09 Luglio 2020, 11.16
Valsabbia Garda Provincia
Strutture

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

di Redazione

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture


Più di 40 organizzazioni sanitarie e dei servizi,
del lavoro e della società civile hanno già sottoscritto una lettera aperta indirizzata al presidente della Regione Fontana e all'assessore al Welfare Gallera per chiedere la revisione della delibera di giunta (DGR 3226/2020) che, anche ora che l'emergenza coronavirus si è parzialmente ridimensionata, impedisce ai parenti di fare visita ad anziani e disabili nelle Rsa e nelle Rsd.

L'iniziativa è del gruppo “Connettere Salute”, che unitamente a tutti i firmatari chiede che i nuovi ospiti siano ammessi in struttura dopo due tamponi negativi e che la quarantena di 14 giorni sia fatta all’interno delle strutture e non a casa.

Si chiede inoltre che le visite dei familiari nelle residenze siano consentite da subito con le dovute misure preventive e che sia consentita l'uscita degli ospiti secondo i criteri di sicurezza individuati dal gestore.

La terza istanza dei firmatari è che venga garantito a ciascuna struttura residenziale il necessario sostegno economico, in modo che nessuna di queste si trovi nelle condizione di dichiarare fallimento, con conseguente svendita al mercato privato a causa delle minori entrate e dei maggiori oneri.

La lettera – appello agli amministratori regionali è stata redatta nella consapevolezza che i limiti imposti dalla delibera di giunta sono tuttora causa di gravi disagi per gli ospiti delle strutture e per le loro famiglie e mettono a rischio la sopravvivenza di alcune importanti realtà bresciane nell'ambito dei servizi socio sanitari.

Chi volesse sottoscrivere la lettera può farlo entro il 20 luglio su www.connetteresalute.it.


Vedi anche
01/05/2020 08:25:00

«Se vai dai nonni», da Regione decalogo per visita agli anziani A partire da lunedì 4 maggio si potranno effettuare visite ai parenti. Per quanto riguardo la visita ai propri nonni, Regione Lombardia ha pubblicato una sorta di decalogo perchè avvengano in sicurezza

10/03/2020 10:53:00

Vobarno, un aiuto per anziani, disabili e persone in quarantena Anche l'Amministrazione comunale di Vobarno si è attivata, in questo periodo di emergenza, per provvedere alle necessità delle persone anziane, disabili sole o soggette a quarantena. Ecco come richiedere l’erogazione dei servizi, attivati grazie alla collaborazione di tanti volontari

12/03/2020 08:00:00

Anche Prevalle attiva servizi a domicilio per anziani e disabili In questo momento di emergenza sanitaria le fasce più svantaggiate della popolazione potranno usufruire di servizi dedicati, attivati dal Comune in collaborazione con il gruppo Alpini – Protezione Civile e i due supermercati del paese

04/05/2020 09:48:00

Via libera a prelievi e test rapidi nei laboratori privati Da mercoledì, dopo l'approvazione della relativa delibera da parte della Regione, sarà possibile prenotare le indagini sierologiche presso i laboratori privati autorizzati. Ecco come funziona

13/05/2020 10:27:00

Test sierologici, Girelli: «La Regione non risolve il Far West» Il commento del capodelegazione del PD nella Commissione Sanità del Consiglio regionale Gian Antonio Girelli riguardo all'approvazione della delibera sui test sierologici a pagamento



Altre da Politica e Territorio
09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

08/07/2020

Sanità, Girelli: «Un voto che vale una sfiducia a Gallera»

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd con primo firmatario il consigliere regionale valsabbino del Pd che chiede trasparenza sui fondi pubblici dati ai privati

07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

06/07/2020

Paitone, in servizio il nuovo medico di base

Da oggi – lunedì 6 luglio – a Paitone il dottor Antonio Milano va ad affiancare la dottoressa Merita Cerga nell'assistenza sanitaria

05/07/2020

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle

Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province