15 Gennaio 2020, 10.26
Eco del Perlasca

Pancreas artificiale

di Davide Lancellotti

Non è un organo interno ma solo un piccolo "device" esterno, esso fornisce insulina quando richiesta in maniera autonoma, ma ci possono essere delle complicanze


DIABETE: CHE COS’È?
Ovviamente, non si può parlare di pancreas artificiale e di insulina se prima non si capisce bene cosa sia il diabete, le sue cause e i suoi sintomi.
Per prima cosa, la malattia è divisa in due principali gruppi:

- Tipo I: è il diabete che non si cura e che non si può prevenire, spesso definito “infantile” poiché sorge solitamente quando si è bambini (sebbene esistano casi dove si manifesta in età adulta, con un'incidenza minore dello 0,1% dei casi sul totale).
In questo tipo, la causa viene data da una malattia autoimmune che attacca le cellule 𝛃 del pancreas, riducendo o eliminando la produzione di insulina. In questo caso l’unica cura è fare continue iniezioni dell’ormone quando serve.

- Tipo II: si manifesta molto in età adulta ed è dato da due fattori.
Il primo è che l’insulina prodotta non sia molto efficiente o che il corpo resista ad essa (insulino-resistenza) oppure che vengano introdotti troppi zuccheri con una produzione dell’ormone non sufficiente.
Di solito, la cura sono delle iniezioni in caso di emergenza e uno stile di vita più sano.

IL PANCREAS ARTIFICIALE
Dopo aver ben capito cosa sia il diabete e come affrontarlo, parlo di una nuova “arma” che abbiamo a disposizione e che, secondo le mie aspettative, ben presto diventerà uno standard treatment (cioè trattamento standard per quel tipo di malattia).

Sviluppato tra la fine del XX e gli inizi del XXI secolo, questo dispositivo non è un organo artificiale da impiantare all’interno, cosa che potrebbe suggerire il nome, ma è, molto semplicemente, un controllore di insulina e glicemia che, quando rileva un calo troppo grande dell’ormone o un aumento eccessivo degli zuccheri rilascia, in maniera totalmente autonoma, per via peritoneale (cioè nella pancia) o endovenosa (per la precisione nella vena porta) una quantità di insulina sufficiente a portare a livelli normali la glicemia.

Essendo un dispositivo esterno, porta diverse complicanze. La prima di tutte è che è ingombrante, lo puoi toccare e vedere e potrebbe dar fastidio all’inizio, rendendo magari complicato il vestirsi o il lavarsi, inoltre non produce da solo l’insulina ma la si deve ricaricare.
Poi ci sono le problematiche più tecniche, ovvero il fatto che ha una batteria che si scarica e che, ed è il problema maggiore, il sensore con il tempo tende a perdere la sua taratura originale, rendendo necessario un intervento da parte di un medico.

PANCREAS INTERNO
Se un problema potrebbe essere averlo esterno, perché non metterlo interno?
Questa è una domanda ancora senza una soluzione, e non perché nessuno se l’è mai posta, ma perché siamo ancora in una fase troppo sperimentale degli organi artificiali e, anche se si creasse una macchina completamente meccanica, essa avrebbe comunque dei problemi a lungo termine dati dal fatto che non c’è modo di riprodurre l’insulina se non in condizioni specifiche, oltre che questa macchina avrebbe una batteria da sostituire, operazione che richiederebbe un nuovo intervento.

Ovviamente fare un trapianto di pancreas da un donatore morto è, ad oggi, la soluzione migliore di tutte (dove la procedura migliore è un trapianto di reni e pancreas, che porta ad una sopravvivenza migliore, ma anche senza di essa la sopravvivenza dell’organo è comunque tra il 70 e l’80%).
I donatori però, come sempre, sono pochi e le liste di attesa sono quasi infinite.

IN ITALIA

Anche il nostro Paese ha adottato da qualche anno la possibilità di inserire degli organi esterni per ovviare in minima parte al problema, sebbene ciò sia agli inizi è una tecnica promettente, con interventi che ormai si eseguono in quasi tutte le strutture ospedaliere italiane.
Nel caso del pancreas però noi non abbiamo grandi ricerche in corso e, se esistono, non sono molto pubblicizzate, quindi, in questo campo, siamo solo utilizzatori.

