizioni tutt'altro che favorevoli. Il Coro di Bagolino è comunque deciso a non mollare e attende di poter ricominciare a pieno ritmo la sua attività corale, con prove regolari e adeguate prima, e concerti a coronamento di tanto impegno e lavoro, dopo.

Auguri quindi al Coro di Bagolino per un ritorno alla normalità in tempi rapidi, e complimenti per la passione e costanza con cui i coristi aderiscono alla loro associazione.

Nelle foto di Luciano Saia:
- La prova della prova del Coro di Bagolino all'aperto
- La Mª Susanna Zanetti dirige il Coro di Bagolino nella Chiesa di San Rocco




Vedi anche
15/06/2020 10:00

Coro di Bagolino, comunque Anche la corale bagossa non si è persa d'animo durante il distanziamento forzato e, grazie al supporto della Mª Susanna, ha realizzato un video con una bella canzone di Bepi De Marzi

20/06/2020 05:00

I 101 al tempo del Coronavirus Una dedica in musica per il prestigioso traguardo di Pasquina Gagliardi, di Bagolino, quella dedicata dal Coro Beorum di cui è una grande supporter

04/05/2018 09:20

«Il Coro Sette Torri canta per voi» Così il gruppo corale trentino si è presentato nei giorni scorsi in occasione di un concerto di intrattenimento degli ospiti della Casa di Riposo di Bagolino

28/10/2014 09:20

Potere della musica Ancora una giornata di musica e canto per gli ospiti della Casa di Riposo di Bagolino, domenica scorsa, con il Coro San Giuseppe di Ponte Caffaro

01/05/2018 07:41

Il Coro di Bagolino piange Giulia Corista affezionatissima fin dalla fondazione, il coro era la sua passione. Ha partecipato anche nei momenti duri della cura, finché la malattia non l'ha costretta al ritiro



Altre da Bagolino
11/08/2020

Everesting, l'impresa di Filippo Bianchi sul Maniva

Dieci volte la salita da Bagolino al Maniva per “raggiungere la vetta dell’Everest” in bicicletta, una sfida contro sé stesso per l’atleta bagosso

07/08/2020

Arte e cultura a San Giacomo

Domenica pomeriggio presso la chiesetta e il borgo di Ponte Caffaro una mostra d’arte di pittura, scultura e fotografica e momenti dedicati alla storia locale

06/08/2020

Sul lago il Covid sta lasciando il segno

Non mancano le proposte per un turismo consapevole sul lago d'Idro e in Valle Sabbia. Mancano però un bel po' di turisti

04/08/2020

Una ciclopedonale per l'Eridio

Un tracciato sicuro per ciclisti e pedoni per girare attorno al lago. Un progetto ormai storico e futuristico insieme, che con gran fatica comincia a prendere corpo

03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

03/08/2020

Chitarra, violino e anche una viola per San Rocco in Musica

Strepitoso anche il concerto del Duo Piercarlo Sacco e Andrea Dieci andato in scena sabato a Bagolino, terzo appuntamento della rassegna estiva

30/07/2020

Piercarlo Sacco e Andrea Dieci interpretano Piazzolla

Questo sabato sera nella chiesa parrocchiale di Bagolino il terzo concerto di San Rocco in Musica con i classici del grande musicista argentino e l’ultima produzione tanguera influenzata dalla musica contemporanea

29/07/2020

Alla scoperta della Valle Sabbia

Per iniziativa dell’Agenzia territoriale per il turismo della Valle Sabbia e del Lago d’Idro, sono state effettuate la scorsa settimana le riprese di Cremona1 Tv per quattro nuove puntate dedicate alla nostra valle

27/07/2020

A solo, col basso e con un violino fuori programma

La presenza di Paolo Bonomini a "San Rocco in Musica" attribuisce alla rassegna musicale di Bagolino un notevole credito qualitativo, ponendola tra le proposte musicali più interessanti della provincia

27/07/2020

Solo la celebrazione religiosa per San Giacomo

La ricorrenza del santo protettore di viandanti e pellegrini, a cui è dedicata la chiesetta vista lago di Ponte Caffaro, ha visto solo la celebrazione della messa e non la tradizionale sagra