Skin ADV
Giovedì 12 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






15 Agosto 2019, 18.18

Blog - Maestro John

Mira il Tuo popolo

di Maestro John
Festa dell’Assunta. In molti paesi si svolge la processione. Mi son sempre piaciute le processioni. Alle “processiù” c’era sempre un sacco di gente, praticamente tutto il paese
 
C’era il sagrestano, el Burtulì:
“Burtulì dèle sachète che ghet fat ale me scete? Ghó dat en spisighì, can de l’oa de un Burtulì!”

La chiesa per l’occasione era addobbata con paramenti altissimi e molto scenografici. C’erano schierati i paggetti, tutti fermi con la divisa bianconera, con il copricapo stile Lorenzo il Magnifico, con le loro belle manine giunte in guanti bianchi.
C’erano i chierichetti, con veste nera e cotta bianca.
C’erano i tarcisiani, con le loro vesti crem a strisce verticali rosse, che nascondevano le scarpe di ginnastica bianche.
Tra i tarcisiani ci celavano i più irrequieti Teddy Boys del circondario, che facevano a gara a chi teneva il turibolo. Veniva fatto roteare in modo artistico, con acrobazie vertiginose, tra volute d’incenso.
Come consolazione c’era la navicella argentata, con dentro i granelli d’incenso e il cucchiaino.

C’era la banda, c’erano i notabili del paese, c’erano le orfanelle con le suore, c’erano le vedove inconsolate…avanti le vergini!
C’era uno stuolo di preti (adesso è già un miracolo trovarne un paio).

C’erano le luci sui davanzali e gli altarini nei vicoli: che spetàcol!
Se non sbaglio (ma qui mi appello agli esperti di liturgia) prima si portava la statua della Madonna dalla parrocchiale alla splendida chiesa di San Rocco, mentre le campane facevano “den den den den” in segno di allegrezza e la gente cantava “dalle capanne povere dove si piange e implora”.

Quando vicino alla pesa pubblica si faceva l’inversione a U, il corteo da sacro diventava profano, sé e zó söla pesa, e si potevano lanciare occhiate furtive verso il reparto femminile (che, nascosto dai veli, pare facesse altrettanto…).

Invece l’8 settembre, festa della Natività della B.V.M, la statua della Madonna traslocava di nuovo e andava in giù dagli scalini di San Rocco verso la Parrocchiale.
Ricordo il Poletti, papà del Giulio e dell’Aurelio, che aveva una voce stupenda.
Ti faceva capire con la sua voce che davvero, come diceva Monsignor Ferretti, “cantare è pregare due volte”.

In certe canzoni la gente faceva la “doppia voce”, ed era bello sentire…
“Mira il tuo popolo, o bella Signora,
che pien di giubilo oggi t’onora.
Anch’io festevole corro ai tuoi piè;
o Santa Vergine, prega per me!
In questa misera valle infelice
tutti t’invocano soccorritrice.
Questo bel titolo conviene a Te,
o Santa Vergine, prega per me!”


Il mio amico don Paolo mi ha scritto:
“Ma noi ci pensiamo che il nostro destino è il cielo?”
Penso proprio di no. Ci si comporta come se dovessimo vivere sempre in questo pazzo mondo. Sempre arrabbiati. Sempre sospettosi.
Vediamo intorno a noi tante ingiustizie: sofferenza e tribolazione per i poveri e le buone persone, successo e trionfo per i prepotenti e i malvagi.
E ci chiudiamo in noi stessi, pieni di paura del futuro.

Ma lasciatelo dire a uno dei peggiori peccatori: la Madonna ci proteggerà! Lei in questo momento ci è vicina più che mai.
Perché Maria sotto la croce ha avuto paura di perdere Suo figlio per sempre.
Poi ha vinto quella paura, perché Maria era sicura di una cosa: lei era Sua madre, e niente avrebbe mai potuto spezzare il loro amore. Perché l’amore è eterno.
E allora apriamoci agli altri, tentiamo di dare fiducia all’amore.

Quando cammino accanto alle rive del Chiese (ah, il Chiese!) mi piace recitare il rosario.
Come ha scritto il poeta romano Trilussa:   
“Quann’ero ragazzino, mamma mia
me diceva: “Ricordate fijolo,
quanno te senti veramente solo
tu prova a recità n’Ave Maria.
L’anima tua da sola spicca er volo
e se solleva, come pe’ maggìa”.
Ormai so’ vecchio, er tempo m’è volato;
da un pezzo s’è addormita la vecchietta,
ma quer consijo nun l’ho mai scordato.
Come me sento veramente solo
io prego la Madonna benedetta
e l’anima da sola pija er volo!”