Io sono fermamente convinto che, un giorno, le biotecnologie per queste malattie minori ma comunque mortali saranno sempre un punto di riferimento, ma per ora dobbiamo limitarci al meglio che la scienza offre e, soprattutto, sfruttandolo per renderci la vita migliore.

Davide Lancellotti




Vedi anche
07/04/2019 08:00

Come gestiere il diabete durante il Ramadan A Gavardo un incontro dedicato alla gestione del diabete durante il Ramadan con l’obiettivo di limitare gli scompensi della malattia dovuti al cambiamento delle abitudini alimentari

27/11/2010 09:00

Se lo sai ti salvi Tutti in piazza questa domenica mattina a Serle per misurare la glicemia, in una giornata dedicata alla prevenzione contro il diabete.

08/11/2013 10:00

Diabete in continuo aumento Anche a Brescia e provincia questo fine settimana iniziative per la Giornata mondiale del diabete, una patologia che si pu sconfiggere con un corretto stile di vita

04/11/2011 12:00

Controllo del diabete in piazza In occasione della Giornata mondiale del diabete domenica 6 novembre sul lungolago di Sal, dalle 13 alle 19, verr allestito un gazebo dove i cittadini potranno misurare gratuitamente la glicemia.

08/11/2016 10:00

Informazione e prevenzione I Servizi Diabetologici degli Ospedali di Desenzano e Gavardo mettono in campo una serie di iniziative per la Giornata Mondiale del Diabete dedicata alla sensibilizzazione e all’informazione sulla malattia, alla sua prevenzione e gestione



Altre da Salute
10/08/2020

Nuovi stanziamenti per gli ospedali lombardi

Pioggia di milioni sulla sanità pubblica bresciana, la maggior parte destinati al Civile per il nuovo Ospedale dei Bambini, ma una fetta spetta anche al nosocomio di Gavardo

10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

07/08/2020

«Yoga by the lake»

È l’iniziativa promossa dalla Pro loco di Anfo con lezioni gratuiti di yoga in riva al lago d’Idro per tutto il mese di agosto, grazie alle insegnanti dello Studio Yoga di Brescia

03/08/2020

Una scuola... a pois!

Manca ancora tanto tempo all’inizio della scuola ma, visto che gli impegni che attendono i docenti per quest’anno saranno triplicati (e complicati!), alcuni insegnanti della scuola media F. Odorici di Roè Volciano si sono ritrovati per fare il PUNTO della situazione

03/08/2020

Valsir, controllo totale

Non solo in Valsir, ma anche per Oli, Marvon e Alba, è stata messa in pratica una massiccia operazione di controllo e prevenzione del rischio Covid

31/07/2020

In corsa per Gabriel

«Loro stanno salvando mio figlio, io vado in bicicletta. Come posso aiutarli?». Nasce così la sfida di Manuel Ragnoli, sui pedali, per 560 chilometri in 24 ore

28/07/2020

Nuovo medico di Medicina Generale a Odolo

Il dottor Andrea Donatini prenderà servizio dal 1° agosto con la cessazione dei due incarichi provvisori ai dott. Felesi e Fornaro. Pazienti invitati ad esercitare la scelta per un nuovo medico

24/07/2020

4 consigli per tenersi in forma in estate

Durante le vacanze, e in estate in generale, cresce sempre di più la voglia di rilassarsi e di provare a vivere senza pensieri, una situazione che, però, ci mette di fronte a una serie di tentazioni a cui sembra impossibile resistere...

21/07/2020

Continuità assistenziale, attivo il 116.117

È il nuovo numero della ex guardia medica entrato in funzione da questo lunedì in tutta la Lombardia (fatta eccezione per Brescia dove parte lunedì prossimo)

19/07/2020

«End Polio Now»

Un evento del Rotary Valle Sabbia alla cantina Le Sincette per il sostegno alla Fondazione Rotary