01 Agosto 2020, 06.56
Prevalle Valsabbia
Lavoro

Presidio alla Tematrade

di Ubaldo Vallini

Operai in agitazione nel sito produttivo di Prevalle. Sul tavolo delle trattative l'erogazione del fondo antiusura, la cassa integrazione, le paghe arretrate ed un'istanza di fallimento. VIDEO


«E’ necessario sbloccare l’anticipo del fondo antiusura. Se questo non avverrà dovremo ritenere lo Stato come principale responsabile della chiusura dello stabilimento e del licenziamento dei circa 80 operai che ancora ci lavorano o dovrebbero lavorarci dentro» così Barbara Basile, responsabile Fiom di zona, presente insieme al suo omologo Fim Franco Belotti al presidio organizzato ieri mattina davanti ai cancelli della Tematrade, realtà guidata dall’imprenditore bresciano Cristian Zanetti che ha affittato il ramo d’azienda prevallese di quella che fu la Industrie Pasotti.

Pesano sul futuro del sito lavorativo
le pastoie burocratiche nelle quali si è infilata la procedura per accedere al fondo antiusura, la cui copertura scade il 20 gennaio prossimo, ma anche l’istanza di fallimento avanzata dall’azienda stessa, per la quale è già stata fissata la prima udienza all’inizio di settembre.

«Si parla di un anticipo di circa due milioni di euro, chiediamo che vengano erogati e che vengano utilizzati prima di tutto per pagare gli stipendi arretrati ai lavoratori, poi per mettere a norma gli impianti, condizione necessaria quest’ultima per arrivare più avanti a poter trasformare l’affitto del ramo d’azienda in acquisizione vera e propria» affermano i due sindacalisti, affiancati ieri da una quarantina di operai, il numero giusto per mantenere il necessario distanziamento sociale ed evitare di incorrere nelle misure anticovid.

A controllare lo svolgersi regolare della manifestazione, dalle 10 del mattino fin verso le 13, c’era anche una pattuglia di carabinieri giunta sul posto da Rezzato.

I problemi della Tematrade nel sito prevallese, con la produzione ormai convertita tutta nell’automotive, a quanto pare non sono si riferirebbero alla carenza di commesse, ma alla mancanza di liquidità.

Agli operai,
sono 35/40 quelli impegnati con una certa continuità, vengono corrisposti piccoli acconti settimanali e fra loro ci sarebbe chi in questi mesi ha accumulato anche 10mila euro di credito nei confronti dell’azienda.

«Gli altri sono stati messi in cassa integrazione, praticamente senza reddito visto che non sono possibili gli anticipi da parte dell’azienda - affermano i rappresentanti sindacali -. Una situazione insostenibile che temiamo possa peggiorare.
Oggi noi siamo qui per chiedere a gran voce che chi può metter mano a questa triste vicenda, faccia senza indugio la sua parte. Il rischio è che questa storia, che sta mettendo in ginocchio decine di famiglie, possa mettersi anche peggio, nonostante ci siano delle soluzioni possibili».

Questo ed altri video, con maggior risoluzione, su VallesabbianewsTV.
Iscriviti al canale youtube di Vallesabbianews.



Vedi anche
24/12/2018 15:35

La vertenza Waris approda in Comune Nella mattinata della vigilia di Natale maestranze Waris e sindacati a confronto con sindaco, assessori e gruppo di maggioranza su vertenza e arretrati

18/12/2017 06:54

Tematrade coglie l'eredità Pasotti A Prevalle è stato inaugurato ufficialmente il nuovo corso di Tematrade, che rileva la fallita Pasotti permettendo a tutte le maestranze il mantenimento del posto di lavoro. VIDEO

01/10/2019 10:55

Picchetto alla Tematrade I dipendenti incrociano le braccia per il ritardo nel pagamento degli stipendi. L’azienda: “Problema di liquidità dovuto agli iter burocratici, speriamo che la situazione a breve si sblocchi"

02/11/2017 10:50

Vertenza L'Alco, distanze fra sindacati e azienda Lavoratori di L’Alco convocati in assemblea lunedì prossimo per discutere le proposte dell’azienda che intende chiudere i poli logistici di Prevalle e Rovato

13/01/2013 09:36

E il presidio continua I Comitati del lago non mollano. Tengono aperto senza sosta il presidio alla Pieve di Idro e chiedono a tutti di sostenerli con una mail da inviare al Ministero



Altre da Valsabbia
10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

09/08/2020

Un cammino di crescita e consapevolezza

È terminata con una traversata in battello da Riva a Salò il trekking “terapeutico” sull’Alto Garda con gli educatori della coop. Area per 12 ragazzi che si trovano in regime di “messi alla prova” dal Tribunale dei Minorenni

08/08/2020

In cammino al passo del Chiese

Prenderà il via lunedì 10 agosto da Acquanegra sul Chiese per giungere domenica 16 agosto in Val di Fumo il percorso a tappe di Mirko Savi e altri 4 suoi amici per lanciare un messaggio di salvaguardia del fiume Chiese

08/08/2020

Un nuovo corso per Oss a prezzo agevolato

Il prossimo 24 agosto al via il nuovo corso di formazione per Operatori socio sanitari promosso da CMVS, Valle Sabbia Solidale, Solco Brescia e Consorzio Laghi presso l'ex centrale di Barghe, un’iniziativa a sostegno della ripartenza occupazionale post Covid-19

07/08/2020

Alle superiori lezioni in aula a rotazione

Due settimane in classe e due a casa, con l'ormai consolidata didattica a distanza. È l'ipotesi su cui si lavora per la riapertura delle scuole a settembre, unitamente ad ingressi scaglionati e aumento delle corse dei mezzi pubblici

07/08/2020

Scuole verso la riapertura, in campo le risorse statali

I fondi stanziati con il Decreto rilancio e i Pon per l'edilizia leggera aiuteranno gli istituti bresciani a ripartire con le dovute misure dopo l'emergenza sanitaria. Contributi in arrivo anche per diversi Comuni valsabbini

07/08/2020

Gavardo entra nell'Aggregazione

Con la minoranza contraria, qualche giorno fa, il Consiglio comunale di Gavardo ha deliberato di affidare alla Comunità montana di Valle Sabbia i servizi di polizia municipale ed amministrativa

05/08/2020

Non è andato tutto bene

Dal PD della Valle Sabbia, una presa di posizione, in merito ai "moti" nagazionisti registrati nei giorni scorsi al Senato, che si contrappongono ai dati sulla pandemia registrati in Regione Lombardia

05/08/2020

Appello per reperire plasma iperimmune

L'Avis di Gavardo cerca donatori idonei per la raccolta di plasma iperimmune attivata dall'Asst del Garda per la cura dei malati affetti da Covid-19

05/08/2020

Le mamme del Chiese e del Garda confidano in una soluzione di buon senso

Mamme del Chiese e mamme del Garda, unite per il buon esito della questione depurazione del Garda, in risposta ad alcune affermazioni lette a seguito del rinvio del Tavolo Tecnico, ritengono necessarie alcune puntualizzazioni. Pubblichiamo volentieri