Lo dico a me stesso: coraggio, non smettiamo di credere nell’amore.
Diamo il nostro piccolo contributo alla marea del bene che inonda la terra. Lanciamo i nostri cuori nelle promesse di un nuovo giorno.
Come Maria.

Con amore. Solo con amore.  
maestro John

Le prime due foto (che rappresentano varie processioni a Gavardo) sono dell’amico Antenore Taraborelli, che ringrazio.
La terza è del mitico Cesare Goffi, che ritrae la processione delle Quarant’ore.
Nell’ultima foto si riconosce il caro Cesare Cavagnini, con alcuni amici del Borgo del Quadrèl.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/11/2017 09:32:00
Lasciatemi cantare Abbiamo sempre cantato. Quelli della mia generazione, intendo. In chiesa, all’oratorio, a scuola, in colonia, in campeggio, al mare o in montagna, in pullman o camminando. Sarà stato che la guerra era finita da poco, sarà stato che la gente ricominciava a credere nel futuro, che c’era in giro un’aria di speranza.

01/04/2018 09:40:00
E ti vengo a cercare La fede. O ce l’hai o non ce l’hai. Non c’è niente da fare. A me l’ha regalata mia mamma. Ma conosco un sacco di belle persone che non credono in Dio…

22/07/2018 17:54:00
Tutti per Iuschra “L’hanno trovata?” La domanda da giovedì è sempre la stessa. Ma la risposta è sempre negativa. Tutti sono in attesa, tutti sperano

08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

16/02/2019 14:54:00
Ciao, Augusto! Oggi le campane suonavano tristemente: ci ha lasciati Lauro Augusto (che tanti chiamavano “Gusto”). Era un uomo forte e tutto d’un pezzo, purtroppo un lungo e inesorabile male ce l’ha portato via 



Altre da Maestro John
08/12/2019

Riverisco, siòr dutùr!

Una volta i dottori erano salutati con riverenza, come i sacerdoti. Ricordo il dottor Rossini, quando veniva a trovare la mia nonna Margherita. Stavano in camera sua a chiacchierare per ore, poi quando se n’era andato mia nonna diceva: “Adess stó propris bé!”

01/12/2019

Tutti al bar dell'oratorio!

È il “biglietto da visita dell’oratorio” in cui l’obiettivo fondamentale era l’accoglienza: accogliere tutti con il sorriso, anche le persone di una religione diversa

26/11/2019

Ciao, grande Aldo!

Stamattina sono passato a trovare il mio coscritto Pierangelo Damiani di Villanuova, che mi ha dato la triste notizia: “Mi ha detto il Gianfranco De Giorgi che è morto l’Aldo Arrighi. Era commosso, perché Aldo era un suo grande amico”

24/11/2019

Quando ci lascia un nonno alpino

Sabato pomeriggio, sotto una pioggia battente, ho partecipato al funerale del signor Alberto Faini, che tutti chiamavano Vittorio

17/11/2019

Com'è triste Venezia (e il fiume Chiese)

Venezia sott’acqua. L’abbiamo vista tutti. L’acqua che invade basiliche, case e alberghi di lusso, vaporetti scaraventati sulle rive del Canal Grande, imbarcazioni e gondole incastrati nelle calli

10/11/2019

Lupetti, coccinelle e... Pippo!

Non sono mai stato uno scout. Però ho molti amici e nipoti che lo sono stati...

03/11/2019

Cielo grigio su, foglie gialle giù

Dedico queste povere parole a una persona amica che in questi giorni è piuttosto giù. "Ciao. Trovare le parole giuste da scriverti è difficile. Sono giorni difficili questi, ti capisco, credimi... "

28/10/2019

Ciao Gian Franco, grande attore!

Ci ha lasciati Gian Franco Broli. L’ho saputo stamattina, mentre camminavo davanti al Teatro Corallo di Villanuova. Mi ha chiamato il simpatico tuttofare Giulio, che mi ha dato la triste notizia. Non ho saputo trattenere le lacrime


27/10/2019

In marcia per un mondo più pulito

Oggi a Brescia c’è la marcia per dire Basta Veleni. Sul terreno dei giardini pubblici a sud della città è vietato giocare. I bambini non possono buttarsi sull’erba, raccogliere fiori e foglie. Perché la terra è intrisa di diossine e di PCB, composti chimici altamente tossici. Un pericolo subdolo, che non si vede...

20/10/2019

Il mio grande amico Deni

Pochi giorni fa ha compiuto gli anni il mio grande amico Andrea Giustacchini, Deni per gli amici. Siamo nati nel ‘52 e da settembre è andato in pensione

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia